Notizia | | 12/02/2024 | Tempo di lettura: ±3 minuti

L’India offre diversi e-visa per viaggi d’affari. I viaggiatori che si recano in India per visitare un’azienda, una fiera, o per fornire prodotti o servizi possono utilizzare il visto e-Business. Per partecipare a una conferenza, un workshop o un seminario, è invece necessario un visto e-Conference.

Visto e-Business per viaggi d’affari

Il visto e-Business consente di svolgere diverse attività commerciali in India. Ad esempio, questo visto consente di partecipare a riunioni di lavoro o fiere, visitare partner commerciali, negoziare, o reclutare personale in India. Con un visto e-Business è anche possibile svolgere attività di installazione e fornire prodotti o servizi. Pertanto, la maggior parte dei viaggiatori d’affari diretti in India può utilizzare il visto e-Business, ovvero il visto d’affari per l’India più semplice e veloce da richiedere.

Non è possibile partecipare a conferenze con il visto e-Business

Con il visto e-Business non è possibile partecipare a conferenze, workshop o seminari in India. Le autorità indiane hanno introdotto un visto elettronico apposito: il visto e-Conference. In precedenza, il visto e-Business consentiva di partecipare a conferenze non organizzate dal governo indiano. Adesso è necessario richiedere un visto e-Conference anche per conferenze organizzate da aziende o individui.

Requisiti e validità del visto e-Conference

Mentre il visto e-Business è valido per un anno e consente di soggiornare più volte in India per un massimo di 180 giorni consecutivi, il visto e-Conference è valido per 30 giorni ed è un visto single-entry (a ingresso singolo). Il periodo di validità di 30 giorni di questo visto inizia al momento dell’arrivo in India.

Escludendo la finalità di viaggio, le condizioni a cui è soggetto il visto e-Conference sono le stesse a cui sono soggetti il visto e-Business e il visto e-Tourist per l’India. I viaggiatori possono entrare nel Paese solo passando per determinati porti e aeroporti. Il passaporto utilizzato durante il viaggio deve essere valido per almeno sei mesi dall’arrivo in India e deve contenere almeno due pagine vergini. Inoltre, i viaggiatori devono dimostrare di disporre di risorse finanziare sufficienti per pagare il viaggio in India, ad esempio tramite un estratto conto. Infine, è necessario esibire una conferma di prenotazione per il volo di ritorno o di transito dall’India, o comunque una prova che si lascerà il Paese.

Documenti necessari per il visto e-Conference

Per richiedere il visto e-Conference è necessario consegnare documenti diversi rispetto a quelli necessari per richiedere il visto e-Business. Infatti, per il visto e-Business è necessario presentare una copia del passaporto, una fototessera, un biglietto da visita e una lettera d’invito da parte dell’azienda che il viaggiatore visiterà in India. Per il visto e-Conference, invece, è necessario caricare una copia del passaporto, una fototessera e una lettera d’invito da parte dell’organizzatore dell’evento a cui il viaggiatore parteciperà. Oltre a questi documenti, è necessario richiedere un permesso specifico (detto political clearance) presso il Ministero degli Esteri indiano.

I viaggiatori provenienti da Afghanistan, Pakistan, Sudan, e i viaggiatori apolidi devono rivolgersi al Ministero degli Interni indiano per richiedere un permesso (detto event clearance) per partecipare all’evento. Anche i viaggiatori che intendono partecipare a una conferenza, un workshop o un seminario in specifiche regioni dell’India devono richiedere questo permesso. Queste regioni prendono il nome di Restricted Area (area riservata) o Protected Area (area protetta). Fanno parte delle aree riservate e protette dell’India alcune regioni degli stati di Jammu, Kashmir, Himachal Pradesh, Rajasthan e Uttarakhand, gli stati interi di Arunachal Pradesh, Manipur, Mizoram, Nagaland, Sikkim e il territorio delle isole Andamane e Nicobar.

Se non intendi partecipare a conferenze, workshop o seminari in India, ma visiti il Paese per altri motivi professionali, dovrai richiedere il visto e-Business.

Richiedi il visto per il tuo viaggio d’affari in India

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali il visto per l’India. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un visto anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (25,63 USD per visto, tramite indianvisaonline.gov.in). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta e tutti i documenti da te forniti prima di inoltrare tutto al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 25,63 USD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 35,93 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di visto India per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.