Inserisci una parola chiave qui sotto per trovare rapidamente la risposta alla tua domanda sul visto India

Domande generali sul visto India

  • Mi serve un visto per viaggiare in India?

    I viaggiatori della maggior parte dei Paesi, Italia compresa, hanno sempre bisogno di un visto per recarsi in India, a prescindere dal fatto che entrino nel Paese in aereo, in nave (da crociera), in treno, in auto o in autobus. Fanno eccezione soltanto i viaggiatori con cittadinanza e passaporto di India, Maldive, Bhutan o Nepal.

    Chi si reca in India per un breve transito potrebbe non aver bisogno di un visto. Per ulteriori informazioni a riguardo, consulta la risposta alla domanda “Ho bisogno di un visto per un transito in India?”

    I viaggiatori provenienti dai Paesi dell’UE, tra cui l’Italia, possono richiedere il visto per l’India online. Lo stesso vale per i viaggiatori di molti altri Paesi, tra cui anche il Regno Unito e la Svizzera. I cittadini di altri Paesi possono verificare su questa pagina se la loro cittadinanza è idonea alla procedura di richiesta online. La procedura di richiesta online è il modo più semplice di ottenere il visto, in quanto non è necessario visitare l’ambasciata.

    Richiedi subito il tuo visto India online

    Il visto per l’India che si può ottenere online prende il nome di eVisa. Esistono diversi tipi di eVisa per l’India. I visti elettronici più comunemente utilizzati sono l’e-Tourist per turisti e l’e-Business per viaggiatori d’affari. Il visto elettronico per turisti è disponibile in due varianti, ossia con una validità di 30 giorni o di 1 anno. Il visto per viaggiatori d’affari è sempre valido 1 anno. Nel modulo di richiesta è possibile selezionare una tra le tre varianti di eVisa.

    La procedura di richiesta online consiste nel compilare il modulo, pagare i costi e fornire alcuni documenti. Tutte queste fasi si svolgono in un ambiente online sicuro, con istruzioni chiare passo per passo. Una volta approvata la richiesta, il visto viene recapitato per e-mail, dopodiché non resta che stampare il documento per poterlo esibire insieme al passaporto al momento dell’arrivo in India.

    Apri subito il modulo di richiesta del visto India elettronico

  • Quale tipo di visto India devo richiedere?

    Puoi richiedere il tuo visto India online o presso l’ambasciata. Presentare una richiesta online è il modo più semplice di ottenere un visto. Tuttavia, è necessario requisiti del visto elettronico. Oltre a essere più semplice, una richiesta online è anche più economiche e vengono elaborate più velocemente rispetto alle richieste di visto presentate all’ambasciata. Inoltre, poiché tutti i dati e i documenti necessari per la richiesta di un visto elettronico possono essere forniti in formato digitale, si può fare tutto dal comfort di casa propria.

    Presenta subito una richiesta di visto online

    Tramite il modulo di richiesta online di questo sito web, è possibile richiedere tre varianti di eVisa India. Se viaggi in India per affari o unisci una vacanza a un viaggio di lavoro, richiedi sempre un visto eBusiness. Se invece ti rechi in India solo per turismo e non ti trattieni più di 30 giorni, puoi optare per il visto e-Tourist con validità di 30 giorni. Se viaggi per turismo ma vorresti fermarti nel Paese per più di 30 giorni oppure fare più viaggi in India con lo stesso visto turistico, richiedi un e-Tourist con validità di 1 anno. Per maggiori informazioni, consulta la pagina sulla validità del visto India elettronico.

    Ogni tipo di visto può essere richiesto con tutto l’anticipo desiderato, ma la variante con validità di 30 giorni verrà inviata per e-mail al massimo 21 giorni prima della partenza. Nel caso di un lungo viaggio in crociera, per esempio, potrebbe rivelarsi utile richiedere il visto turistico con validità di 1 anno, dal momento che questa variante può essere rilasciata già con 120 giorni di anticipo.

    Se non soddisfi tutti i requisiti per il visto elettronico oppure preferisci richiedere il visto di persona anziché online, in entrambi i casi puoi contattare l’ambasciata o il consolato dell’India.

  • Ho bisogno di un visto per un transito in India?

    Chiunque lasci la zona di transito dellʼaeroporto durante un transito in India, ha sempre bisogno di un visto. Anche per un transito è possibile utilizzare il visto turistico che si può richiedere online. Esiste anche un visto di transito specifico, adatto a un transito in India di massimo 3 giorni. Tuttavia, per ottenere questo visto di transito è necessario recarsi due volte presso un consolato o unʼambasciata: una volta per consegnare il passaporto e una volta per ritirarlo con il visto apposto. Per questo motivo, la maggior parte dei viaggiatori preferisce utilizzare il visto turistico che può essere facilmente richiesto online.

    Richiedi subito il visto turistico

    Se non lascerai la zona di transito dellʼaeroporto durante il transito in India, allora in linea di massima non ti serve un visto. Attenzione: a volte i viaggiatori in transito devono imbarcare il bagaglio sul volo successivo lasciando la zona di transito. In questo caso, il visto è obbligatorio. Inoltre, alcune compagnie aeree verificano che tutti i viaggiatori siano in possesso di un visto già al momento dellʼimbarco e non fanno eccezioni per i viaggiatori che si recano in India solo per un transito. Se voli in India solo per un transito, informati se potrai imbarcarti senza un visto contattando la tua compagnia aerea in anticipo rispetto alla partenza.

  • Per quanto tempo è valido il mio visto India?

    La validità dipende dal tipo di visto richiesto. Su questo sito web si può scegliere tra tre tipi di visto, ciascuno con una validità diversa.

    1. Il visto e-Tourist valido 30 giorni
    Si tratta del visto più richiesto, che permette di soggiornare in India per 30 giorni. Questo visto turistico elettronico si può richiedere con tutto l’anticipo desiderato, ma non viene mai concesso più di 21 giorni prima della partenza. È possibile entrare in India due volte, la prima entro 30 giorni dalla concessione del visto. Un eventuale secondo ingresso deve rientrare nei 30 giorni successivi alla data del primo arrivo nel Paese. È obbligatorio ripartire dall’India (entrambe le volte) entro 30 giorni dal primo ingresso.

    Richiedi subito un visto e-Tourist per un soggiorno di 30 giorni

    Se ti serve un visto più di 3 settimane prima del viaggio in India, richiedi un e-Tourist valido 1 anno.

    2. Il visto e-Tourist valido 1 anno
    Questo visto turistico ha una validità di 1 anno che decorre dalla data di rilascio. È un visto multiple-entry, il che significa che si può viaggiare in India tutte le volte che lo si desidera per un anno a partire dalla data di rilascio. Tuttavia, per ogni viaggio non è possibile trascorrere più di 90 giorni consecutivi nel Paese. Il visto consente di trascorrere in India un massimo di 180 giorni in un anno solare. Non è consentito rimanere in India dopo la scadenza del visto: è necessario lasciare il Paese entro e non oltre il giorno di scadenza del visto, cioè esattamente 1 anno dopo il rilascio.

    Il visto e-Tourist valido 1 anno non viene preso in carico più di 120 giorni prima della data di partenza prevista. Puoi richiedere il visto anche prima, ma non lo riceverai più di 120 giorni prima della partenza.

    Richiedi ora il visto e-Tourist valido 1 anno

    3. Il visto eBusiness
    Il visto e-Business è adatto ai viaggiatori dʼaffari. È un visto multiple-entry valido 1 anno e autorizza un numero illimitato di soggiorni. Ogni singolo soggiorno non può superare 180 giorni consecutivi, ma non esiste un limite al numero totale di giorni da trascorrere in India nel corso dell’anno di validità del visto. Tuttavia, se intendi fermarti in India per più di 180 giorni in un anno solare o con un singolo visto, devi registrarti presso un Foreigners Registration Officer (FRO) o un Foreigners Regional Registration Officer (FRRO).

    Le richieste di visto e-Business non vengono mai elaborate più di 120 giorni prima della data prevista per l’arrivo in India.

    Richiedi subito un visto e-Business

  • Quali requisiti devo soddisfare?

    L’utilizzo un visto India elettronico è soggetto a una serie di requisiti. Innanzitutto, devi tenere conto dei requisiti sulla cittadinanza. La procedura di richiesta online, infatti, non è disponibile per tutti i viaggiatori. I cittadini italiani possono richiedere il visto online, così come i cittadini di tutti i Paesi dell’Unione Europea, Regno Unito e Svizzera. I viaggiatori di altre nazionalità possono controllare su questa pagina se possono richiedere un eVisa India.

    Esistono anche alcuni requisiti per quanto riguarda il passaporto che viene utilizzato per la richiesta di visto e il viaggio in India. Ogni viaggiatore deve essere munito del proprio passaporto, bambini compresi. La richiesta del visto va fatta con un passaporto ordinario e viene accettato anche il passaporto tedesco per bambini (Kinderreisepass). Non è possibile richiedere un visto per l’India online con un passaporto di emergenza, un passaporto diplomatico, un documento di viaggio per stranieri o un lasciapassare.

    Il passaporto deve avere una validità residua di almeno sei mesi a partire dall’arrivo in India e includere due pagine vuote. Se il tuo passaporto scade entro sei mesi dalla data prevista per l’arrivo in India, il consiglio è di richiedere un nuovo passaporto prima di richiedere il visto.

    Inoltre, esistono requisiti sulla finalità di viaggio. Il visto elettronico è destinato a viaggi turistici o d’affari. Tra le finalità del viaggio turistico rientrano attività quali visite a monumenti, spiagge, musei, corsi di yoga o di cucina, visite ad amici o familiari. Con il visto turistico è consentito anche ricevere cure ayurvediche. Il visto elettronico per viaggi d’affari è destinato ad attività commerciali come incontri con partner commerciali o visite a fiere. Con l’e-Business è possibile anche fornire servizi commerciali in India, a condizione di non venire assunti da un’azienda indiana. Inoltre, è consentito anche fornire, installare ed effettuare manutenzione su beni commerciali. Durante il tuo viaggio d’affari in India è consentito anche assumere personale. Un visto elettronico non consente di lavorare per una ONG o svolgere attività giornalistiche. Se il tuo viaggio ha finalità diverse, contatta l’ambasciata dell’India per la richiesta di un altro tipo di visto.

    Infine, esistono alcuni requisiti legati all’itinerario del viaggio. Il visto elettronico per l’India consente di entrare nel Paese dai principali aeroporti e porti marittimi internazionali. Verifica prima di presentare la richiesta di visto che le località di arrivo e di partenza figurino nell’elenco dei valichi di frontiera autorizzati. Al momento dell’arrivo in India devi avere già un biglietto di ritorno o di transito dal Paese, che sia un biglietto aereo, dell’autobus, del treno o della nave. Potresti anche dover dimostrare di disporre di risorse finanziarie a sufficienza per il tuo soggiorno in India. Se intendi visitare una delle regioni protette dell’India, oltre al visto avrai bisogno anche di un permesso speciale.

    In alcuni casi, per viaggiare in India è obbligatorio sottoporsi a determinate vaccinazioni. Esistono inoltre alcune vaccinazioni che vengono espressamente consigliate per tutti i viaggi in India. Consulta il tuo medico di base prima della partenza per sapere quali le vaccinazioni si addicono al tuo caso.

    Se soddisfi tutti i requisiti di cui sopra, richiedi subito un visto elettronico per l’India. Se invece non sei ancora sicuro/a di essere idoneo/a, leggi la pagina con la spiegazione dettagliata dei requisiti per l’utilizzo di un eVisa India.

  • Posso viaggiare in India se ho precedenti penali?

    Se si è mai stati arrestati, perseguiti o condannati per qualsiasi reato, non è possibile ottenere un visto India elettronico. Lo stesso vale per chi è stato espulso da un Paese o ha favorito pubblicamente attività criminali come il terrorismo. In questo caso, per poter viaggiare in India è necessario contattare ambasciata indiana.

    Se hai mai ricevuto una multa per aver violato il codice della strada, generalmente è ancora possibile ricorrere al visto elettronico per l’India. Nel caso di un’infrazione che ha comportato un precedente penale, non è più possibile ricorrere al visto elettronico ma è obbligatorio contattare l’ambasciata indiana.

  • Devo andare all’ambasciata o al consolato per richiedere il visto?

    Di solito non è necessario recarsi all’ambasciata o al consolato dell’India per richiedere un visto. Questo perché la maggior parte dei viaggiatori può richiedere il visto online. La richiesta online consiste nella compilazione di un modulo digitale e il caricamento di alcuni documenti. Dopodiché, si effettua il pagamento online. Se la richiesta di visto viene approvata, il visto viene recapitato via e-mail (in formato pdf). In questo modo, è possibile svolgere da casa l’intera procedura di richiesta.

    Presenta subito la tua richiesta di visto per l’India

    La procedura di richiesta online prevede alcuni requisiti: leggili attentamente prima di inoltrare la richiesta.

  • Ho una carta PIO o una carta OCI, ho bisogno di un visto?

    No. Se possiedi una carta PIO o OCI in corso di validità, non hai bisogno di un visto. All’arrivo in India dovrai esibire soltanto un passaporto valido e la tua carta PIO o OCI.

  • Voglio visitare una regione speciale dell’India, mi serve un permesso?

    Nel nord-est dell’India ci sono alcune aree protette. Per visitare queste regioni è necessario procurarsi un permesso speciale, più precisamente un Restricted Area Permit (RAP) o un Protected Area Permit (PAP). Insieme a quest’autorizzazione ci vuole sempre anche un visto India. Le regioni protette sono le seguenti:

    • Arunachal Pradesh
    • Himachal Pradesh
    • Jammu e Kasjmir
    • Rajasthan
    • Sikkim
    • Uttarakhand
    • Manipur
    • Mizoram
    • Nagaland

    I viaggiatori diretti alle Isole Andamane e Nicobare generalmente non hanno bisogno di speciali autorizzazioni. Per maggiori informazioni sui permessi obbligatori, consulta questo articolo sulle regioni speciali dell’India.

  • Il Covid-19 influisce ancora sui miei piani di viaggio?

    L’India ha modificato più volte le sue misure contro il coronavirus. Controlla la situazione attuale relativa al coronavirus in India sia con largo anticipo rispetto alla partenza che appena prima della partenza.

Domande sulla procedura di richiesta

  • Come faccio a richiedere un visto per l’India online?

    Il visto India è un cosiddetto eVisa, ossia un visto la cui procedura di richiesta si svolge interamente online. Compili il modulo di richiesta, carichi i documenti e paghi i costi, tutto online. Dopo l’approvazione, ricevi il visto in formato digitale. La procedura di richiesta è composta da diversi passaggi.

    1. Compilare il modulo
    Come prima cosa, devi compilare il modulo di richiesta del visto India. Compila il modulo con i tuoi recapiti, i dati relativi al viaggio e alcuni dati personali. Compila con cura tutti i dati per evitare errori, prestando particolare attenzione ai dati del passaporto. Cliccando sul pulsante “Aggiungi un viaggiatore”, puoi aggiungere più viaggiatori a un’unica richiesta.

    Apri il modulo di richiesta del visto India

    2. Effettuare il pagamento
    Dopo aver compilato il modulo, potrai ricontrollare i dati inseriti. Presta attenzione a questo passaggio. Dopodiché, potrai effettuare il pagamento: il costo del visto può essere pagato con diversi metodi di pagamento. Per saperne di più, consulta la domanda “Quanto costa un visto India?”.

    3. Fornire i documenti
    Per completare la richiesta, è necessario fornire una serie di documenti. La procedura avviene in un ambiente online sicuro. Per ogni viaggiatore è necessario caricare una foto e una copia del passaporto. I viaggiatori d’affari devono fornire anche un biglietto da visita e una lettera di invito. Per maggiori informazioni sui requisiti che questi documenti devono soddisfare, leggi la risposta alla domanda “Di quali dati e documenti ho bisogno?”.

    La richiesta è da considerarsi completa dopo la consegna digitale dei documenti. Successivamente, un addetto di Visti.it verificherà che la richiesta sia completa e che i dati e i documenti consegnati soddisfino i requisiti. Alcuni piccoli errori possono essere corretti immediatamente, mentre in altri casi è necessario modificare i propri dati o fornire nuovi documenti. In questi casi, verrai contattato/a il prima possibile, così che la richiesta possa essere elaborata il prima possibile.

    Inizia subito a richiedere il tuo visto India elettronico

  • Quando presentare la richiesta?

    Il consiglio è di presentare la richiesta di visto non appena si prenotano il viaggio e il primo alloggio in India. L’ideale è richiedere il visto con largo anticipo, perché i tempi di consegna non possono mai essere garantiti. Inoltre, un visto ottenuto in anticipo permette di stare più tranquilli.

    Nel modulo di richiesta vanno inseriti l’alloggio della prima notte, la località di arrivo e quella di partenza. Se non sei a conoscenza della località di arrivo o di partenza in India o di dove pernotterai, puoi comunque richiedere il visto in anticipo. Infatti, è possibile deviare dall’alloggio e/o dalle località di arrivo e di partenza dichiarate. Se questi aspetti del tuo programma di viaggio soddisfano i requisiti, non è necessario comunicare eventuali modifiche. Non sai ancora quando arriverai in India? Se il tuo arrivo in India rientra nel periodo di validità del visto, non è necessario arrivare nel Paese nella data esatta indicata nel modulo di richiesta.

    Richiedi il visto per l’India

    È possibile anche richiedere il visto molto prima della partenza, ma tieni presente che la tua richiesta potrebbe essere messa in attesa. Ad esempio, i visti da 30 giorni non vengono concessi prima di 21 giorni dalla data di arrivo prevista, mentre i visti da 1 anno vengono concessi a partire da 120 giorni prima della partenza. Questo garantisce che la validità del visto non venga a meno nel momento del viaggio.

  • Di quali dati e documenti ho bisogno?

    Per richiedere un visto India, è necessario compilare un modulo digitale, pagare le spese e fornire i documenti richiesti. Assicurati di avere a portata di mano tutti i dati e i documenti richiesti, in modo da presentare la richiesta velocemente e correttamente:

    Recapiti. Qui dovrai inserire il tuo indirizzo e-mail.
    Dati relativi al viaggio. Si tratta delle date del viaggio e le località di arrivo e di partenza. Devi anche specificare le località che vuoi visitare in India e dove alloggerai. In seguito potrai modificare i tuoi piani di viaggio.
    Dati di tutti i viaggiatori. Qui vanno inseriti i dati del passaporto e alcuni dati di tutti i viaggiatori, come informazioni sul datore di lavoro e i nomi dei genitori.

    Dopo aver pagato i costi, vanno caricati i seguenti documenti in formato digitale per ogni viaggiatore:

    Una foto recente. Può essere una foto professionale o un autoscatto, ma non può essere presa dal passaporto. La foto deve essere nitida, il volto completamente a fuoco e lo sguardo dritto verso l’obiettivo. Il viaggiatore non dovrebbe indossare abiti con stampe vistose e lo sfondo deve essere a tinta unita.
    Una scansione o una foto del passaporto. L’immagine deve essere nitida e a colori. L’intera pagina informativa del passaporto deve essere visibile, compresa la firma del viaggiatore. Assicurati che nessuna parte sia coperta (ad esempio da un dito). Tutti i dati devono essere chiaramente leggibili.

    Oltre alla foto e alla copia del passaporto, i viaggiatori d’affari devono fornire anche un biglietto da visita e una lettera di invito. Il biglietto da visita deve contenere il nome del viaggiatore, l’indirizzo e-mail e il numero di telefono, oltre al nome del datore di lavoro. Se non hai un biglietto da visita, puoi utilizzare lo cattura schermo di un’e-mail o un altro documento con gli stessi dati e un layout simile. La lettera d’invito deve contenere i seguenti dati: il nome del viaggiatore, il nome dell’azienda da visitare in India, il nome e l’indirizzo del datore di lavoro nel Paese d’origine.

    I documenti vanno consegnati dopo aver pagato i costi. È possibile pagare i costi del visto online con Visa, Mastercard, Nexi, American Express, Postepay o PayPal.

    Ho tutti i documenti a portata di mano e voglio iniziare la richiesta di visto

  • C’è uno 0 o una O nel mio numero di passaporto?

    I numeri di passaporto italiani sono composti da 9 caratteri; una sequenza alfanumerica di due lettere che indicano tipologia e serie del passaporto, seguite da sette numeri arabi. Il numero di passaporto non è sensibile alle maiuscole, quindi non importa se inserisci il numero del passaporto in minuscole o maiuscole.

    Se presenti la richiesta di visto India su Visti.it viene sempre verificato se non sia stata inserita per sbaglio una lettera O al posto del numero 0 e viceversa. Se questo errore viene rilevato, verrà immediatamente corretto, affinché tu possa comunque partire per il tuo viaggio.

    Hai presentato la tua richiesta di visto tramite un altro sito web? In tal caso, nella maggior parte dei casi questo tipo di errore non verrà corretto e il tuo visto potrebbe non essere valido. Non è possibile modificare il numero del passaporto dopo che la richiesta è stata presentata, quindi in tal caso sarà necessario richiedere un visto interamente da capo.

  • Quanto costa un visto India?

    I costi di un visto India dipendono dal tipo di visto richiesto. Su Visti.it puoi richiedere online tre diversi tipi di visti per l’India. Si tratta dei seguenti:

    • La variante del visto ‘e-Tourist’ valida 30 giorni: 59,95 €
    • La variante del visto ‘e-Tourist’ valida 1 anno: 84,95 €
    • Il visto ‘e-Business’ valido 1 anno: 139,95 €

    Il visto e-Tourist valido 30 giorni è adatto alla maggior parte delle vacanze ed è quindi la variante più popolare del visto per l’India. Tutti i prezzi sono da intendersi a persona e non sono previsti sconti per richieste di gruppo.

    Richiedendo un visto su Visti.it puoi usufruire di una serie di servizi facoltativi a pagamento. Puoi optare per la consegna urgente che ti permette di ricevere il visto più rapidamente per un supplemento di 17,50 € a persona oltre al costo del visto. Un’altra possibilità è compensare le emissioni di CO₂ dei voli. Il costo esatto dei supplementi per queste opzioni aggiuntive è indicato nel modulo di richiesta.

  • Posso richiedere un visto per un’altra persona?

    Sì, è possibile presentare una richiesta di visto anche per un’altra persona, a patto di avere il consenso dell’interessato. Puoi anche aggiungere più persone a un modulo di richiesta in modo da poter presentare più richieste di visto allo stesso tempo. Per farlo, clicca sul pulsante "Aggiungi un viaggiatore" nel modulo di richiesta.

    Nel modulo di richiesta vanno inseriti alcuni dati personali per ogni viaggiatore. Per questo motivo, nel caso di una richiesta di visto per un’altra persona, è necessario avere il permesso di quest’ultima. Una volta completato il modulo di richiesta, dovrai inoltre confermare che tutti i dati inseriti siano corretti e completi. Se stai richiedendo un visto per un minore, sarà un genitore o tutore del viaggiatore minorenne a dover confermare che i dati inseriti siano corretti e completi.

Dopo aver presentato la richiesta

  • Come viene consegnato il visto?

    Una volta che la richiesta di visto è stata approvata, riceverai un’e-mail e un SMS. Nell’e-mail troverai alcune istruzioni per scaricare il tuo visto. Il visto viene sempre consegnato in formato PDF. Una volta ricevuto il visto, puoi subito stamparlo e utilizzarlo per recarti in India.

  • Come porto con me il visto in viaggio?

    È obbligatorio stampare il visto per poterlo esibire all’arrivo in India. Il consiglio è di stampare due copie del visto a colori e tenerne una nel bagaglio a mano e una nel bagaglio da stiva. Per sicurezza, conserva una copia digitale anche sul tuo smartphone.

  • Quanto ci vuole per ricevere il visto India?

    Il visto viene elaborato in media entro 7 giorni a partire dall’inoltro della richiesta. Nel caso delle richieste urgenti, il visto viene elaborato in media già dopo 24 ore. I tempi di consegna decorrono dal momento in cui tutti i documenti richiesti vengono ricevuti correttamente.

    Attenzione: i tempi di consegna indicati sono medi e non possono mai essere garantiti. Nella maggior parte dei casi, i visti vengono consegnati entro questi tempi medi, ma in casi eccezionali possono verificarsi ritardi che allungano l’elaborazione delle richieste. I motivi di tali ritardi possono essere guasti tecnici, una straordinaria affluenza di richieste, festività o controlli a campione da parte delle autorità indiane. Lo stesso vale per le richieste urgenti.

    La differenza tra una richiesta di visto con la consegna urgente e una richiesta ordinaria senza consegna urgente è la velocità con cui Visti.it prende in carico la richiesta. Una richiesta urgente viene sempre presa in carico entro 24 ore, spesso già dopo un’ora. In questo arco di tempo, la richiesta viene ispezionata per verificare che non siano presenti comuni errori di battitura e, se tutto è in regola, viene inoltrata direttamente al Dipartimento per l’Immigrazione in India. Il Dipartimento per l’Immigrazione verifica quindi se il richiedente è idoneo e se soddisfa i requisiti del visto. Visti.it non può in alcun modo influenzare la velocità di elaborazione della tua richiesta da parte dalle autorità indiane.

  • Cosa posso fare se la mia richiesta di visto è in sospeso da più tempo del previsto?

    Innanzitutto, controlla se hai ricevuto un’e-mail da Visti.it. Controlla anche la posta indesiderata (“spam”). A volte, Visti.it invia un’e-mail con informazioni importanti sulla tua richiesta di visto. Se non hai ricevuto alcun tipo di comunicazione sullo stato della tua richiesta, controlla la tua pagina personale dello stato della richiesta. Su questa pagina puoi visualizzare lo stato della tua richiesta. Puoi accedere alla tua pagina dello stato della richiesta cliccando il link in una delle e-mail di Visti.it, ma puoi controllare lo stato della tua richiesta anche sul sito web. La pagina dello stato della richiesta indica anche i casi in cui può essere utile contattare il servizio clienti.

    Sto aspettando l’approvazione di una richiesta all’interno di una richiesta di gruppo
    Capita regolarmente che le richieste allʼinterno di una richiesta di gruppo vengano approvate in momenti diversi. Le richieste vengono sempre esaminate singolarmente e può capitare che passino diversi giorni tra l’approvazione della prima e dell’ultima richiesta di una richiesta di gruppo. Il motivo potrebbe essere, per esempio, un controllo a campione o un particolare sovaffollamento di richieste al Dipartimento per l’Immigrazione. Le richieste che rimangono in sospeso per più tempo non hanno maggiori probabilità di essere respinte.

    Vorrei accelerare l’elaborazione della mia richiesta
    Dopo che la richiesta è stata presentata, non è possibile accelerarne l’elaborazione, in quanto viene inoltrata al Dipartimento per l’Immigrazione indiano quasi subito dopo l’invio dei documenti richiesti. Visti.it non può influire sulla velocità di approvazione delle richieste da parte del Dipartimento per l’Immigrazione. Inoltre, non è possibile convertire una richiesta ordinaria in una richiesta urgente dopo la presentazione della richiesta. Non presentare mai una seconda richiesta per ottenere un visto più velocemente, poiché causerebbe solo problemi e (ulteriori) ritardi.

  • Non ho ricevuto un’e-mail di conferma

    Dopo aver effettuato il pagamento, riceverai immediatamente un’e-mail di conferma della ricezione della richiesta. A seconda del tuo software di posta elettronica, la ricezione della conferma potrebbe richiedere un po’ di tempo in più. Controlla sempre anche la cartella della posta indesiderata e verifica sempre di avere memoria a sufficienza per ricevere nuove e-mail.

    Se dopo 24 ore non hai ancora ricevuto un’e-mail di conferma né l’hai trovata nella cartella della posta indesiderata, consulta la pagina relativa ai contatti per leggere come controllare lo stato della richiesta e, se necessario, contattare il servizio clienti.

  • Come modificare i dati della richiesta?

    Se non hai ancora caricato i documenti
    Puoi ancora modificare tutti i dati senza problemi. Per farlo, rispondi a una delle e-mail che hai ricevuto da Visti.it spiegando che vuoi modificare i dati della tua richiesta. Includi il numero dell’ordine, il tuo nome e cognome e data di nascita.

    Se hai già caricato i documenti
    Una richiesta viene elaborata quasi subito dopo l’approvazione dei documenti forniti (foto e passaporto). Da quel momento in poi, non è più possibile modificare i propri dati, ma in molti casi non è nemmeno necessario. Di solito, una richiesta con dati errati viene comunque approvata e il visto viene concesso. Spesso, ma non sempre, è possibile utilizzare questo visto per il proprio viaggio in India. Per saperne di più su quali errori costituiscono un problema e quali no, consulta la domanda “Cosa succede se i dati del mio visto non sono corretti?”

  • Cosa succede se i dati del mio visto non sono corretti?

    La tua richiesta è stata approvata ma hai riscontrato un errore nei dati del visto? Non è sempre un problema, ma ci sono alcuni errori che effettivamente invalidano un visto.

    Sono cambiati i recapiti, l’itinerario di viaggio o la professione, oppure non sono più validi altri dati inseriti nel modulo di richiesta ma che non compaiono sul visto?
    In tutti questi casi, puoi usare il visto senza problemi per il viaggio in India. Puoi recarti in India entro il periodo di validità indicato sul visto; è possibile entrare e uscire dal Paese attraverso tutti i porti aerei e marittimi indicati sul visto. L’uscita dall’India è consentita anche attraverso una serie di altri porti aerei e marittimi e attraverso un valico di frontiera terrestre, a condizione che il valico sia dotato di un posto di controllo.

    Il nome sul visto è sbagliato?
    Il tuo nome deve essere riportato sul visto esattamente come compare nella zona a lettura ottica del passaporto. Per questo motivo, l’ortografia del tuo nome sul visto può discostarsi dall’ortografia abituale del tuo nome, soprattutto se il tuo nome contiene caratteri speciali, accenti o dieresi (come ä, ö, ü, ß, é o ç). Controlla se il tuo nome sul visto corrisponde perfettamente alle due righe che contengono molti "<<<" in fondo alla pagina plastificata del passaporto. Se l’ortografia corrisponde, allora il nome sul visto è scritto correttamente. Se invece l’ortografia del nome sul visto non corrisponde a quella nella zona a lettura ottica del passaporto, il nome non è scritto correttamente e di conseguenza il visto non è valido.

    Il numero di passaporto o la nazionalità non sono corretti?
    Se uno di questi dati è diverso sul visto rispetto al passaporto, il visto non sarà valido. Se hai richiesto il visto con un vecchio passaporto e ne utilizzerai uno nuovo per il viaggio in India, potrai ancora utilizzare il visto. In questo caso, porta in viaggio con te il visto, il vecchio passaporto e il nuovo passaporto.

    Non torna la validità del visto
    Il periodo di validità è quello compreso tra le date indicate alle voci Date of issue e Date of expiry: durante tutto questo periodo ti sarà consentito entrare in India. Nel caso del visto valido per 30 giorni, la data alla voce Date of expiry of ETA è l’ultimo giorno in cui poter arrivare in India. All’arrivo in India, sul tuo passaporto verrà apposto un timbro. A partire dalla data indicata, è sempre consentito soggiornare nel Paese per un massimo di 30 giorni. Non è possibile arrivare in India oltre la data di scadenza del visto.

    Il visto non è valido per via di un errore?
    Una volta che il visto viene approvato, non è più possibile correggere errori. L’unica soluzione in questo caso è richiedere un nuovo visto per l’India. Una nuova richiesta sovrascrive sempre tutte le eventuali richieste precedenti.

    Richiedi subito un nuovo visto India

  • Posso ancora annullare la mia richiesta di visto?

    Una richiesta di visto può essere annullata fino a quando non viene elaborata dal Dipartimento per l’Immigrazione indiano. Questo avviene quasi immediatamente dopo l’invio dei documenti da parte tua e la relativa approvazione da parte di Visti.it. Da quel momento in poi, annullare la richiesta non sarà più possibile.

    Dal momento che la maggior parte dei viaggiatori desidera ricevere visto il prima possibile, non esiste un periodo di riflessione o di revoca, come indicato anche nelle condizioni generali che hai accettato nel momento in cui hai presentato la richiesta di visto.

  • Dove trovo la fattura relativa alla mia richiesta di visto?

    Subito dopo aver presentato la richiesta, potrai scaricare una ricevuta dalla tua pagina dello stato della richiesta. Si tratta di una conferma di pagamento, non di una fattura. La fattura potrà invece essere scaricata dalla stessa pagina solo dopo la completa elaborazione della richiesta.

    Trovi il link alla tua pagina personale dello stato della richiesta anche nell’e-mail ricevuta dopo l’inoltro della richiesta. Su questa pagina puoi scaricare la fattura cliccando su “Fattura: Scarica”.

  • La mia richiesta di visto è stata respinta, cosa fare?

    È molto raro che una richiesta di visto per l’India venga respinta, ma se dovesse accadere, il primo passo è individuare il motivo del rifiuto. Non è sempre facile, poiché il Dipartimento per l’Immigrazione di solito non fornisce spiegazioni. In genere, un rifiuto è dovuto a uno dei seguenti motivi:

    • hai compilato (intenzionalmente o meno) il modulo in modo errato;
    • i tuoi documenti non soddisfano i requisiti;
    • non soddisfi tutti i requisiti del visto India elettronico;
    • non hai risposto in tempo o correttamente a una richiesta del Dipartimento per l’Immigrazione;
    • il Dipartimento per l’Immigrazione ha motivo di ritenerti una minaccia per l’ordine pubblico in India.

    Se sai di per certo che la tua richiesta è stata respinta per via del modulo di richiesta compilato in modo errato o di documenti errati, è probabile che, presentando una nuova richiesta, quest’ultima verrebbe approvata. Se non conosci il motivo del rifiuto della tua richiesta, di solito non ha molto senso presentarne una nuova, in quanto è probabile che anche la nuova richiesta venga respinta. In tal caso, contatta l’ambasciata indiana per sapere se sei idoneo/a a un altro tipo di visto.

    Presenta una nuova richiesta di visto

  • Posso prolungare la validità del mio visto?

    È possibile estendere la validità del visto India, ma non su Visti.it. Per la proroga è infatti necessario rivolgersi a un Foreigners Registration Officer (FRO) o un Foreigners Regional Registration Officer (FRRO) online oppure presso un ufficio in India.

    Tuttavia, non è detto che la richiesta di estensione del visto venga approvata: per questo motivo, il consiglio è di richiedere un visto valido abbastanza a lungo prima del viaggio. Puoi anche lasciare momentaneamente l’India e richiedere un nuovo visto dall’estero. Una volta approvata la richiesta, potrai tornare immediatamente in India con il nuovo visto. Anche nel caso di un secondo viaggio, tieni presente tutti i requisiti per viaggiare in India..

Domande generiche sul visto India

  • Viaggio con bambini, cosa devo sapere?

    Quando si viaggia con minori, esistono alcune regole da tenere a mente. In primo luogo, ricorda che i viaggiatori di tutte le età, compresi i bambini e i neonati, devono essere muniti del proprio passaporto e del proprio visto.

    Se il minore non è accompagnato da entrambi i genitori o da tutti coloro che ne fanno le veci, sappi che esistono alcune norme speciali introdotte per prevenire rapimenti. Il minore deve portare con sé un consenso, scritto e firmato da tutti coloro che ne fanno le veci, che lo autorizzi a compiere il viaggio in questione. Inoltre, il minore deve portare con sé le copie dei documenti d’identità di tutti coloro che ne fanno le veci. Per maggiori informazioni, consulta il sito della Polizia di Stato, dove trovi il modulo di accompagnamento dei minori e le relative spiegazioni.

  • Un visto costituisce una garanzia di ingresso in India?

    No, la concessione del visto non garantisce l’effettivo ingresso in India. All’arrivo, tutti i viaggiatori vengono sottoposti a un nuovo controllo. Se durante il controllo alla frontiera dovessero emergere delle irregolarità, il viaggiatore potrebbe essere sottoposto a un controllo più approfondito. Se risulta che non soddisfi tutti i requisiti del visto o che rappresenti una potenziale minaccia per l’ordine pubblico in India, potrebbe venirti impedito l’ingresso nel Paese. Nella pratica, tuttavia, è estremamente raro che accada. La maggior parte dei viaggiatori con un visto valido può entrare in India senza problemi.

  • Di quali vaccinazioni ho bisogno per un viaggio in India?

    Le informazioni riportate su questo sito web non sono state redatte da un medico. Consulta sempre il tuo medico sulle vaccinazioni e/o i farmaci consigliati per ogni situazione. Questo perché i consigli possono variare di persona in persona e dipendere anche dall’esatto itinerario di viaggio.

    Di norma, non ci sono vaccinazioni obbligatorie per un viaggio in India, tranne nel caso in cui prima del viaggio in India si sia stati in un Paese in cui è presente la febbre gialla. In questo caso, la vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria.

  • Voglio portare con me dei medicinali in India. Cosa devo sapere a riguardo?

    È consentito portare con sé medicinali in India, ma in alcuni casi occorre un certificato rilasciato e firmato da un medico. Per maggiori informazioni relative ai farmaci che possono essere trasportati e sui documenti richiesti, consulta il sito di Viaggiare Sicuri.

  • Il viaggio va registrato allʼambasciata?

    Utilizzando il portale DovesiamonelMondo del Ministero degli Affari Esteri italiano, i cittadini italiani in viaggio verso l’estero possono registrare il proprio viaggio e condividere con l’Unità di Crisi della Farnesina il proprio itinerario e altre informazioni personali. Tali dati verranno custoditi e utilizzati dall’Unità di Crisi per informare e assistere con la massima tempestività i viaggiatori italiani in caso di circostanze eccezionali o situazioni di crisi. Durante la pandemia di Covid-19, ad esempio, i viaggiatori che si trovavano allʼestero sono stati contattati relativamente ai voli di rimpatrio.

    Questo tipo di registrazione è separata dalla richiesta di visto. Le richieste di visto vengono gestite dal Dipartimento per lʼImmigrazione dellʼIndia, mentre la registrazione sul portale dal Ministero degli Affari Esteri italiano. Il visto è obbligatorio per viaggiare in India, mentre la registrazione è facoltativa.

  • Come posso compensare le emissioni di CO₂ tramite Visti.it?

    Compilando il modulo di richiesta, avrai la possibilità di compensare le emissioni di CO₂ del tuo volo di andata e ritorno dall’India. Scegliendo questa opzione, pagherai un supplemento che andrà interamente a finanziare dei progetti climatici certificati da VCS. VCS è uno dei più affidabili certificatori di progetti climatici e calcola l’investimento necessario per immagazzinare o risparmiare una certa quantità di emissioni di anidride carbonica. Visti.it investe il supplemento nella compensazione delle emissioni di CO₂ in progetti che, ad esempio, sviluppano fonti energetiche sostenibili.

    L’importo del supplemento per la compensazione di CO₂ viene calcolato in base alle emissioni di CO₂ di voli diretti in classe economy. La compensazione di CO₂ ti permette quindi di viaggiare in India a zero emissioni. Visita questa pagina per saperne di più sulla compensazione di CO₂ tramite Visti.it.

  • Come vengono protetti i miei dati personali?

    Su questo sito web vengono trattati diversi dati personali. Si tratta di informazioni molto sensibili, quali i numeri di passaporto e le foto. È doveroso trattare tali dati con la massima cautela.

    Visti.it garantisce che i dati degli utenti saranno protetti in conformità alle norme sulla privacy vigenti (RGPD). A tal fine sono state prese precauzioni sia tecniche che organizzative. I tuoi dati saranno elaborati solo attraverso connessioni sicure e verranno memorizzati in modo criptato. Inoltre, i tuoi dati verranno eliminati non appena la loro conservazione non sarà più necessaria. Visti.it ha redatto e rivisto la sua politica sulla privacy in collaborazione con Taylor Wessing, rinomato studio legale internazionale.

    I tuoi dati personali saranno trattati solo per l’esecuzione del tuo ordine, cioè la richiesta di un visto per lʼIndia. I tuoi dati non saranno venduti o utilizzati per altri scopi commerciali. Tuttavia, il trattamento dei dati personali comporta sempre dei rischi, anche se si seguono tutte le precauzioni. Per ottenere un visto per lʼIndia, i tuoi dati personali potrebbero essere condivisi con vari enti governativi. Questi ultimi valutano se rappresenti un rischio per la sicurezza pubblica e se la tua domanda può essere approvata. Visti.it non può influire in alcun modo sugli enti governativi e sulle loro modalità di trattamento dei tuoi dati personali. Per saperne di più, leggi lʼinformativa sulla privacy.

Nessuna risposta trovata in base alle parole chiave da te inserite... Visualizza tutte le domande o riprova.
Oppure non esitare a contattarci, saremo lieti di aiutarti.

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali il visto per l’India. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un visto anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (25,63 USD per visto, tramite indianvisaonline.gov.in). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta e tutti i documenti da te forniti prima di inoltrare tutto al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 25,63 USD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 36,27 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di visto India per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.