Notizia | | 10/01/2023 | Tempo di lettura: ±3 minuti

Il governo indiano ha deciso di ricominciare a elargire i visti elettronici ai viaggiatori con passaporto canadese a partire dal 20 dicembre 2022. La comunicazione è arrivata dallʼAlta Commissione indiana a Ottawa. Leggi come si è arrivati a questa decisione e come richiedere un visto per lʼIndia.

Ripreso il rilascio di eVisa India anche per i cittadini canadesi

Dopo la pandemia di Covid-19, a marzo 2022 lʼIndia ha ripreso a rilasciare visti elettronici a più di 165 Paesi. Su questa lista non figuravano però il Canada, il Regno Unito e lʼArabia Saudita. I cittadini canadesi non potevano richiedere un visto elettronico per lʼIndia a causa dellʼarretrato nellʼelaborazione delle richieste di visto per il Canada da parte di viaggiatori indiani. Dato che per i cittadini indiani i tempi di attesa per un visto per il Canada sono sempre più brevi, lʼIndia ha promesso di riprendere il rilascio di visti elettronici ai titolari di un passaporto canadese.

I canadesi non devono più richiedere un visto fisico per lʼIndia

Dopo lʼannuncio del 20 dicembre 2022 dellʼAlta Commissione indiana a Ottawa, i titolari di un passaporto canadese possono di nuovo richiedere un visto elettronico per tutte le finalità di viaggio, compresi turismo, affari, cure mediche o visite a familiari e/o amici. Per viaggiare in India con un passaporto canadese non è quindi più necessario richiedere un visto fisico. I cittadini canadesi che hanno diritto a un eVisa India sono invitati ad annullare eventuali appuntamenti per un visto fisico presso uno dei centri per il rilascio di visti in Canada. In questo modo, i cittadini canadesi che per vari motivi non sono idonei al visto elettronico possono ottenere più velocemente un appuntamento presso un centro per un visto fisico.

I viaggiatori di nazionalità canadese che non possono utilizzare il visto India elettronico possono quindi ancora avvalersi dei servizi di uno dei centri per il rilascio di visti per lʼIndia in Canada. Lo stesso vale per i titolari di un lasciapassare, tra le altre cose.

La ripresa dei visti elettronici per la ripresa dellʼeconomia

Uno dei principali motivi per cui lʼIndia ha deciso di riprendere a rilasciare i visti elettronici per lʼIndia ai titolari di un passaporto canadese è la prospettiva di ripresa dellʼeconomia indiana. Lʼeconomia dellʼIndia dipende in buona parte dal turismo. Logicamente, quindi, il Paese ha subito grosse perdite quando la pandemia ha impedito a un enorme numero di persone di recarsi in India. Gran parte dei turisti che viaggiano in India provengono da Canada e Regno Unito: per rilanciare lʼeconomia e soprattutto il settore turistico, il governo indiano ha deciso di tornare a concedere i visti elettronici ai viaggiatori di questi Paesi.

Accordi sui trasporti tra India e Canada

Allʼaumento del numero di viaggiatori canadesi in India contribuisce anche un accordo sui trasporti stipulato dai due Paesi a novembre dello scorso anno. Lʼaccordo permette alle compagnie aeree di incrementare il numero di voli tra Canada e India. In passato le compagnie potevano operare soltanto 35 voli settimanali tra i due Paesi, mentre grazie a questo accordo ora possono effettuarne un numero illimitato.

LʼIndia è il quarto mercato più importante per il traffico aereo internazionale dal Canada. Lʼaccordo è entrato in vigore con effetto immediato e le compagnie aeree hanno potuto avvalersi immediatamente dei nuovi diritti loro conferiti. Le compagnie aeree canadesi possono volare in molte città indiane come Delhi, Calcutta, Mumbai, Chennai, Bangalore e Hyderabad. Le compagnie aeree indiane hanno a loro volta a disposizione gli aeroporti canadesi tra cui Vancouver, Edmonton, Toronto e Montreal.

Visto elettronico per lʼIndia già disponibile per i viaggiatori italiani

La reintroduzione del visto India elettronico per i viaggiatori di Canada e Regno Unito mette sostanzialmente fine alle restrizioni legate alla pandemia di Covid-19 e alla richiesta del visto elettronico per lʼIndia. I turisti italiani hanno potuto ricominciare a richiedere lʼeVisa India già a marzo 2022: è possibile presentare la richiesta del visto attraverso un modulo di richiesta online.

Attenzione: questo articolo concernente il visto per l’India è stato scritto più di un anno fa. Potrebbe contenere informazioni e consigli datati che non possono conferire alcun diritto. Se stai per partire per un viaggio e desideri sapere quali siano le norme attualmente in vigore, ti invitiamo a leggere tutte le informazioni attuali riguardanti il visto per l’India.

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali il visto per l’India. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un visto anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (25,63 USD per visto, tramite indianvisaonline.gov.in). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta e tutti i documenti da te forniti prima di inoltrare tutto al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 25,63 USD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 35,93 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di visto India per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.