Notizia | | 06/12/2022 | Tempo di lettura: ±3 minuti

A volte capita che la professione di un viaggiatore influisca sul tipo di visto da richiedere, a prescindere dalla destinazione. È il caso per esempio dei giornalisti diretti in India, che sono sempre obbligati a richiedere un Journalist Visa (visto J). Che cosʼè il visto J e perché lo si deve richiedere anche se si va in vacanza?

Il visto per giornalisti

Il cosiddetto visto per giornalisti non è inteso solamente per giornalisti, ma anche per redattori e autori di programmi televisivi e radiofonici che viaggiano in India, ad esempio per realizzare un documentario. Per girare una serie televisiva, un reality show o un altro tipo di intrattenimento, è necessario un altro tipo di visto.

Finalità di viaggio e visto

In generale, è necessario richiedere un visto specifico in base alla finalità di viaggio. Un visto per studenti va utilizzato per studiare, un visto dʼaffari per lavorare e un visto turistico per una vacanza, per esempio. Questo non è però il caso di chi lavora nel giornalismo e si reca in India per una vacanza.

Chiunque lavori nel settore giornalistico è obbligato a richiedere un visto J per visitare lʼIndia, anche se non intende praticare la propria professione in loco. È il caso anche di chi soddisfa tutti i requisiti del visto elettronico per fini turistici. Sul sito dellʼambasciata indiana a Roma non viene spiegato il motivo.

Requisiti per viaggiare con un visto

In molti Paesi sono in vigore alcuni requisiti da soddisfare per poter usufruire di un visto svolgendo determinate professioni. È il caso soprattutto di particolari autorizzazioni di viaggio o visti elettronici, come nel caso del Canada. Con lʼeTA Canada, lʼautorizzazione elettronica di viaggio del Canada, i giornalisti o membri di una troupe cinematografica possono recarsi temporaneamente in Canada. UnʼeTA non si può tuttavia utilizzare per svolgere determinati lavori fisici o venire assunti da un datore di lavoro canadese.

Anche lʼIndia detta questo tipo di requisiti per impedire ai titolari di un visto sbagliato di far parte di unʼazienda indiana. Il visto India elettronico che puoi richiedere tramite Visti.it è destinato a scopi turistici e non può essere utilizzato per altre finalità di viaggio.

Allʼinterno del modulo di richiesta su questo sito ti viene richiesta la professione. Selezionando giornalista o unʼaltra professione per cui è previsto un visto India specifico, appare un avviso che ti invita a richiedere un altro visto. Nel caso del giornalismo, si tratta del visto J. Questo visto è molto più costoso del visto elettronico turistico. Il prezzo del visto J ammonta a €99 per un soggiorno di tre mesi o €148 per soggiorni più lunghi di tre mesi. La durata massima del soggiorno con questo visto è dunque ben più lunga rispetto al visto elettronico.

Richiedere il visto India elettronico

Se non lavori come giornalista e per la tua professione non è previsto alcun visto specifico, puoi richiedere un visto elettronico per la tua vacanza in India. Su questo sito ti costerà 49,95 €, molto meno rispetto a un visto fisico. La durata massima di un soggiorno con il visto elettronico è di 30 giorni. Un periodo di tempo più che sufficiente per la maggior parte dei viaggiatori diretti in India per una vacanza.

Se ad esempio lasci lʼIndia per una volta durante i 30 giorni di validità del visto per visitare un paese limitrofo, puoi rientrare in India una seconda volta con lo stesso visto elettronico. La seconda data di arrivo deve tuttavia rientrare nei 30 giorni di durata massima del soggiorno, che vengono calcolati a partire prima data di arrivo. La durata massima del soggiorno non ricomincia quindi da capo dal secondo arrivo, ma continua a partire dalla data del primo arrivo.

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali il visto per l’India. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un visto anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (25,63 USD per visto, tramite indianvisaonline.gov.in). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta e tutti i documenti da te forniti prima di inoltrare tutto al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 25,63 USD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 26,64 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di visto India per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.