Notizia | | 14/04/2020 | Tempo di lettura: ±2 minuti

L'India ha annunciato l’introduzione di misure estreme per contrastare il coronavirus. A partire dal 22 marzo non saranno più ammessi voli internazionali commerciali verso il paese. Normalmente ogni settimana ci sono circa 300 voli dall'estero all'India.

Coronavirus in India

Anche l'India è alle prese con i contagi di coronavirus. Dagli ultimi dati emergono 200 nuovi contagi, di cui 4 decessi. Si tratta di cifre ancora molto basse per un paese con un numero di abitanti e una densità di popolazione così elevata. Questo almeno in confronto con paesi come l'Italia, la Spagna o la Francia, dove si sono già registrati migliaia di casi e centinaia di morti. Tuttavia, le cifre dell'India devono essere prese con un granello di sale: i test su larga scala sono difficili a causa della scarsità di materiali, e proprio perché l'India è un Paese così grande e diversificato, servirà del tempo per avere un quadro chiaro dell’entità dell'epidemia di coronavirus in India.

Niente più voli internazionali

Al fine di fermare la diffusione del virus mentre è ancora possibile, il Presidente Modi ha annunciato l'interruzione completa di tutti i voli commerciali esteri verso il paese. Gli aeroporti in India non accetteranno più questi voli. Questa misura entrerà in vigore a partire dal 22 marzo e si aggiunge alle misure già in atto per contrastare il coronavirus in India.

Notizie accolte positivamente dalla popolazione

Per il momento sono ancora pochi i paesi che hanno introdotto un blocco totale dei voli in entrata a causa del coronavirus. L'annuncio del governo è stato accolto molto bene dal popolo indiano. Il primo ministro Modi è lodato per aver messo "la vita al di sopra degli affari". Il nazionalista Modi ha perseguito una politica "India first" fin dai primi anni della sua carica di Primo Ministro, e quest'ultima decisione si inserisce bene in questo contesto. Ci sono anche persone che incolpano Modi per aver agito troppo tardi, e che lo spazio aereo sopra l'India avrebbe dovuto essere chiuso immediatamente quando è diventato chiaro che il coronavirus è una pandemia globale.

Cosa significa questo per il mio visto India?

Già prima di questa decisione, l'India aveva adottato misure per fermare la possibilità di contagio da coronavirus da parte di viaggiatori provenienti dall'estero. I viaggiatori provenienti dall'UE, dalla Turchia, dalla Cina, dall'Iran e dal Regno Unito non potevano entrare nel Paese. La chiusura dello spazio aereo sopra l'India è semplicemente la ciliegina sulla torta. La situazione dei visti per l'India rimane quindi la stessa: presentare la domanda di visto è ancora possibile, tutte le domande di visto per l'India saranno trattate solo dopo il 15 aprile. Poiché il visto India ha una validità di 30 giorni è semplicemente possibile richiedere il visto se si programma di andare in India dopo un paio di mesi.

Attenzione: le informazioni presenti in questo articolo potrebbero essere superate al momento della lettura. Prima di richiedere un visto India, informati sulla situazione del coronavirus in India.