Notizia | | 13/04/2023 | Tempo di lettura: ±4 minuti

Israele continua a fare passi avanti verso l’ammissione al programma di esenzione dal visto statunitense, che permetterebbe ai cittadini israeliani di viaggiare con l’ESTA. Il Paese ha recentemente soddisfatto due importanti requisiti, sollevando voci ottimistiche in merito all’ammissione al programma. Tuttavia, c’è ancora un’importante condizione che Israele al momento non soddisfa.

Interesse di Israele per il programma di esenzione dal visto

Da più di dieci anni, diversi politici israeliani si sono espressi apertamente a favore dell’adesione di Israele al programma di esenzione dal visto (Visa Waiver Program) degli Stati Uniti. L’inclusione nel programma renderebbe molto più semplici i viaggi dei cittadini israeliani verso gli Stati Uniti per turismo e affari. In molti casi, i viaggiatori con la cittadinanza dei Paesi inclusi nel programma di esenzione dal visto non hanno bisogno di un visto per entrare negli Stati Uniti. Per soggiorni negli Stati Uniti fino a 90 giorni, i viaggiatori che rispettano tutti i requisiti possono richiedere un ESTA.

ESTA ancora non disponibile per viaggiatori israeliani

Nonostante i progressi compiuti, il Ministero degli affari esteri statunitense ha recentemente dichiarato di nuovo che Israele non soddisfa ancora tutte le condizioni di ammissione al programma e che quindi i viaggiatori israeliani non possono ancora beneficiare dell’ESTA. Per fare un viaggio negli Stati Uniti, i cittadini israeliani devono ricorrere a un visto fisico utilizzando procedure di richiesta spesso molto lunghe. Solo per svolgere il colloquio obbligatorio per ottenere il visto, i tempi di attesa presso l’ambasciata statunitense di Gerusalemme sono di almeno sei mesi.

Cosa ostacola l’ammissione al programma

Già nel 2022, Visti.it aveva redatto una panoramica dei possibili fattori che ostacolano l’ammissione di Israele al programma di esenzione dal visto degli Stati Uniti, tra cui la condivisione dei dati dei viaggiatori e il diritto dei cittadini statunitensi di viaggiare liberamente in Israele. Un altro requisito e potenziale ostacolo per l’adesione era la percentuale di rifiuto delle richieste di visto per gli Stati Uniti presentate da viaggiatori israeliani.

Progressi compiuti

Lo scorso gennaio, Israele è riuscito a soddisfare quest’ultima condizione dimostrando che la percentuale di rifiuto delle richieste di visto per gli Stati Uniti presentate da cittadini israeliani è attualmente inferiore al 3%. Si è trattato di un traguardo importante, in quanto il rispetto di questa condizione è un requisito fondamentale per entrare a far parte del programma ESTA.

Inoltre, il 29 marzo di quest’anno è stata approvata una legge israeliana volta a soddisfare un altro importante requisito. Tale legge garantisce che i dati biometrici dei viaggiatori israeliani che richiedono l’ESTA potranno essere condivisi in futuro con gli enti governativi degli USA. La condivisione dei dati permetterà alla quasi totalità delle richieste di ESTA che sono state presentate correttamente di essere approvate in soli pochi giorni. Si tratta di una grande differenza rispetto alle richieste di visto, che richiedono verifiche più approfondite e hanno quindi tempi di elaborazione molto più lunghi. L’adozione di questa legge fa sì che solo una delle condizioni menzionate qui sopra debba ancora essere soddisfatta.

Principale ostacolo per l’ingresso nel programma ESTA

A inizio aprile di quest’anno, l’ambasciatore statunitense in Israele si è mostrato ottimista sul fatto che i passi compiuti finora porteranno all’ammissione di Israele entro luglio o agosto 2023. Tuttavia, la condizione secondo cui tutti i cittadini statunitensi devono poter viaggiare liberamente in Israele (Cisgiordania compresa) rimane un tema spinoso, in quanto dovrebbe riguardare tutti i cittadini statunitensi, compresi quelli di origine palestinese e quelli registrati all’anagrafe della Palestina. La condizione non è negoziabile e, nonostante siano rimasti pochi mesi per soddisfare anche questo requisito imposto dagli USA, la situazione continua a suscitare incertezza.

Attualmente, Israele si aspetta ancora di entrare a fare ufficialmente parte del programma entro il 30 settembre 2023 e quindi prima dell’inizio del nuovo anno fiscale. Se questa scadenza non dovesse essere rispettata, l’adesione di Israele al programma di esenzione dal visto potrebbe ritardare di molto per ragioni amministrative.

Nazionalità esenti dal visto

I viaggiatori della maggior parte dei Paesi europei che rispettano i requisiti possono richiedere un ESTA già da tempo grazie al semplice modulo online. L’ammissione al sistema ESTA statunitense renderebbe Israele il nono Paese non europeo a far parte del programma. Gli altri Paesi extraeuropei che fanno già parte del programma di esenzione dal visto sono l’Australia, la Nuova Zelanda, il Giappone, la Corea del Sud, Singapore, Taiwan e il Brunei.

Attenzione: questo articolo concernente l’ESTA per gli USA è stato scritto più di un anno fa. Potrebbe contenere informazioni e consigli datati che non possono conferire alcun diritto. Se stai per partire per un viaggio e desideri sapere quali siano le norme attualmente in vigore, ti invitiamo a leggere tutte le informazioni attuali riguardanti l’ESTA per gli USA.

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali l’ESTA per gli USA. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un ESTA anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (21 USD per ESTA, tramite esta.cbp.dhs.gov). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta e tutti i documenti da te forniti prima di inoltrare tutto al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 21 USD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 30,26 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di ESTA USA per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.