Gli Stati Uniti d’America, il Paese di Hollywood, New York e del far West. L’America è conosciuta anche come la terra delle opportunità. Non è quindi un caso che, nel corso dei secoli, milioni di persone provenienti da tutto il mondo si siano riversate negli Stati Uniti per realizzare il cosiddetto sogno americano. Di conseguenza, la maggior parte degli americani ha antenati provenienti da ogni angolo del mondo, rendendo gli Stati Uniti un Paese dalla notevole diversità culturale.

Gli stati Uniti sono il terzo Paese più grande al mondo, con una popolazione di oltre 300 milioni di abitanti. Una grossa fetta della popolazione vive sulla costa orientale e occidentale del Paese, mentre il centro degli Stati Uniti è relativamente poco popolato. Qui si trovano molti dei famosi parchi nazionali americani.

La diversità e i contrasti culturali e naturali rendono gli Stati Uniti una destinazione turistica molto popolare. Leggi l’articolo per saperne di più sulla storia, la cultura e le attrazioni turistiche più popolari degli Stati Uniti.


Fatti e numeri

Capitale Washington D.C.
Superficie 9.826.675 km2
Abitanti 335.136.000 (2023)
Lingua Nessuna lingua ufficiale, ma le più parlate sono l'inglese e lo spagnolo
Valuta Dollaro americano (USD)
Religione Cristiani: 70,6%, ebrei: 1,9%, musulmani: 0,9%, altri: 3,8%, atei: 22,8%
Differenza di fuso orario 5 - 10 ore avanti
Durata del viaggio 8 - 12 ore di volo
Presa di corrente 110 V (consigliata spina universale)
Acqua del rubinetto Potabile
Visto Visto USA o ESTA richiesto

Mappa

Gli Stati Uniti confinano a nord con il Canada e a sud con il Messico. La costa orientale del Paese si affaccia sull'Oceano Atlantico, mentre quella occidentale sull'Oceano Pacifico. Gli Stati Uniti sono uno dei Paesi più grandi del mondo e presentano una grande diversità culturale e climatica. Il Paese è composto da 50 Stati e dal Distretto di Columbia. Inoltre, vi sono diverse aree remote che appartengono agli Stati Uniti:

  • Nel bacino caraibico: Porto Rico (uno dei cosiddetti territori non incorporati degli Stati Uniti nel Mar dei Caraibi), le Isole Vergini americane (acquisite dalla Danimarca nel 1917) e l'isola di Navassa (rivendicata da Haiti).
  • Nell’Oceano Pacifico: Guam (ceduta dalla Spagna agli Stati Uniti dopo la guerra ispano-americana), le Isole Marianne Settentrionali (commonwealth degli Stati Uniti), le Samoa Americane, l'Isola di Wake e diverse altre isole.


Le cinque città più grandi degli Stati Uniti sono in ordine: New York, Los Angeles, Chicago, Houston e Phoenix. Ciascuna di queste città conta almeno un milione e mezzo di abitanti.


Storia

Preistoria
L'area che comprende gli attuali Stati Uniti è stata abitata per migliaia di anni. Non si sa esattamente quando i primi esseri umani siano migrati nelle Americhe. Oggi si ritiene che i primi gruppi di cacciatori-raccoglitori siano migrati in Nord America a partire dal 20.000 a.C. circa. Queste popolazioni, originarie dell'Asia nordorientale, migrarono in parte attraverso lo stretto di Bering, tra l'attuale Siberia e l'Alaska. Poiché l'era glaciale aveva parzialmente prosciugato quest'area, si era creato un ponte di terra. Probabilmente arrivarono gruppi di persone anche lungo la costa, con piccole imbarcazioni preistoriche, nell'attuale America.

Nel corso di migliaia di anni, queste tribù popolarono le Americhe. In Nord America, le tribù hanno continuato a vivere principalmente come cacciatori-raccoglitori, ma sono stati scoperti anche alcuni insediamenti dove si praticava l'agricoltura. Uno degli insediamenti più famosi è Cahokia, nell'attuale Illinois. Questa città, nata sotto la cultura del Mississippi, è nota per i suoi numerosi tumuli. Negli Stati Uniti sud-occidentali emerse la cultura Pueblo, che diede vita a diversi insediamenti a partire dall'XI secolo.

Primi contatti con l’Europa
Nell'Alto Medioevo anche i Vichinghi si stabilirono in Nord America, ma la loro permanenza fu breve. Solo dopo la riscoperta del continente americano da parte di Colombo iniziarono le ondate migratorie che avrebbero cambiato per sempre il Nuovo Mondo. Un gran numero di esploratori e avventurieri europei salpò verso le coste delle Americhe. Alcuni cercavano di trovare una rotta marittima verso l'Asia, altri erano alla ricerca di preziose materie prime da commerciare.

A partire dal XVI e XVII secolo, il Nord America fu colonizzato da diverse potenze europee. Gli spagnoli avanzarono dal Messico e conquistarono alcune aree che oggi fanno parte degli Stati Uniti: California, Nuovo Messico e Texas. Anche l'area che costituisce l'attuale Florida fu a lungo governata dagli spagnoli. I coloni olandesi e inglesi si stabilirono sulla costa orientale dell'America, mentre i francesi conquistarono gran parte dell'odierno Canada e vaste porzioni dell'interno degli attuali Stati Uniti. Anche i danesi e gli svedesi riuscirono a stabilire piccoli insediamenti in Nord America.

Costa Orientale USAI primi coloni europei si insediarono sulla Costa Orientale americana

I coloni europei entrarono presto in contatto con gli indigeni. A volte i contatti erano pacifici, ma si verificarono soprattutto scontri violenti. Poiché gli europei disponevano di armi nettamente migliori, i nativi americani subirono gravi perdite e dovettero cedere sempre più territorio.

Le colonie britanniche e la guerra d'indipendenza americana
Dopo alcuni secoli, la Gran Bretagna divenne la potenza dominante sulla costa orientale americana. L'influenza dei francesi e degli olandesi diminuì nel corso del XVIII secolo. I possedimenti olandesi furono già nella seconda metà del XVII secolo presi dagli inglesi. I francesi, a loro volta, furono schiacciati nella Guerra dei sette anni (1756-1763), dopo la quale dovettero cedere i loro territori agli inglesi. La Guerra dei sette anni costò molto denaro al tesoro britannico, motivo per cui gli inglesi iniziarono a imporre tasse più alte, anche nelle colonie. I coloni americani non apprezzarono queste tasse, tanto più perché non erano rappresentati nel parlamento britannico.

Nel 1773 la situazione precipitò. Alcuni coloni americani in disaccordo con la politica fiscale britannica sul tè si introdussero nel porto di Boston, assalirono una nave britannica e gettarono in mare le casse di tè. Nel 1775 un gruppo di coloni di spicco redasse la Dichiarazione d'Indipendenza americana. Questa Dichiarazione d'Indipendenza è per gli americani il documento più importante della loro storia. I britannici reagirono inviando l'esercito, dando inizio alla Guerra d'Indipendenza americana. In questa guerra, il generale americano George Washington si distinse come abile comandante militare. Dopo che la guerra terminò nel 1783 e i britannici furono sconfitti, George Washington divenne il primo presidente degli Stati Uniti d'America.

Gli Stati Uniti indipendenti
Nei primi anni successivi all'indipendenza americana, il mondo visse un periodo di grande tumulto. Mentre la Rivoluzione Francese scatenava nuove guerre in Europa, gli Stati Uniti cercavano di mantenere una posizione neutrale. Quando il generale francese Napoleone prese il potere, decise di cedere i possedimenti francesi in Nord America. Il presidente americano Jefferson acquistò quindi questi territori francesi, in un evento conosciuto come l'Acquisto della Louisiana. Con l'acquisto di questi territori, la superficie degli Stati Uniti raddoppiò in un colpo solo.

La storia degli Stati Uniti fu presto segnata da un secondo conflitto con l'ex colonizzatore, la Guerra del 1812. Questa guerra tra americani e inglesi scoppiò in parte a causa di un conflitto sui diritti commerciali, ma anche perché gli inglesi sostenevano i nativi in ribellione. I combattimenti si svolsero principalmente nel nord degli Stati Uniti e nell'attuale Canada. Nel 1814, la guerra terminò ufficialmente. Gli americani promisero di non interferire con il Canada, mentre i britannici cessarono di sostenere i nativi americani. Dopo questo conflitto, gli Stati Uniti si concentrarono maggiormente su se stessi e iniziarono una rapida espansione verso ovest. In questo periodo, i nativi americani soffrirono molto.

I popoli indigeni d'America
I rapporti tra i coloni e gli indigeni americani furono fin dall'inizio complicati. Sebbene ci fossero scambi commerciali pacifici, le tribù indigene furono sempre più allontanate dalle loro terre. Il presidente americano Jackson era favorevole a una politica di ricollocazione. In altre parole, varie tribù che vivevano a est dovevano essere trasferite verso ovest, se necessario con la forza. Le tribù indigene non ebbero voce in capitolo. Migliaia di Cherokee persero la vita durante la cosiddetta Trail of Tears. I Seminole, una tribù della Florida, si ribellarono, ma furono brutalmente repressi dall'esercito americano. A causa di questi avvenimenti, il presidente Jackson è una figura controversa.

Insediamento PuebloLe piccole case di fango e argilla sono caratteristiche della cultura indigena Pueblo

La Guerra Civile Americana
Nel XVI secolo, i colonizzatori europei praticavano la schiavitù. Inizialmente, furono soprattutto gli indigeni americani a essere schiavizzati, ma in seguito molti schiavi furono trasportati dall'Africa subsahariana verso l'America. La maggior parte di loro finì sulle piantagioni nel sud degli Stati Uniti, dove il clima era adatto alla coltivazione di tabacco, cotone e canna da zucchero. Quando, nel XIX secolo, cresceva sempre di più il sostegno per l'abolizione della schiavitù, gli stati del sud si opposero fortemente. Infatti, il successo dell'economia del sud era in gran parte basato sulla schiavitù.

La questione della schiavitù ha portato nel 1861 alla Guerra Civile Americana. Gli stati del nord combattevano per l'abolizione della schiavitù, mentre gli stati del sud (noti anche come Stati Confederati) volevano mantenere il vecchio sistema. Nel 1865, la Confederazione subì la sconfitta finale e la schiavitù fu vietata in tutti gli Stati Uniti.

L'influenza crescente dell'America
Nel XX secolo, gli Stati Uniti cominciarono a svolgere un ruolo sempre più importante sulla scena mondiale. Dopo la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, questo ruolo divenne ancora più rilevante. L'America fu vista in Occidente come la grande liberatrice dell'Europa. Inoltre, la maggior parte del mondo aveva sofferto gravemente a causa delle azioni di guerra, mentre il continente americano era rimasto in gran parte risparmiato. Questo permise all'economia americana di svilupparsi senza ostacoli. Così, l'America crebbe costantemente fino a diventare una superpotenza.

Dall'altra parte del mondo, l'Unione Sovietica riuscì a espandere sempre più la propria influenza. America e Unione Sovietica avevano ideologie e visioni del mondo diverse, che le portarono a scontrarsi. Questo portò infine alla Guerra Fredda, con da una parte il capitalismo degli Stati Uniti e dall'altra il comunismo della Russia sovietica. Entrambi i paesi iniziarono a produrre grandi quantità di armi nucleari, entrando così in una corsa agli armamenti. Diverse volte la situazione tesa rischiò di sfuggire di mano, ma fortunatamente una guerra mondiale fu evitata.

Il civil rights movement
Sebbene la schiavitù fosse stata abolita dopo la Guerra Civile Americana, gli afroamericani rimasero a lungo cittadini di seconda classe. In molti luoghi pubblici vi era una forte segregazione. Ad esempio, gli afroamericani dovevano sedersi in una sezione separata dell'autobus o potevano entrare negli edifici solo attraverso un'entrata separata. Negli anni '50 e '60 crebbe sempre di più l'opposizione a questa segregazione. Sotto la guida di leader come Martin Luther King, si svolsero molte manifestazioni. Alla fine, la segregazione fu vietata nel 1964 con il Civil Rights Act. Da quel momento, gli afroamericani ebbero ufficialmente gli stessi diritti dei bianchi americani, ma nella pratica il razzismo era ancora molto diffuso.

Marcia su WashingtonNegli anni Sessanta, in America si svolsero molte manifestazioni contro la segregazione

Fatti interessanti USA 1

I Padri Pellegrini
Un passaggio leggendario della storia americana è il viaggio della Mayflower. Questa nave trasportava i cosiddetti Pellegrini, credenti provenienti dall'Inghilterra che non si riconoscevano più nella Chiesa anglicana. Nel 1620, la nave raggiunse la costa dell'attuale Massachusetts, dove i Pellegrini fondarono una comunità sobria e rigorosamente religiosa. La storia della Mayflower simboleggia, tra le altre cose, le possibilità illimitate offerte dall’America. Molte persone sono ancora oggi orgogliose di poter dimostrare di discendere da uno di questi Pellegrini o Padri Pellegrini.


Cultura

La cultura americana è stata dominante per quasi un secolo. Grandi marchi e aziende americane come Coca-Cola e McDonald's sono conosciuti in tutto il mondo. Anche l'industria cinematografica e musicale americana domina da anni il panorama mediatico globale.

Un popola dalle mille sfaccettature
La maggior parte degli americani discende da migranti provenienti da tutto il mondo, il che conferisce alla cultura americana una diversità senza precedenti. La maggior parte della popolazione ha antenati europei. Molti americani si identificano ancora come irlandesi, italiani o tedeschi, anche se non parlano la lingua del paese di origine. Sebbene l'inglese sia la lingua principale, negli Stati Uniti vengono parlate anche centinaia di altre lingue.

La lingua più parlata dopo l'inglese è lo spagnolo. Le persone di origine spagnola o latinoamericana vengono chiamate anche latinos o hispanics. Quasi il venti percento della popolazione americana rientra in questa categoria. Soprattutto nel sud-ovest degli Stati Uniti vivono molti hispanics. Inoltre, una grande parte della popolazione è costituita da americani neri, noti anche come afroamericani. Molti di loro discendono da schiavi, motivo per cui ci sono molti afroamericani soprattutto nel sud-est del paese.

Negli Stati Uniti vivono anche circa 5 milioni di indigeni americani. Il governo americano riconosce 572 tribù. Questi abitanti originari dell'America sono stati visti per secoli come cittadini di seconda classe e hanno ottenuto il pieno diritto di voto solo nel XX secolo. Gli Stati Uniti contano circa 326 riserve indiane, assegnate dal governo agli indigeni americani. Gli indigeni sono responsabili della legislazione in questi territori, anche se queste riserve sono soggette al diritto federale.

Riserva indianaLa Riserva Navajo è la più grande riserva indiana degli Stati Uniti

Religione
Nel corso dei secoli, molte comunità cristiane sono emigrate dall'Europa all'America. Queste comunità, spesso oppresse in Europa, hanno trovato nella Nuova Terra lo spazio per svilupparsi. Proprio per questo motivo, la religione continua a svolgere un ruolo molto importante negli Stati Uniti. La maggior parte dei cristiani americani aderisce a una forma di protestantesimo, ma vi è anche una grande comunità cattolica.

Oltre al cristianesimo, ci sono anche altre religioni che fanno parte del panorama religioso americano. Circa il 2% della popolazione americana è ebrea, corrispondente a circa 7 milioni di persone. Questo rappresenta circa il 40% della popolazione ebraica mondiale. Alcuni cibi tipici americani, come i bagel, hanno origine nella comunità ebraica. Inoltre, gli Stati Uniti ospitano comunità relativamente piccole di musulmani, induisti e buddhisti.

Fatti interessanti USA 2

Lo sport come elemento importante della cultura americana
Il basket, il baseball, il football americano e l'hockey su ghiaccio sono estremamente popolari nel paese. Il Super Bowl, la finale della National Football League (NFL), è uno degli eventi più grandi dell'anno e di solito attira più di 100 milioni di spettatori.


Festività
Gli Stati Uniti hanno un gran numero di giorni festivi. Nel pianificare il tuo viaggio, tieni presente che molte agenzie (governative) sono chiuse in questi giorni.

Festività Le istituzioni, le aziende e le banche sono aperti o chiusi?
1 gennaio: Capodanno La maggior parte degli enti è chiusa
Il terzo lunedì di gennaio: Giornata di Martin Luther King Chiusura della maggior parte degli enti governativi e delle banche
Il terzo lunedì di febbraio: President's Day Chiusura della maggior parte degli enti governativi e delle banche
17 marzo: Saint Patrickʼs Day Festività irlandese, la maggior parte degli enti è aperta
Una domenica di marzo o aprile: Pasqua La maggior parte degli enti è aperta
Ultimo lunedì di maggio: giornata della memoria Chiusura della maggior parte degli enti governativi e delle banche
19 giugno: Juneteenth Chiusura della maggior parte degli enti governativi e delle banche
4 luglio: Festa dell'Indipendenza La maggior parte degli enti è chiusa
Il primo lunedì di settembre: Festa del lavoro La maggior parte degli enti è chiusa
Il secondo lunedì di ottobre: Columbus Day Chiusura della maggior parte degli enti governativi e delle banche
31 ottobre: Halloween La maggior parte degli enti è aperta
11 novembre: Veterans Day Chiusura della maggior parte degli enti governativi e delle banche
La quarta domenica di novembre: Giorno del Ringraziamento La maggior parte degli enti è chiusa
24 e 25 dicembre: Vigilia di Natale e Natale La maggior parte degli enti è chiusa

Clima e periodi migliori per un viaggio

Gli Stati Uniti sono quasi grandi quanto l'Europa. La diversità dei paesaggi naturali e dei climi è quindi immensa. Negli stati settentrionali come Washington e Wisconsin, in inverno ci sono metri di neve, mentre in Florida anche in inverno raramente fa più freddo di circa 15 gradi durante il giorno. In estate, in Florida può essere torrida, come nella maggior parte degli stati meridionali, mentre le temperature nel Maine settentrionale assomigliano abbastanza a quelle delle estati dell'Europa settentrionale. Le aree desertiche del Nevada o del New Mexico dovrebbero essere evitate durante l'estate. Qui le temperature possono essere di 40 gradi o più per giorni consecutivi. Quale sia il momento migliore per viaggiare dipende quindi esattamente da dove si intende andare. In ogni caso, le temperature in primavera e in autunno sono piacevoli in molte parti degli Stati Uniti.


Turismo negli Stati Uniti

Gli USA sono tra le destinazioni più popolari al mondo. Grazie alla diversità del paese, c'è qualcosa per ogni tipo di viaggiatore. Alcuni visitano il paese per vedere le grandi città, mentre altri viaggiano soprattutto negli Stati Uniti per visitare i famosi parchi nazionali. Ecco alcune delle destinazioni turistiche più popolari in America.

Le città più popolari d'America
New York è probabilmente la città più conosciuta degli Stati Uniti. Qui si trovano molte attrazioni turistiche popolari, come la Statua della Libertà, Times Square e Central Park. La città ha anche numerosi musei famosi che attirano milioni di visitatori ogni anno. Gli alloggi a New York sono molto costosi, quindi si consiglia ai viaggiatori che desiderano soggiornare in città di prenotare sia il viaggio che l'alloggio il prima possibile.

Un'altra città americana ben nota è Miami. È una delle città più grandi della Florida e anche una delle più meridionali degli Stati Uniti. Grazie a questa posizione, la temperatura durante i mesi estivi è in media sopra i trenta gradi e è calda anche durante la primavera e l'autunno. La città è principalmente popolare per le sue spiagge e il mare. Intorno a luglio la temperatura dell'acqua di mare si attesta intorno ai 30 gradi. Miami è anche conosciuta per la sua grande comunità di origine latinoamericana. Durante una passeggiata per le strade di questa città sentirai spesso parlare spagnolo.

Los Angeles è famosa soprattutto per Hollywood e i numerosi set cinematografici visitabili. Circa uno su sei abitanti della città lavora nel settore creativo. Inoltre, la città offre una vasta gamma di musei, parchi divertimenti e naturalmente la famosa Venice Beach. Qui puoi non solo goderti la spiaggia, ma anche fare una passeggiata sul lungomare e dare un'occhiata ai centinaia di piccoli negozi.

Una delle destinazioni più popolari sulla costa ovest degli Stati Uniti è San Francisco. Le attrazioni famose di questa città sono il Golden Gate Bridge e l'ex prigione di Alcatraz. A San Francisco si trova anche la Chinatown più antica e più grande del Nord America. Circa il venti per cento della popolazione di San Francisco è di origine cinese.

Las Vegas, situata in Nevada, è anche conosciuta come la capitale mondiale del gioco d'azzardo. Nel centro della città si trova la Las Vegas Strip, una lunga strada lungo la quale si trovano numerosi casinò, hotel e negozi. Durante una visita a Las Vegas i viaggiatori possono godersi l'atmosfera particolare e dinamica della vita notturna.

Taxi New YorkNew York è conosciuta per i suoi taxi gialli

I parchi nazionali più belli degli Stati Uniti
Yellowstone è stato designato nel 1872 come il primo parco nazionale degli Stati Uniti. I geyser, le sorgenti termali e il paesaggio vulcanico del parco naturale rendono Yellowstone uno dei parchi nazionali più famosi al mondo. Nel parco non solo si possono ammirare paesaggi unici, ma anche numerosi animali selvatici, come bisonti, alci e persino orsi grizzly.

Il parco nazionale Great Smoky Mountains è quello più frequentato del Nord America. Molte persone visitano questo parco per campeggiare nella zona boscosa. Il parco è famoso anche per la grande popolazione di orsi neri. Anche se gli orsi neri sono meno pericolosi degli orsi grizzly, si consiglia di fare attenzione quando si fa una passeggiata nella natura.

Il parco nazionale di Zion, situato nello Utah, è famoso per le sue gole, le alte rocce e le valli verdi. Il parco conta decine di sentieri escursionistici e numerosi punti panoramici, da cui è possibile ammirare il parco per chilometri. Molte rocce e canyon hanno nomi biblici, poiché la zona era abitata nel XIX secolo dai mormoni, che hanno anche dato il nome al parco.

Yosemite National Park è uno dei più famosi parchi naturali della California. Molti viaggiatori scelgono di visitare questo parco per le spettacolari cascate, le sequoie giganti (chiamate anche alberi mammut per le loro dimensioni) e le scogliere ripide. I visitatori considerano Tunnel View il punto panoramico più bello del parco. Da qui si ha una vista spettacolare sulla Yosemite Valley.

Il Grand Canyon è probabilmente il canyon più famoso al mondo. L'ampia area e le caratteristiche rocce rosse del parco nazionale attirano ogni anno milioni di turisti. Il canyon ha una lunghezza totale di 446 chilometri. La maggior parte delle persone viene solo per godersi la vista, ma per gli appassionati ci sono anche molti sentieri escursionistici.

Fatti interessanti USA 3

Guidare negli Stati Uniti
In città come New York, è ancora possibile viaggiare con i mezzi pubblici. Tuttavia, se devi lasciare le grandi città, non puoi fare a meno di noleggiare un'auto. Nell'entroterra americano, infatti, c'è poco trasporto pubblico. Potrebbero esserci alcuni autobus, ma non ci sono collegamenti ferroviari. Fortunatamente, guidare negli Stati Uniti è relativamente confortevole, poiché le autostrade sono generalmente ben mantenute. Inoltre, il paese conta diverse strade panoramiche meravigliose. Non sorprende quindi che molti viaggiatori scelgano di esplorare il paese durante un viaggio on the road.


Economia valuta

Gli Stati Uniti sono la più grande economia mondiale sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. I marchi americani dominano da anni il mercato globale e il dollaro americano (USD) è considerato la principale valuta del mondo. La Borsa di New York, la New York Stock Exchange, è la più importante borsa valori del mondo.

Gli Stati Uniti sono conosciuti per i salari relativamente alti e le basse tasse. Tuttavia, i costi della vita sono più elevati, l'assistenza sanitaria è costosa e vi è un minor sostegno sociale. Nonostante ciò, ogni anno centinaia di migliaia di migranti, soprattutto dall'America Latina e Centrale, cercano di attraversare il confine con gli Stati Uniti nella speranza di trovare una vita migliore.

Dollaro statunitenseIl dollaro statunitense è la valuta degli Stati Uniti.

Il dollaro statunitense
Il dollaro statunitense è disponibile in monete del valore di 1 centesimo (chiamate anche penny), 5 centesimi, 10 centesimi, 25 centesimi, 50 centesimi e 1 dollaro. Tuttavia, le monete del valore di 1 dollaro sono raramente in circolazione. Inoltre, ci sono banconote del valore di 1, 2, 5, 10, 50 e 100 dollari. Nelle grandi città, è possibile pagare praticamente ovunque con carta di credito o bancomat. Tuttavia, si tenga presente che in questo caso è spesso necessario pagare commissioni di transazione.

Nei ristoranti americani è molto comune lasciare la mancia. In molti casi, il personale di servizio viene pagato principalmente con le mance. Di solito ci si aspetta che i clienti lascino una mancia del 20 percento.


Sicurezza

Gli Stati Uniti sono generalmente un Paese sicuro. Per ulteriori informazioni, consulta la pagina sui consigli di viaggio per gli USA.

Tieni presente che gli Stati Uniti sono spesso teatro di disastri naturali. La costa orientale può essere colpita da uragani in autunno. Le zone aride dell'ovest possono essere colpite da incendi boschivi o tornado in estate. Tieni sempre d'occhio i notiziari locali in modo da essere avvertiti in caso di condizioni meteorologiche estreme.

Se visiti uno dei numerosi parchi nazionali americani, tien presente che in queste aree sarà difficile mettersi in contatto con l'esterno e che i servizi di emergenza non saranno in grado di aiutarti immediatamente in caso di problemi. Molte riserve naturali ospitano animali selvatici come gli orsi. Tienilo presente e non lasciare mai avanzi di cibo in giro. Prima di visitare un parco nazionale, accertati in merito al suo regolamento.


Visto ESTA

Per visitare gli Stati Uniti, è necessario avere un visto o un ESTA valido. La maggior parte dei viaggiatori europei è idonea per richiedere l'ESTA, che è facile da ottenere. L'ESTA è un'autorizzazione di viaggio elettronica che, una volta concessa, viene automaticamente associata al numero del passaporto. Le richieste di ESTA vengono generalmente elaborate entro 3 giorni.

Richiedi ora l'ESTA

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali l’ESTA per gli USA. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un ESTA anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (21 USD per ESTA, tramite esta.cbp.dhs.gov). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta e tutti i documenti da te forniti prima di inoltrare tutto al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 21 USD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 30,53 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di ESTA USA per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.