Notizia | | 14/07/2020 | Tempo di lettura: ±8 minuti

A causa dell’attuale divieto di ingresso, la maggior parte dei viaggi in Canada non può avere luogo. Si applicano tuttavia deroghe per alcuni casi particolari, quali per situazioni di comprovata necessità, per i viaggiatori che sono parenti diretti di cittadini o residenti canadesi e, in alcuni casi, per i viaggiatori che sono parenti di cittadini o residenti canadesi che non sono familiari diretti. Su questa pagina (aggiornata il 27-05-2021) vengono illustrate le deroghe attuali e le procedure da seguire.

eTA Canada: nessuna garanzia di ammissione

Nonostante tutte le misure adottate relativamente al Coronavirus, è ancora possibile presentare una richiesta di eTA. La domanda viene trattata come prima dell’emergenza Coronavirus. Coloro che hanno un’eTA valida non hanno tuttavia ancora la garanzia che il viaggio in Canada possa effettivamente avvenire a causa dell’attuale divieto d’ingresso. L’ingresso è consentito solo se sono soddisfatte le eccezioni e le condizioni di questa pagina.

Chi è autorizzato a recarsi in Canada nonostante il divieto d’ingresso?

L’attuale divieto di ingresso in Canada riguarda i viaggiatori di tutte le nazionalità. Esistono limitate eccezioni, nello specifico per:

Cittadini e residenti in Canada e familiari
Persone di nazionalità canadese o con lo status di Residente Permanente canadese, così come i loro familiari. I familiari diretti sono persino autorizzati a recarsi in Canada senza ulteriori autorizzazioni da parte dell’IRCC (il Dipartimento per l’Immigrazione canadese), nonostante il divieto d’ingresso. Devono essere in grado di dimostrare che lo scopo del loro viaggio è quello di stare con il loro familiare e che rimarranno in Canada per almeno 15 giorni. Per familiari diretti si intendono: il coniuge o il partner legale, un figlio a carico, il figlio di un figlio a carico, un genitore (acquisito), un tutore o un accompagnatore. I familiari diretti devono fornire due prove al momento del check-in e al controllo passaporti: una prova che dimostri che il loro familiare ha effettivamente la cittadinanza canadese, o che gode dello status di residente permanente, e una prova che la persona in questione sia effettivamente un membro diretto della famiglia.

Le persone che non sono parenti diretti, ma che sono familiari di cittadini canadesi o residenti permanenti in Canada, possono ottenere un permesso eccezionale dall’IRCC per recarsi in Canada nonostante il divieto d’ingresso (se possono dimostrare che il scopo del loro viaggio è quello di stare con il loro familiare e che rimarranno in Canada per almeno 15 giorni). Questa categoria include le seguenti persone:

  • Le persone che hanno una relazione romantica con un residente in Canada da almeno un anno e che sono state fisicamente insieme a questa persone per un certo periodo di tempo durante quell’anno
  • I figli non a carico (cioè adulti)
  • I nipoti
  • I fratellastri o le sorrelastre, o fratelli o sorelle di una famiglia composta, che non hanno legami di sangue
  • I nonni
  • Anche i figli, i nipoti minorenni o con disabilità, i nonni, i genitori, i fratelli e le sorelle di un partner convivente di un residente in Canada possono ottenere un’autorizzazione di viaggio

Per ottenere l’esenzione necessaria per queste persone (che è richiesta oltre all’eTA), il residente in Canada deve compilare un modulo specifico (“application for authorization and statutory declaration”) sul sito web dell’IRCC.

Persone registrate ai sensi del Canadese Indian Act

Persone sotto protezione
Le persone a rischio di persecuzione nel loro Paese d’origine a causa della loro razza, religione, nazionalità, gruppo sociale o opinione politica possono essere considerate persone protette.

Persone che viaggiano per un motivo molto importante e volano direttamente dagli USA
All’arrivo, un funzionario del Dipartimento per l’Immigrazione canadese valuterà se il motivo del viaggiatore sia sufficientemente convincente per ottenere il permesso di fare ingresso nel Paese. Le compagnie aeree e le autorità canadesi possono escludere i viaggiatori già prima della partenza se ritengono che il viaggiatore non abbia reale necessità di recarsi in Canada. Anche se non è obbligatorio, è consigliabile inviare un’e-mail al Servizio Immigrazione Canadese (IRCC) prima della partenza per chiedere se lo scopo del viaggio è considerato sufficientemente importante.

Persone che volano per ragioni di necessità, e non dagli USA
Coloro che non volano direttamente dagli Stati Uniti d’America in Canada, ma che desiderano recarsi in Canada per motivi importanti, come descritto nel paragrafo precedente, devono rientrare in una delle seguenti categorie:

  • Viaggiatori con un permesso di lavoro canadese e uno scopo di viaggio legato al lavoro.
  • Studenti internazionali con un permesso di studio valido che devono recarsi in Canada per seguire gli studi per i quali il permesso di studio è stato rilasciato.
  • Viaggiatori titolari di un permesso di soggiorno permanente.
  • Viaggiatori che passano per il Canada per un semplice transito aereo, e non escono dall’aeroporto.
  • Membri delle Forze Armate canadesi, membri di Forze Armate in visita, il Ministero della Difesa canadese e i loro familiari diretti.
  • Diplomatici riconosciuti e i loro familiari più stretti.
  • Equipaggio aereo e marittimo.
  • I cittadini francesi che risiedono a Saint-Pierre e Miquelon e che sono stati solo in Canada, negli Stati Uniti o a Saint-Pierre e Miquelon nei 14 giorni che precedono il loro arrivo in Canada.
  • Tutte le persone che, a parere del capo dell’Organismo canadese per la salute pubblica, non costituiscono una minaccia per la salute pubblica e forniranno servizi essenziali durante il loro soggiorno in Canada.
  • Persone la cui presenza in Canada è considerata di interesse nazionale dal Ministero dell’Immigrazione, dei Rifugiati e della Cittadinanza, dal Ministero della Pubblica Sicurezza o dal Ministero degli Affari Esteri.
  • Persone che si recano in Canada su invito del Ministro della Sanità per lavori che contribuiscono alla lotta contro il Coronavirus
  • Persone che si occupano di forniture mediche.
  • Atleti di alto livello (sia professionisti che dilettanti) che partecipano a un evento sportivo internazionale ("International Single-Sport Event"). Per poter viaggiare devono avere il permesso del "Deputy Minister of Canadian Heritage" (PCH).
  • Persone che hanno il diritto di recarsi in Canada per motivi umanitari ("compelling reason"). Queste persone devono richiedere il permesso per il loro viaggio alla "Public Health Agency of Canada" (PHAC).

Queste persone devono compilare un modulo sul sito web dell’IRCC, indicando alla voce "Case Specific Enquiries" il motivo per cui il loro viaggio rientra nelle eccezioni. Questo modulo online deve essere accompagnato da una prova che la persona in questione rientra in una delle categorie di esenzione.

Coloro che devono recarsi in Canada per fornire assistenza medica o supporto a una persona cara, o per essere presenti negli ultimi giorni di una persona cara, devono scaricare dal sito web dell’IRCC anche il "Letter of Required Support Form", compilarlo e caricarlo insieme al modulo digitale di richiesta di esenzione dal divieto d’ingresso.

Se l’IRCC concede la deroga, il viaggiatore riceverà un’e-mail che spiega i prossimi passi da compiere per recarsi in Canada.

Condizioni aggiuntive per coloro che sono ancora autorizzati a viaggiare

I viaggiatori per i quali viene fatta un’eccezione al divieto di ingresso devono essere in grado di dimostrare di soddisfare le seguenti condizioni:

  • Il soggiorno in Canada deve durare almeno 15 giorni.
  • Il viaggiatore deve avere il risultato negativo di un test PCR eseguito al massimo 72 ore prima della partenza, o deve essere risultato positivo al Coronavirus tra i 14 e 90 giorni precedenti l’arrivo. I test eseguiti in India o Pakistan non saranno accettati. All’arrivo in Canada verrà somministrato un altro test PCR e il viaggiatore dovrà eseguire un altro test rapido per il Coronavirus dopo il periodo di quarantena obbligatorio.
  • Prima della partenza, il viaggiatore deve scaricare l’applicazione ArriveCAN, installarla sul suo cellulare e inserire le informazioni richieste. Al momento del check-in, la compagnia aerea controllerà se l’applicazione è stata installata e se le informazioni richieste sono stati inseriti.
  • Il viaggiatore supera il controllo sanitario effettuato o richiesto dalla compagnia aerea.
  • Il viaggiatore viaggia nel rispetto delle altre precauzioni adottate dalla compagnia aerea.
  • Il viaggiatore dispone di un programma di quarantena, che stabilisce dove e come svolgerà la quarantena obbligatoria di 14 giorni in Canada, come si sposterà dall’aeroporto di arrivo in Canada alla struttura dove svolgerà la quarantena e come riceverà generi alimentari, servizi e cure mediche presso tale struttura. I primi tre giorni del periodo di quarantena devono sempre essere svolti in una struttura designata dal governo canadese.
  • Al controllo passaporti in Canada, il viaggiatore dovrà presentare nuovamente la prova che dimostra che rientra nelle eccezioni e quindi ha il diritto di recarsi in Canada nonostante il divieto d’ingresso.
  • Il viaggiatore è in possesso di un visto valido o di un’eTA Canada e dell’autorizzaione di viaggio dall’IRCC (o della PHAC o del PCH menzionati sopra).

In determinate circostanze, è possibile ottenere un’eccezione all’obbligo di quarantena (ad esempio per assistere ad un funerale), ma a tal fine è necessario richiedere separatamente un permesso all’IRCC.

Non è ancora chiaro fino a quando rimarranno in vigore queste condizioni, ma sarà almeno fino al 21 giugno 2021.

Le autorità canadesi raccomandano vivamente di non viaggiare se si accusano sintomi riconducibili al Coronavirus. I viaggiatori che presentano sintomi del Coronavirus non saranno autorizzati a imbarcarsi sui voli per il Canada. Anche i viaggiatori che non dispongono di un programma di quarantena da comunicare alle autorità non saranno ammessi sul territorio canadese.

Viaggi in Canada dopo il divieto di ingresso

Resta ancora sconosciuto il momento in cui le restrizioni citate in questa pagina saranno revocate. Si consiglia di tenersi aggiornati leggendo regolarmente la pagina sugli attuali sviluppi del Coronavirus in Canada.