Notizia | | 11/08/2022 | Tempo di lettura: ±4 minuti

A partire dal 1° luglio 2022, in Australia si apriranno nuove opportunità per gli immigrati altamente qualificati. All’indomani della pandemia di coronavirus, per i titolari di un visto temporaneo (di lavoro) ci sono conseguenze positive, una volta tanto.

Revisione delle regole sui visti dopo il coronavirus (Covid-19)

In Australia, l’anno finanziario inizia il 1° luglio. Con l’inizio di un nuovo anno finanziario, anche i programmi relativi alla migrazione e in materia di visti in Australia vengono esaminati. I nuovi cambiamenti nella politica relativa ai visti sono motivati principalmente dalla carenza di manodopera nel mercato australiano. La carenza di manodopera si fa sentire in tutti i settori dell’economia australiana, ma si registra una particolare carenza di lavoratori altamente qualificati. Sembra che i titolari di un visto di lavoro temporaneo saranno alla fine ricompensati per la loro pazienza. In effetti, durante la pandemia di coronavirus, molti immigrati in Australia hanno lavorato relativamente senza protezione con visti temporanei. Il Dipartimento australiano per gli Affari Interni sta ora riconoscendo ufficialmente questi immigrati per il loro impegno.

Modifiche alla politica relativa ai visti per soggiorni di lunga durata

Le modifiche ai visti sono una buona notizia per gli attuali titolari del visto Temporary Skill Shortage (TSS) sottoclasse 482. Durante un periodo di due anni possono richiedere un nuovo visto di transizione, il visto Temporary Residence Transition (TRT). Il visto TRT è un nuovo percorso molto più accessibile per ottenere un permesso di soggiorno permanente in Australia e offre persino ai titolari la possibilità di naturalizzarsi come cittadini australiani. Questo è possibile a condizione che siano nominati dal loro datore di lavoro e che siano stati in Australia per almeno un anno nel periodo compreso tra il 1° febbraio 2020 e il 14 dicembre 2021. Questo vale anche per i titolari di un visto della sottoclasse 457 con un’occupazione presente nella lista australiana delle professioni ricercate a breve termine.

Inoltre, per i titolari di visto della sottoclasse 457, per il momento sarà eliminata la restrizione di età per gli over 45 anni. In pratica, questa restrizione d’età spesso significava che per questo gruppo una residenza permanente garantita rimaneva irrealizzabile anche dopo anni di lavoro in Australia.

Prospettive per i soggiornanti altamente qualificati

I cambiamenti nell’approccio alla politica dei visti australiana hanno liberato oltre 30.000 posti per i lavoratori altamente qualificati che vogliono rimanere in Australia. Il Partito Laburista Australiano sta quindi prendendo una posizione attiva per consentire nuove modalità di ottenimento della residenza permanente. Non si tratta solo di una risposta alle carenze di manodopera, ma anche di un modo per combattere l’insicurezza sociale degli immigrati. Finché la domanda di lavoratori temporanei continuerà a crescere, gli immigrati continueranno a dipendere da contratti temporanei per lo status di residenza temporanea e per l’accesso spesso limitato ai servizi sociali. Ciò è dovuto in parte al fatto che i grandi arretrati creati dagli effetti del coronavirus non sono ancora stati smaltiti dal Dipartimento per l’Immigrazione australiano. Questa è quindi una priorità.

Visto Working Holiday

Visitare l’Australia con un visto Working Holiday è stato per lungo tempo fuori questione. L’Australia ha tenuto le frontiere chiuse per molto tempo durante la pandemia di coronavirus (Covid-19), mentre molti settori dipendono normalmente dai titolari, tra l’altro, del visto Working Holiday. Nel frattempo, il Brasile e la Mongolia hanno ottenuto l’accesso a questo programma, per alcuni Paesi il limite di età è stato innalzato a 36 anni e sono stati resi disponibili più posti per il visto simile Work and Holiday.

Anche i cittadini italiani possono utilizzare il visto Working Holiday tra il 18° e il 31° compleanno per visitare l’Australia per un periodo più lungo. In teoria, questo visto può essere richiesto al massimo tre volte. Il primo visto, come suggerisce il nome, è destinato principalmente a una (lunga) vacanza durante la quale si può anche lavorare. È possibile richiedere un secondo visto Working Holiday, ma solo dopo un minimo di 3 mesi di lavoro in determinati settori. Spesso si tratta di lavori pesanti.

Più soggiorni di tre mesi: il visto Australia eVisitor

Per viaggi fino a tre mesi, ad esempio per le vacanze durante le quali si svolge anche attività di volontariato e per (la maggior parte di) brevi corsi di formazione, è meglio richiedere il più economico visto eVisitor. Questo visto consente anche di lavorare in Australia per un datore di lavoro al di fuori dell’Australia. Non è consentito lavorare per un datore di lavoro australiano e/o fornire prodotti o servizi in Australia, ma sono consentiti i viaggi d’affari allo scopo di vendere tali prodotti. Con un visto Australia eVisitor puoi fare un numero illimitato di viaggi in Australia entro un anno, a condizione che ogni soggiorno non superi i tre mesi.