Da febbraio 2022 le frontiere dell’Australia sono di nuovo aperte ai turisti e ai viaggiatori d’affari. I viaggiatori non devono più esibire un certificato vaccinale o sottoporsi a un test per recarsi in Australia. Tuttavia, per viaggiare in Australia è necessario un visto Australia. Scopri su questa pagina tutto ciò che riguarda il coronavirus in Australia e le conseguenze sui tuoi progetti di viaggio.

Revoca dellʼobbligo di vaccinazione e di test

Per molto tempo, i viaggi internazionali in Australia sono stati soggetti allʼobbligo di vaccinazione. Potevano fare ingresso nel Paese soltanto i viaggiatori completamente vaccinati contro il coronavirus (Covid-19). Il 6 luglio 2022 lʼobbligo di vaccinazione è stato revocato con effetto immediato. Chi desidera viaggiare in Australia non deve più esibire il certificato vaccinale. Inoltre, per recarsi in Australia i viaggiatori non devono più sottoporsi a un test per il coronavirus, indipendentemente dallo stato di vaccinazione.

Hai in programma un viaggio in Australia a breve? Il governo italiano reputa lʼAustralia un Paese sicuro in cui viaggiare. Tuttavia, i viaggiatori devono essere in possesso di un visto Australia.

Lʼandamento del coronavirus in Australia

Fin dallʼinizio della pandemia mondiale di coronavirus, lʼAustralia ha deciso di adottare una politica a tolleranza zero, con rigidi lockdown e una totale chiusura delle frontiere. Poiché lʼisola non presenta confini terrestri, tale politica è stata applicata più facilmente rispetto alla maggior parte degli altri Paesi, tanto che il numero dei contagi è stato per molto tempo quasi trascurabile. Tuttavia, dopo lʼestate del 2021 e la comparsa della variante omicron alla fine dello stesso anno, il numero dei contagi è salito rapidamente. Grazie allʼandamento positivo della campagna vaccinale e al decorso meno grave della variante omicron, il governo dellʼAustralia ha deciso di riaprire le frontiere ai viaggiatori nel febbraio 2022.

Lʼapertura delle frontiere non si è rivelata una scelta sbagliata; i dati relativi alle infezioni e ai ricoveri sono diminuiti e la vita è tornata alla normalità in gran parte dellʼAustralia. Il 6 luglio 2022 sono state revocate le ultime misure contro il Covid-19 relative ai viaggi a livello nazionale. Da allora, non è più obbligatorio per i viaggiatori esibire un certificato vaccinale o il risultato di un test.

Il coronavirus (Covid-19) ha causato gravi impedimenti ai viaggi con il visto AustraliaQuasi tutte le misure contro il coronavirus/Covid-19 per i viaggi in Australia sono state revocate.

Preparazione al viaggio in Australia

Dopo quasi due anni di frontiere completamente chiuse, lʼAustralia ha iniziato ad allentare gradualmente le misure relative al coronavirus a partire da febbraio 2022. Allʼinizio del 2022, i viaggiatori dovevano ancora esibire un test negativo e il certificato vaccinale per recarsi in Australia. I viaggiatori dovevano inoltre essere sottoposti a un test Covid-19 anche allʼarrivo. Ad aprile 2022 è stato eliminato lʼobbligo di test per i viaggiatori vaccinati, e da luglio 2022 anche lʼobbligo di vaccinazione. Sempre da luglio, i viaggiatori non devono più compilare la “Digital Passenger Declaration” (DPD) o la “Maritime Travel Declaration” (MTD). Viaggiare in Australia è quindi diventato molto più semplice, ma ci sono ancora alcuni dettagli a cui prestare attenzione.

Richiedi un visto Australia

Prima di partire devi richiedere un visto Australia. Per le vacanze e per i viaggi dʼaffari solitamente è sufficiente un visto eVisitor. Questo visto può essere richiesto interamente online e ha un periodo di validità di 12 mesi. Durante questo periodo è possibile effettuare molteplici viaggi in Australia. Ogni soggiorno nel Paese può durare al massimo 3 mesi consecutivi.
Richiedi subito il tuo visto Australia

Il volo per lʼAustralia

Prima di salire a bordo dellʼaereo, dovrai essere in grado di esibire i seguenti documenti: passaporto, biglietto aereo e visto. Tieni sempre questi documenti nel bagaglio a mano. Durante il volo è obbligatorio indossare la mascherina.

Dopo lʼarrivo in Australia

A livello nazionale, lʼAustralia ha eliminato tutte le misure contro il coronavirus per i viaggiatori internazionali. Recentemente, le ultime restrizioni di ingresso per i viaggiatori internazionali relative al coronavirus sono state revocate anche in tutti gli stati dellʼAustralia. Poiché le norme possono cambiare rapidamente nei diversi stati, è saggio tenersi sempre aggiornati sulle restrizioni locali contro il coronavirus per i viaggiatori internazionali.

Ritorno in Italia

Dal 1 giugno 2022 i viaggiatori italiani possono rientrare in Italia dallʼAustralia senza restrizioni.

Esonero da responsabilità: le misure e le indicazioni relative al coronavirus sia del governo italiano, sia del Dipartimento per l’Immigrazione australiano sono soggette a modifiche continue. Pertanto, non è possibile garantire che tutte le informazioni sul visto Australia durante l’emergenza coronavirus contenute in questo articolo siano sempre complete e aggiornate. In ogni caso l’articolo viene aggiornato con regolarità.

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali il visto per l’Australia. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un visto anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (0 AUD per visto, tramite online.immi.gov.au). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta prima di inoltrarla al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 0 AUD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 19,95 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di visto Australia per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.