Anche in Australia sono state adottate misure severe per contrastare la diffusione del Coronavirus (COVID-19). La maggior parte dei visti per l'Australia non sono più utilizzabili, fatta eccezione per alcuni casi. Scopri su questa pagina quali conseguenze ha il Coronavirus sui tuoi programmi di viaggio e sul tuo visto Australia (aggiornato al 18-08-2020).

Il Coronavirus ha colpito anche l’Australia?

Sì. Al 9 luglio 2020 si riportano circa 23.773 casi di Coronavirus e 438 decessi ad esso dovuti.

Le richieste di visto vengono approvate al momento?

Al momento è ancora possibile richiedere il visto eVisitor Australia. Questo tipo di visto è destinato ai viaggi d’affari e ai viaggi turistici. Al momento le richieste vengono semplicemente lasciate in sospeso, e probabilmente sarà così fino alla revoca del divieto d'ingresso. In ogni caso, dato che il visto Australia ha validità di 1 anno può essere richiesto per viaggi che avverranno nei prossimi 12 mesi.

Chiedi subito il visto Australia per viaggiare più avanti quest’anno

Posso comunque utilizzare il mio visto Australia durante l’emergenza Coronavirus?

A causa del Coronavirus, l’Australia non ammette l’ingresso ai visitatori per il momento, Vi sono solo tre eccezioni. La prima riguarda i residenti australiani, ovvero coloro che sono in possesso della cittadinanza australiana o di un visto permanente ("permanent resident"). La seconda riguarda i familiari stretti dei cittadini australiani o dei titolari di un visto permanente. La terza eccezione riguarda le persone di nazionalità neozelandese che risiedono in Australia.

I viaggiatori provenienti da paesi i cui cittadini sono autorizzati a fare transito/scalo in Australia senza visto, tra cui l'Italia, possono ancora fare transito/scalo in Australia, a condizione che siano in possesso di un biglietto di transito e non lascino l'area di transito dell'aeroporto.

Il Coronavirus (Covid-19) comporta grossi impedimenti per i viaggi con un visto AustraliaIl Coronavirus (Covid-19) comporta grossi impedimenti per i viaggi con un visto Australia

Quando sarà di nuovo possibile andare in Australia?

Al momento non è chiaro quando potranno riprendere i viaggi in Australia con i visti ordinari. Simon Birmingham, ministro australiano del Commercio, del Turismo e degli Investimenti, ha annunciato l'improbabilità di una riapertura delle frontiere entro l'anno corrente. Si sta tuttavia valutando la possibilità di allentare le restrizioni di viaggio per gli studenti e per gli altri visitatori di lunga durata. Non è stato ancora confermato ufficialmente se i turisti e i viaggiatori d'affari non potranno recarsi in Australia fino alla fine di quest'anno. I voli per Melbourne sono sospesi almeno fino a nuovo ordine. Tieni d’occhio questa pagina per restare aggiornato sulle misure e le restrizioni connesse all’uso del visto Australia.

Se hai la cittadinanza australiana, sei titolare dello status di residente permanente, o sei un parente diretto di qualcuno che rientra in queste due categorie, puoi partire per l'Australia. A tal fine ti serve un’autorizzazione aggiuntiva del Dipartimento per l’Immigrazione, oltre a un visto valido. Per ottenere questa autorizzazione devi dimostrare di soddisfare i requisiti. Tieni conto che, dopo l’ingresso in Australia, dovrai restare 14 giorni in quarantena per ridurre al minimo la possibilità di contagiare altre persone. Questo ricade nella tua personale responsabilità. Al tuo arrivo potrai recarti a casa o in albergo, a condizione che tu vi rimanga per 14 giorni.

Posso/devo tornare in Italia?

In base alla normativa vigente sei autorizzato a rientrare in Italia, a condizione che tu disponga di un'autocertificazione che specifichi i motivi del viaggio, l’indirizzo in Italia in cui svolgerai l’autoisolamento fiduciario obbligatorio di 14 giorni, il mezzo privato che utilizzerai per raggiungerlo e un recapito telefonico. Se desideri rimanere in Australia, verifica con la tua assicurazione di viaggio se la copertura è ancora valida. Inoltre, tieni in considerazione che diventerà sempre più difficile rimpatriare. Nelle ultime settimane le misure contro il Coronavirus sono state rese più severe e probabilmente diventeranno ancora più severe. Se desideri rimpatriare, è consigliabile farlo il prima possibile.

Se invece vuoi rimanere in Australia, assicurati che il tuo visto abbia validità sufficiente. Il tuo visto scade tra breve? Allora richiedine uno nuovo prima che quello precedente scada. Puoi optare per un cosiddetto "bridging visa": questi visti vengono rilasciati più rapidamente e possono essere una soluzione temporanea alle domande di visto a lungo termine. Normalmente alcuni tipi di visto non si possono richiedere mentre si è in Australia, ma, data l’emergenza Coronavirus, è possibile richiedere deroghe al Dipartimento per l'Immigrazione.

Ti trovi in Australia al momento? Anche qui valgono le seguenti indicazioni:

  • Mantieni una distanza di almeno 1 metro e mezzo dagli altri
  • Evita i contatti sociali, specialmente con soggetti vulnerabili
  • Lavati regolarmente le mani per almeno 20 secondi
  • Tossisci e starnutisci nel gomito
  • Evita di toccarti il viso con le mani
  • Richiedi assistenza medica e il tampone per il Coronavirus se non ti senti bene

Il governo australiano offre test e trattamenti gratuiti per il Coronavirus.

A causa del drastico aumento di nuovi contagi nello stato di Victoria dall'inizio di luglio, è in vigore un nuovo coprifuoco dall'8 luglio. I confini con il New South Wales e il South Australia sono chiusi. Fino a nuovo avviso non sono possibili i spostamenti da Victoria ad altri stati.

Dove posso richiedere un risarcimento dei danni per il Coronavirus?

Questo non è chiaro al momento. Dipende dalla tua situazione, ad esempio da dove hai prenotato il tuo viaggio in Australia e da quali costi avresti dovuto sostenere o hai già sostenuto. Alcune assicurazioni di viaggio e tour operator risarciscono i danni legati al Coronavirus, mentre altri dichiarano di non essere nella condizione di compensare i danni perché semplicemente non dispongono di mezzi economici sufficienti. I visti per l’Australia che non possono essere utilizzati non possono essere annullati. Il Dipartimento per l’Immigrazione non ritira i visti, né risarcisce i visti non utilizzati.

Esonero da responsabilità: le misure e le indicazioni relative al Coronavirus sia del governo italiano, sia del Dipartimento per l'Immigrazione australiano sono soggette a modifiche continue, pertanto non è possibile garantire che tutte le informazioni sul visto Australia durante l'emergenza Coronavirus contenute in questo articolo siano completamente attuali. In ogni caso faremo il possibile per aggiornare l’articolo con le dovute modifiche e informazioni aggiuntive.