Notizia | | 04/08/2022 | Tempo di lettura: ±2 minuti

Allʼinizio del 2021, gli Stati Uniti hanno aggiunto Cuba alla lista dei Paesi considerati "sponsor del terrorismo". La presenza di Cuba su questa lista comporta serie conseguenze per il governo e per il popolo cubano, a cui non verranno garantiti i bisogni primari. Inoltre, la decisione riguarda anche i viaggiatori che vogliono richiedere lʼESTA, ma che in passato hanno visitato Cuba.

Cuba nella lista degli Stati sponsor del terrorismo dal 2021

Attualmente, sono quattro i Paesi considerati sponsor del terrorismo: Cuba, Corea del Nord, Siria e Iran. Lʼidea alla base della lista è di permettere al Dipartimento di Stato americano di determinare se questi Paesi abbiano sostenuto o meno atti di terrorismo internazionale. Tuttavia, lʼelenco è basato in gran parte su ipotesi e informazioni incomplete. Infatti, nel caso di Cuba, il governo statunitense ha poche prove che il Paese stia attualmente sostenendo o abbia mai sostenuto attività terroristiche e rappresenti quindi una minaccia per gli Stati Uniti.

Lʼatteggiamento degli Stati Uniti nei confronti di Cuba

A partire dal 2015, Cuba non figurava più tra i Paesi sponsor del terrorismo dopo che lʼallora Presidente Barack Obama lʼaveva rimossa dalla lista (Cuba vi era stata inclusa per la prima volta nel 1982 da Reagan). Il 12 gennaio 2021, il Presidente Donald Trump ha inserito nuovamente Cuba nella lista durante la sua ultima settimana di mandato, pochi giorni prima dellʼinsediamento dellʼattuale Presidente Joe Biden. Tuttavia, siccome non ci sono prove che qualcosa sia cambiato a Cuba dal 2015, sembra essere stata solo una mossa politica per annullare il maggior numero possibile di politiche di Obama.

Pressioni affinché Biden rimuova Cuba dalla lista

Il fatto che Cuba sia attualmente considerata dagli USA come un Paese sponsor del terrorismo ha conseguenze negative sul governo e sul popolo cubano. Gli Stati Uniti hanno unʼenorme influenza sul sistema finanziario globale. Di conseguenza, le banche e le aziende si rifiutano di fare affari con Cuba per paura di rappresaglie da parte del governo statunitense in caso di infrazione dellʼembargo. Nonostante il governo statunitense abbia protestato che, in caso di eccezioni mediche, le merci devono essere consegnate a Cuba, alcune aziende si rifiutano ancora di rispettare il divieto. Si tratta principalmente di materie prime, agenti reattivi, kit diagnostici, farmaci e attrezzature farmaceutiche.

Il Presidente Joe Biden ha le opportunità e i mezzi per rimuovere Cuba da questa lista. Durante la campagna elettorale, ha annunciato chiaramente che avrebbe invertito le rigide sanzioni dellʼamministrazione Trump su Cuba. Tuttavia, finora non lʼha fatto.

Conseguenze sul tuo ESTA

Poiché Cuba figura sullʼelenco dei Paesi sponsor del terrorismo, i viaggiatori che hanno visitato Cuba dal 12 gennaio 2021 in poi non possono richiedere lʼESTA. Non importa da quale Paese sei arrivato/a a Cuba. I viaggiatori che hanno visitato Cuba il 12 gennaio 2021 o dopo tale data possono comunque richiedere un visto USA. La procedura di richiesta di un visto fisico richiede molto più tempo rispetto a un ESTA, in quanto va richiesto di persona presso lʼambasciata degli Stati Uniti. Anche i costi sono molto più elevati.

Pertanto, verifica con largo anticipo rispetto alla partenza per gli Stati Uniti se soddisfi i requisiti per lʼESTA o se devi richiedere un visto.

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali l’ESTA per gli USA. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un ESTA anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (21 USD per ESTA, tramite esta.cbp.dhs.gov). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta e tutti i documenti da te forniti prima di inoltrare tutto al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 21 USD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 25,88 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di ESTA USA per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.