Notizia | | 02/01/2018 | Tempo di lettura: ±4 minuti

Molti italiani che hanno vissuto in Canada in passato hanno problemi a richiedere un’eTA Canada. Di conseguenza, non gli è possibile recarsi in Canada all’ultimo momento.

Conseguenze di un vecchio flusso migratorio

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, molti cittadini europei sono emigrati in Paesi più prosperi, soprattutto in Canada, Australia e Nuova Zelanda. Negli anni del secondo dopoguerra sono emigrati in Canada anche molti italiani, dove hanno ottenuto lo stato di "cittadino" o "residente permanente" dal governo canadese. In seguito, un numero considerevole di queste persone è ritornato in Italia. Per molti di questi rimpatriati vale che lo status di "cittadino" o "residente permanente" non è mai stato ufficialmente revocato, il che ora causa problemi quando vogliono recarsi di nuovo in Canada.

Problemi richiedendo un’eTA

Dal 2016 tutti gli italiani che volano in Canada per una vacanza, un viaggio d’affari o per una visita a familiari e/o amici sono obbligati a richiedere un’eTA. I cittadini canadesi e i residenti permanenti del Canada non soddisfano i requisiti per l’eTA Canada, in quanto possono recarsi in Canada con il loro passaporto canadese o "permanent resident card" (carta di residenza permanente, PR-card) e, quindi, non hanno bisogno di un’eTA o di un visto per il Canada. Chi ha mai vissuto in Canada, può ancora essere registrato in Canada come residente o cittadino canadese. Spesso queste persone non lo sanno. Questi status non scadono mai automaticamente e possono essere annullati solo attraverso procedure ufficiali. I cittadini sono anche chiamati "citizen" o "national", i residenti in Canada "resident", "permanent resident", "landed immigrant" o "immigrant reçu". Per tutti questi status o denominazioni vale lo stesso: chi ha uno di questi status, non può richiedere un’eTA Canada.

TorontoChi ha vissuto in Canada in passato, probabilmente è ancora registrato come "permanent resident"

Recarsi comunque in Canada: quali sono le possibilità?

Sei ancora registrato nel registro anagrafico canadese come "citizen", "national", "permanent resident", "landed immigrant" o "immigrant reçu"? In caso affermativo, vi sono alcune maniere per recarti comunque in Canada. Ogni possibilità ha i suoi vantaggi e svantaggi.

Soluzione 1 | Con un passaporto canadese (anche di emergenza)

Sei ancora registrato come cittadino canadese ("citizen" o "national")? In caso affermativo, puoi richiedere un nuovo passaporto presso un’ambasciata canadese. Se hai fretta, puoi anche richiedere un passaporto d’emergenza: passaporti di emergenza vengono rilasciati più rapidamente.

Soluzione 2 | Con una PR-card (carta di residenza permanente)

Sei ancora registrato come residente nel registro anagrafico canadese ("resident", "permanent resident", "landed immigrant", "immigrant reçu") e attualmente ti trovi in Canada? In tal caso, la tua preoccupazione è probabilmente quella di poter ritornare in Canada una volta che hai lasciato il Paese. In questo caso, puoi richiedere una nuova carta di residenza permanente ("permanent resident card" o PR-card).

Soluzione 3 | Con un PRTD

Sei ancora registrato come residente nel registro anagrafico canadese ("resident", "permanent resident", "landed immigrant", "immigrant reçu") e non ti trovi in Canada attualmente? Se ti sei trovato in Canada per almeno due anni in totale negli ultimi cinque anni, puoi richiedere un "Permanent Resident Travel Document" (PRTD).

Soluzione 4 | Con un’eTA o visto

Se lo desideri, puoi anche decidere di cancellarti dal registro anagrafico della popolazione canadese. Facendo ciò, rinuncerai al tuo status di cittadino o residente. Tieni presente che così facendo, potresti anche perdere eventuali diritti maturati in Canada. Se, ad esempio, stai ricevendo una prestazione pensionistica o un beneficio dal Canada, o ti aspetti di riceverlo in futuro, dovresti prima assicurarti che non perderai questo diritto se annulli il tuo status. Una volta cancellato lo status, potrai seguire la normale procedura di richiesta per un’eTA Canada o un visto.

Soluzione 5 | Con un’eccezione

Da qualche tempo, è anche possibile richiedere un’eccezione che ti permetterà di recarti comunque in Canada. Questa eccezione può essere richiesta al Ministero per l’Immigrazione, i Rifugiati e la Cittadinanza del governo canadese ("Immigration, Refugees and Citizenship Canada, o IRCC). Tieni presente che è sempre possibile richiedere questa eccezione, ma che viene concessa solo in casi eccezionali.

Soluzione 6 | Con un ESTA attraverso gli USA

Come ultima opzione puoi scegliere di volare negli Stati Uniti d’America (per cui è necessario un ESTA) e di attraversare il confine con il Canada in macchina, treno, autobus o in barca. I viaggiatori in possesso di un passaporto italiano non hanno bisogno di un’eTA o di un visto se si recano in Canada per via terrestre o per via marittima dagli USA.