Notizia | | 21/09/2021 | Tempo di lettura: ±4 minuti

Da novembre, i viaggiatori completamente vaccinati provenienti dall’Unione Europea e dal Regno Unito saranno nuovamente i benvenuti negli Stati Uniti d’America. Con la rimozione del divieto di ingresso negli USA, i viaggiatori europei potranno di nuovo recarsi negli USA con un ESTA o un visto.

Importante: questa pagina risale a diverse settimane da. Consulta le informazioni più recenti sulle misure contro il coronavirus relative al tuo viaggio negli Stati Uniti d’America.

Ultime misure contro il coronavirus per i viaggi negli USA

Requisiti per l’ingresso negli USA

I viaggiatori europei che desiderano recarsi negli USA a partire da novembre devono comunque soddisfare i seguenti requisiti per entrare nel Paese:

  • Essere completamente vaccinati. Probabilmente tutti i vaccini usati nell’UE e nel Regno Unito saranno accettati.
  • Essere in possesso di un risultato negativo a un test Covid PCR effettuato fino a tre giorni prima della partenza. Per i viaggiatori statunitensi che ritornano negli USA il test deve essere effettuato al massimo 1 giorno prima della partenza.
  • Essere muniti di un ESTA o visto USA in corso di validità.

Le nuove regole non si applicano ai viaggiatori che arrivano negli USA per via terrestre, cioè attraverso le frontiere terrestri del Canada e del Messico. Nei prossimi giorni si attendono maggiori informazioni a parte del governo degli Stati Uniti d’America per i viaggiatori europei in arrivo. Per esempio, AstraZeneca, un vaccino approvato in Europa, non è usato negli USA, il che potrebbe significare che i viaggiatori che sono completamente vaccinati con AstraZeneca non potranno accedere agli USA. Possibili anche le eccezioni all’obbligo di vaccinazione, ad esempio per i bambini che non possono essere vaccinati.

Jeff Zients, coordinatore Covid-19 della Casa Bianca, ha anche annunciato che il governo sta lavorando a un nuovo sistema relativo al coronavirus per i viaggi internazionali. Tale sistema dovrebbe facilitare la raccolta di informazioni sanitarie sui viaggiatori, per esempio al fine capire con chi sono stati in contatto.

Critiche al divieto di ingresso

Negli ultimi mesi, le critiche al divieto di ingresso per i viaggiatori europei sono aumentate. Questo divieto comporta che i viaggiatori che si sono trovati, per esempio, in uno dei Paesi Schengen o nel Regno Unito nei 14 giorni precedenti il loro arrivo negli USA non possono fare ingresso nel Paese. Il divieto di ingresso negli Stati Uniti d’America è stato introdotto un anno e mezzo fa in seguito alla pandemia di coronavirus ed è ancora in vigore oggi. Il governo Biden ha ora annunciato che il divieto di ingresso sarà revocato all’inizio di novembre.

Questa decisione è stata presa dopo notevoli pressioni internazionali. Per esempio, il vicepresidente della Commissione Europea, Margaritis Schinas, ha annullato il suo viaggio in America per protestare contro il divieto di viaggio dichiarato “ingiusto”. Anche a livello nazionale si sono sollevate numerose critiche alla politica del governo. Le compagnie aeree e le agenzie viaggi americane hanno chiesto di allentare il divieto di viaggio per alcuni mesi. Rispetto al 2019, quest’estate il traffico aereo verso gli Stati Uniti è diminuito del 61%.

L’annuncio di lunedì scorso è arrivato dopo il picco dell’alta stagione, ma si prevede che la domanda di viaggi aumenterà notevolmente entro la fine dell’anno.

Richiedere un ESTA USA

Oltre alle misure sanitarie in relazione al Coronavirus, i viaggiatori che si recano negli USA devono essere muniti di un visto americano. Senza visto, non si potranno fare il loro ingresso negli USA, nemmeno se completamente vaccinati e in possesso di un risultato negativo di un test covid.

I viaggiatori italiani non hanno bisogno di richiedere un visto per recarsi negli Stati Uniti d’America. Possono invece richiedere un ESTA. L’ESTA è più economico rispetto al visto USA ed è inoltre molto facile da richiedere. Invece di recarsi presso l’ambasciata, per richiedere un ESTA basta compilare un modulo di richiesta online. Una volta effettuato il pagamento, l’ESTA viene approvato entro una media di 3 giorni. Da quel momento in poi è possibile recarsi negli USA. L’ESTA viene collegato elettronicamente al passaporto, non si tratta quindi di un documento cartaceo che deve essere stampato.

Un ESTA è valido per due anni. Questo significa che è già possibile richiedere un ESTA per un viaggio negli USA che avrà luogo dopo la revoca del divieto di viaggio a novembre.