Notizia | | 20/08/2021 | Tempo di lettura: ±3 minuti

Sembra ormai quasi certo che la Croazia sarà ammessa al Programma Visa Waiver degli Stati Uniti, conosciuto anche come programma ESTA. I viaggiatori con un passaporto croato potranno quindi viaggiare negli USA senza un visto.

La Croazia candidato ufficiale

Il Segretario di Stato degli Stati Uniti Anthony Blinken ha nominato ufficialmente la Croazia per la partecipazione al programma Visa Waiver degli Stati Uniti. I cittadini dei Paesi che fanno parte di questo programma possono viaggiare negli Stati Uniti senza visto, sia per una vacanza che per un viaggio d’affari. Basta loro richiedere un ESTA per viaggiare negli USA. Il soggiorno con un ESTA può durare fino a 90 giorni e l’ESTA è valido per due anni.

Il Segretario di Stato Blinken ha dichiarato che la nomina è un riconoscimento dei grandi progressi fatti dalla Croazia nel soddisfare i requisiti del Programma Visa Waiver. Il governo statunitense spera anche che la decisione rafforzi i legami tra i due Paesi e incoraggi gli investitori croati a investire in USA, dato che gli spostamenti nel Paese diventano più facili. La Croazia sta cercando da tempo di farsi includere nel programma ESTA. Fino a poco tempo fa, però, si è scontrata con le rigide condizioni imposte dall’America ai vari Paesi per qualificarsi.

Condizioni rigorose per l’ammissione all’ESTA

Per i Paesi non è semplice partecipare al programma ESTA americano: i requisiti sono davvero rigorosi e non è del tutto sorprendente. In parte in risposta agli attacchi dell’11 settembre 2001, l’ESTA è stata introdotta proprio per rafforzare la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Si pensi che il numero di domande respinte per visti turistici e d’affari per gli Stati Uniti nel Paese deve essere inferiore al tre percento delle richieste di visto. Tre anni fa tale percentuale era superiore al cinque per cento in Croazia, ma nel febbraio 2021 la Croazia ha finalmente raggiunto questa soglia significativa (2,69%). Inoltre, i Paesi devono accettare di condividere informazioni con il governo statunitense su questioni di sicurezza e rilasciare passaporti elettronici. L’ultimo aspetto è particolarmente importante, perché senza un passaporto elettronico non è consentito utilizzare l’ESTA. L’ESTA non è un documento cartaceo, ma un’autorizzazione di viaggio elettronica. È collegato digitalmente al passaporto del viaggiatore.

La Romania spera anche di essere ammessa al Programma Visa Waiver degli Stati Uniti. Tuttavia, il governo statunitense non ha ancora annunciato nulla a riguardo.

I Paesi Schengen fanno già parte del programma ESTA

Tutti i Paesi Schengen fanno già parte del programma Visa Waiver degli Stati Uniti. Ci sono solo quattro Paesi dell’UE i cui cittadini non possono ancora recarsi negli USA con un ESTA: Cipro, Romania, Croazia e Bulgaria. In seguito all’annuncio dell’adesione della Croazia, i Paesi scenderanno a tre.

Ciò significa che i viaggiatori italiani hanno diritto a un ESTA. Non occorre di portare il proprio passaporto all’ambasciata, ma basta presentare la propria domanda online. Dopo aver effettuato il pagamento, si tratta solo di aspettare che l’ESTA, una volta approvato, venga inviato per email. A partire da allora il viaggiatore può recarsi negli Stati Uniti senza un visto. All’aeroporto basta mostrare il passaporto. In base al numero drl passaporto la compagnia aerea può verificare se il viaggiatore dispone un ESTA valido.

Tuttavia si pensi che la nazionalità italiana comporti automaticamente l’approvazione di una domanda ESTA. Il modulo ESTA infatti pone una serie di domande di idoneità per evitare che soggetti indesiderati entrino negli USA. Se non si risponde con un No a tutte le domande di idoneità, non sarà possibile richiedere un ESTA. L’unica opzione per viaggiare nuovamente negli USA è richiedere un visto al consolato.