Notizia | | 18/11/2022 | Tempo di lettura: ±4 minuti

Gli atleti professionisti praticano il proprio sport a livello mondiale. Anche nel caso di molti tornei allʼestero è necessario richiedere un visto, ma capita regolarmente che la richiesta comporti qualche problema. Quali sono le problematiche comuni agli eventi sportivi negli Stati Uniti? E i tifosi possono invece richiedere facilmente un ESTA?

USA, terra di sport

Lo sport è una parte fondamentale dellʼidentità nazionale degli Stati Uniti. Il sogno americano di realizzarsi ai più alti livelli nel Paese è comune a moltissimi atleti. Gli sport più diffusi negli USA sono il baseball, la pallacanestro e il football americano. Ma per poter giocare negli Stati Uniti, talento e dedizione spesso non bastano. Gli sportivi non sono esenti dalle norme sullʼimmigrazione e anche loro devono quindi richiedere un visto.

Scegliere il visto giusto per uno sportivo

Spesso è difficile stabilire quale sia il visto necessario per un atleta, perché talvolta alcuni aspetti dei visti si sovrappongono. Generalmente, gli sportivi possono scegliere i visti B-1, B-2, H-1B, H-2B, O-1 o P-1. Tutto dipende dalla situazione specifica dellʼatleta in questione.

Visto da visitatore o ESTA

Molti atleti dilettanti che risultano idonei per un visto per visitatori (B-1 o B-2) possono anche richiedere un ESTA. Questʼautorizzazione di viaggio si può richiedere in modo facile e veloce online, senza prenotare un appuntamento allʼambasciata o consolato.

Il visto B-2 viene richiesto soltanto da atlenti dilettanti che non vengono compensati per le loro prestazioni sportive negli Stati Uniti. Il visto B-1 può invece essere richiesto da professionisti che ricevono un compenso, che sia un premio in denaro o uno stipendio pagato interamente dal Paese di provenienza. La competizione a cui prende parte lʼatleta deve essere necessariamente di portata internazionale.

Gli atleti che viaggiano con un ESTA non possono ricevere un compenso economico per le loro prestazioni sportive, ad eccezione di premi in denaro. Inoltre, è sempre obbligatorio rispettare la durata massima di 90 giorni per viaggio.

Altri visti per atleti

Il visto P-1 è un visto per lavoro temporaneo, utilizzato ad esempio per eventi sportivi. Il criterio più importante per ottenere questo visto è che lʼatleta o la squadra siano conosciuti a livello internazionale. Ciò significa che la bravura e il prestigio dellʼatleta o della squadra devono essere nettamente superiori alla norma, al punto da essere apprezzati anche allʼestero. Anche gli accompagnatori che viaggiano con lʼatleta hanno bisogno di un visto e possono richiedere un visto P-1S.

Il visto O-1 somiglia molto al visto P-1, ma è molto più complicato da ottenere perché il livello delle prestazioni sportive deve essere ancora più alto. Oltre alla visibilità internazionale, per ottenere il visto O-1 è necessario che lʼatleta dimostri unʼeccezionale abilità nello sport. Questo visto non si ottiene per unʼintera squadra, a meno che ogni giocatore non lo richieda individualmente. Gli accompagnatori che viaggiano con lʼatleta in possesso di un visto O-1 devono richiedere un visto O-2.

Gli atleti non idonei ai visti P-1 e O-1 potrebbero essere in grado di richiedere il visto H-2B. Per farlo, devono procurarsi uno sponsor che possa dimostrare che lo sportivo deve recarsi temporaneamente negli USA per un torneo o una competizione della durata inferiore a un anno. Ogni anno viene rilasciato un numero limitato di visti H2-B.

In alcuni casi, gli atleti possono richiedere anche il visto H-1B se si qualificano come specialisti nella propria professione. Ciò implica che il candidato vanti competenze specifiche sia a livello teorico che pratico. Il visto può essere richiesto anche da allenatori e preparatori. Come nel caso del visto H-2B, anche questo visto ha un tetto massimo annuale.

Se lʼatleta non ha un visto

È fondamentale che gli atleti richiedano il visto corretto in tempo per lʼevento sportivo a cui sono iscritti o qualificati. Senza il visto o lʼautorizzazione di viaggio non è concesso viaggiare negli USA, perciò può capitare che per questo motivo salti la partecipazione al torneo. Purtroppo capita regolarmente che atleti e accompagnatori richiedano i visti troppo tardi e non lo ricevano tempo.

Inoltre, a causa di ritardi legati alla pandemia di COVID-19, lo United States Citizenship and Immigration Services (USCIS) sta riscontrando tempi di attesa più lunghi del solito. Per questo motivo, è ancora più importante richiedere un visto in tempo.

Un esempio di cosa può succedere se un atleta non riceve il visto in tempo arriva dai Mondiali di atletica leggera 2022 dello scorso luglio. Quasi 400 atleti intenzionati a partecipare sono stati interessati da ritardi nel rilascio dei visti, non senza polemiche. Poco prima dellʼinizio del torneo, erano ancora 99 gli atleti a cui non era stato concesso il visto. Alcuni atleti non hanno potuto partecipare alla competizione.

Assistere da spettatori a un evento sportivo negli Stati Uniti

Anche chi desidera assistere a un evento sportivo negli USA ha bisogno di un visto o un ESTA. È sufficiente richiedere un ESTA online se il soggiorno negli Stati Uniti dura meno di 90 giorni. Un ESTA non presuppone alcuna competenza straordinaria, ma è sempre necessario soddisfare tutti i requisiti. La validità dellʼESTA è di due anni, dunque è possibile tornare anche al torneo dellʼanno successivo con lo stesso ESTA. Lʼelaborazione dellʼESTA richiede in media 3 giorni, ma è sempre importante presentare la propria richiesta in tempo perché i tempi di consegna non possono mai essere garantiti.

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali l’ESTA per gli USA. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un ESTA anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (21 USD per ESTA, tramite esta.cbp.dhs.gov). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta e tutti i documenti da te forniti prima di inoltrare tutto al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 21 USD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 25,88 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di ESTA USA per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.