Notizia | | 20/06/2020 | Tempo di lettura: ±3 minuti

In seguito agli attacchi al World Trade Center dell'11 settembre 2001, il governo USA ha apportato drastici cambiamenti al sistema nazionale dei voli. Molte di queste misure influiscono tuttora sui viaggi negli USA. Adesso il quesito che tanti si pongono è: in che misura il coronavirus porterà a una situazione analoga?

11 settembre: visti, documenti d'identità e sicurezza

Dopo gli attacchi dell'11 settembre l’effettiva sicurezza degli aeroporti americani ha fatto sorgere diverse domande. I 19 terroristi responsabili hanno superato tutti i controlli senza problemi, e sono stati autorizzati a salire a bordo dell'aereo. La sicurezza è stata incrementata notevolmente dopo l'11 settembre. Mentre prima la gestione era a affidata a varie società del settore privato, ora il governo ha istituito un organismo centrale che si occupi di tutte le misure di sicurezza. Inoltre, a partire dall'11 settembre, i controlli sia sui documenti d'identità che sui visti sono stati molto più severi. In precedenza, piccoli errori nelle domande di visto non costituivano un motivo per non far entrare qualcuno. Anche quando i viaggiatori non avevano un valido documento d'identità, spesso accadeva che fossero semplicemente autorizzati a salire a bordo di un aereo (a condizione che si trattasse di un volo nazionale). Dall'11 settembre 2001 i controlli sono stati notevolmente intensificati. Anche il più piccolo errore nelle domande di visto o di ESTA porta a un rifiuto e i viaggiatori che non sono in grado di dimostrare la propria identità vengono immediatamente mandati indietro, indipendentemente dalla durata del volo.

Coronavirus: cosa cambierà questa volta?

Il coronavirus ha paralizzato le economie di tutto il mondo. Viaggiare rimane fuori questione fino a quando non si sarà assolutamente certi che il virus sia sotto controllo. Tuttavia, si prevede che l'impatto della pandemia sui voli americani non sarà estremo come quello degli attentati dell'11 settembre 2001. Dopotutto un virus non si può fermare controllando semplicemente il visto. È molto probabile che al momento di una richiesta ESTA vengano poste ulteriori domande di carattere generale. Come altri paesi del mondo, anche gli Stati Uniti sono ansiosi di rilanciare il settore del turismo. Nessuna sorpresa: sono la destinazione di viaggio più popolare al mondo.

Alcune cancellazioni, ma comunque ottimismo

Secondo alcune ricerche svolte negli Stati Uniti le persone sono abbastanza ottimiste circa la possibilità di viaggiare di nuovo in un futuro prossimo. Le prenotazioni vengono cancellate in misura minore di quanto previsto da molte agenzie di viaggio. D'altra parte ci sono poche nuove prenotazioni in arrivo. Le persone sono esitanti, ma speranzose. Per il momento, la maggior parte dei viaggi saranno domestici. I viaggiatori sono ancora riluttanti a salire sull'aereo. Non si sa quanto tempo ci vorrà, ma le agenzie di viaggio tengono conto del fatto che potrebbe durare fino al 2021.

La situazione muta di settimana in settimana. Non ci sono novità relative alle modifiche al sistema ESTA per i viaggiatori provenienti dall'estero. Le misure del governo americano si muovono in direzione quarantena. Altri paesi stanno già sperimentando ammettendo i turisti stranieri, a patto che seguano una quarantena di 2 settimane. Le richieste di ESTA per gli USA continuano a pervenire, dando segno dell’ottimismo generale dei viaggiatori stranieri. Si tratta di richieste ESTA che vengono fatte in anticipo, ma per viaggi che si svolgeranno in un futuro lontano. Per molte persone l'idea di poter richiedere un ESTA o un visto è di per sé una rassicurazione; dimostra che le temute misure estreme come quelle adottate dopo l'11 settembre 2001 non sono in programma.