Notizia | | 27/05/2021 | Tempo di lettura: ±4 minuti

L’ETA Sri Lanka può essere richiesta online ed è adatta ai viaggi turistici e viaggi d’affari. Per fare volontariato in Sri Lanka, l’ETA non è sufficiente. A tal fine è necessario un visto fisico per lo Sri Lanka.

Perché lo Sri Lanka?

Lo Sri Lanka è un Paese meraviglioso

L’isola di Sri Lanka non è molto grande, ma ha comunque un paesaggio piuttosto vario, dalle barriere coralline alle montagne e dalle zone desertiche ai campi. Lo Sri Lanka è anche conosciuto per i suoi bellissimi templi, le enormi piantagioni di tè e le varie specie animali.

Poiché sempre più turisti stanno scoprendo la bellezza del Paese, il turismo è diventato un’importante fonte di reddito per il Paese, accanto all’esportazione di tè, caffè, gomma e noci di cocco.

Lo Sri Lanka in ripresa

Lo Sri Lanka ha dovuto affrontare diversi eventi nel corso degli anni, i cui effetti sono ancora visibili. Ad esempio, tra il 1983 e il 2009 ha imperversato una guerra civile tra la popolazione Tamil (la più grande minoranza etnica del Paese) e il governo. In più, il Paese ha dovuto affrontare molte inondazioni e anche lo tsunami del 2004 ha lasciato il suo segno. Trentamila persone non sono sopravvissute allo tsunami e un milione e mezzo di persone sono rimaste senza casa.

Questi eventi hanno avuto un impatto sulla natura, la prosperità e l’assistenza sanitaria nel Paese. I servizi nelle scuole, negli ospedali e nei ricoveri sono minimi e il 5% della popolazione non ha accesso ai servizi igienici. Inoltre, diverse specie animali sono a rischio di estinzione.

Vantaggi di fare volontariato in Sri Lanka

Ovviamente, lo scopo del volontariato è quello di aiutare gli altri. Ci sono varie opportunità per contribuire ed è importante che tu scelga qualcosa che sia adatto a te e alle tue capacità, in modo da poterti divertire e trarne soddisfazione. Inoltre, il volontariato permette di acquisire conoscenze, competenze ed esperienza. Il volontariato fa bella figura sul tuo CV perché permette di guadagnare esperienza lavorativa e dimostra che sei socialmente coinvolto e non hai paura di sporcarti le mani. Inoltre, il volontariato permette di entrare in contatto con la popolazione locale.

Con un PIL pro capite di circa 13.000 dollari all’anno (a titolo di confronto: l’Italia ha un PIL pro capite di circa 38.000 dollari all’anno) e un basso tasso di disoccupazione del 4,4%, lo Sri Lanka è uno dei Paesi più prosperi del Sud-Est asiatico. Inoltre, negli ultimi anni il governo dello Sri Lanka e varie organizzazioni hanno lavorato duramente per ridurre il numero di cittadini che vivono sotto la soglia di povertà. Nonostante il fatto che negli ultimi tredici anni la percentuale sia scesa dal 23% al 7%, il Paese è ancora considerato un Paese in via di sviluppo dal Fondo Monetario Internazionale. Il Paese ha ancora molta strada da fare per riprendersi completamente dai drammatici eventi e tu puoi fare la tua parte.

Puoi, per esempio, fare un tirocinio medico in un ospedale, chiacchierare con gli anziani in una casa di riposo, fornire assistenza diurna a bambini con un handicap mentale, aiutare nell’istruzione, dare lezioni di calcio o dedicarti alla conservazione della natura, per esempio lavorando a un progetto che cerca di prevenire l’estinzione delle tartarughe.

Procedura di richiesta di un visto fisico per lo Sri Lanka

Per fare volontariato in Sri Lanka, è necessario fare una serie di preparativi. Uno di questi preparativi è la richiesta di un visto Sri Lanka. L’ETA o visto Sri Lanka elettronico è stato creato per facilitare la procedura di richiesta del visto. Questo visto è un’autorizzazione di viaggio elettronica che può essere richiesta in pochi minuti e che viene rilasciata dal Dipartimento per l’Immigrazione e l’Emigrazione (“Department of Immigration and Emigration”) dello Sri Lanka. Questo visto elettronico permette di evitare la complicata procedura di richiesta di visto (fisico) presso l’ambasciata.

Dal momento che un’ETA Sri Lanka è destinata solo ai turisti e ai viaggiatori d’affari, per fare volontariato è necessario un visto fisico che deve essere apposto sul passaporto all’ambasciata. La procedura di richiesta di un visto fisico per lo Sri Lanka è quindi più complicata di quella di un’ETA o visto Sri Lanka elettronico. La richiesta di un visto fisico per lo Sri Lanka comporta inoltre tempi di elaborazione più lunghi e costi più elevati. Per il volontariato, puoi scegliere per un “visto d’affari per un soggiorno temporaneo” o per un “visto d’immigrazione per un soggiorno permanente”. Prima di presentare una richiesta di visto, determina quale variante del visto Sri Lanka sia più adatta alla tua situazione leggendo attentamente le informazioni disponibili sui siti web del governo e dell’ambasciata dello Sri Lanka.