Notizia | | 25/03/2021 | Tempo di lettura: ±3 minuti

Il settore turistico del Vietnam sta lavorando su una proposta che si spera permetta al Paese di riammettere i voli stranieri dal 1° luglio. Attualmente non è ancora possibile per i viaggiatori recarsi in Vietnam, con poche eccezioni, e anche le richieste di visto online non vengono elaborate.

Il Vietnam ha superato bene la crisi

Il Vietnam è lodato in tutto il mondo per il suo approccio alla crisi legata al Coronavirus. Mentre in molti Paesi, tra cui l’Italia, il numero di deceduti si aggira sulle migliaia, in Vietnam fino a oggi sono morte solo 35 persone per cause attribuibili al Coronavirus (Covid-19). Anche il numero d’infezioni da Coronavirus in Vietnam, anche se sono oltre 2.500, è basso in confronto ad altri Paesi. Eppure il governo ha finora rifiutato di aprire le frontiere del Paese agli stranieri. Anche se ci sono Paesi che stanno già sperimentando l’ammissione di turisti nonostante cifre legate al Coronavirus molto peggiori, il Vietnam tiene le sue frontiere chiuse.

Turismo duramente colpito

Non sorprende, quindi, che il turismo in Vietnam è praticamente crollato. Nel 2020, il numero di turisti in Vietnam è diminuito di un impressionante 79%. Il calo del numero di turisti colpisce duramente il Paese, perché negli anni precedenti il Vietnam ha visto un aumento strutturale del numero di visitatori stranieri. Nel 2019, ha persino raggiunto un nuovo record di 18 milioni di turisti in arrivo. Nel 2020, questa cifra era di soli 3,83 milioni.

Il settore del turismo in Vietnam sta quindi suonando l’allarme. Anche se il governo sta spendendo milioni per mantenere le imprese a galla, gli esperti in Vietnam dicono che è una soluzione insostenibile. Nguyen Huu Tho, presidente del Vietnam Tourism Association, ha detto che il Vietnam dovrebbe cercare di approfittare dell’eccellente politica relativa al Coronavirus che è stata attuata finora. Secondo Tho, le condizioni nel Paese sono ora abbastanza positive per considerare la possibilità di ammettere nuovamente i turisti stranieri. Tho è sostenuto da altre figure di spicco dell’industria turistica vietnamita, come Pham Duy Nghia della Viet Food Travel Company e Nguyen Ngoc Toan della Images Travel Company.

Passaporto Covid-19

Una delle misure proposte da importanti aziende del settore turistico è l’introduzione di un cosiddetto “passaporto Coronavirus” o passaporto di vaccinazione. Questo passaporto conterrebbe la prova che il titolare non è a rischio di diffondere il virus. Questo può essere fatto in vari modi, ad esempio tramite il recente risultato negativo di un test per il Coronavirus, la prova della vaccinazione, o la prova dell’immunità se uno ha appena recuperato dal Coronavirus. Questo potrebbe potenzialmente eliminare la necessità di un test PCR all’arrivo in Vietnam e abbreviare o addirittura eliminare il periodo di quarantena obbligatorio. Nguyen Trung Khanh, il capo della Vietnam National Administration of Tourism, ha detto che insieme ad altre aziende e organizzazioni sta lavorando su una proposta per un tale passaporto di vaccinazione. Anche il Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo del Vietnam è coinvolto.

Il Vietnam non è certamente l’unico Paese che sta considerando un tale passaporto. Sia gli Stati Uniti che il Regno Unito stanno esaminando le possibilità di viaggiare con un passaporto speciale legato al Coronavirus e anche l’UE ha annunciato di indagare ulteriormente questa opzione non appena il livello di vaccinazione nei Paesi dell’UE sarà abbastanza alto.

Visto rimane obbligatorio

Anche se un passaporto Covid-19 possibilmente permetterà ai viaggiatori di recarsi nuovamente in Vietnam, l’obbligo del visto per il Vietnam rimane in vigore. Finora il governo non ha detto nulla riguardo alla possibilità di eliminare temporaneamente l’obbligo del visto per attirare più turisti, come ha fatto l’Egitto per località specifiche nel Paese. Questo significa che, se il Vietnam decide davvero di ammettere nuovamente i voli stranieri a partire dal 1° luglio, la richiesta di un visto Vietnam rimane obbligatoria. Il visto può essere richiesto online e ha un costo di 49,95 €. A differenza del vecchio visto all’arrivo, per il visto elettronico non è necessario pagare tasse aggiuntive dopo l’arrivo in Vietnam. I costi extra sono uno dei motivi per cui si consiglia vivamente di non utilizzare più il visto all’arrivo.