Dopo quasi 3 mesi senza infezioni da Coronavirus domestiche, attualmente si rilevano alcuni nuovi casi ogni giorno. Per ridurre al minimo il rischio di infezione, il governo vietnamita ha quasi completamente chiuso il Paese al mondo esterno, il che influisce anche sui visti turistici e d’affari. Leggi questo articolo per scoprire quali conseguenze abbiano le misure adottate sui tuoi programmi di viaggio. Queste informazioni sono aggiornate l’8 luglio 2021.

Qual è l’entità dell’epidemia di Coronavirus in Vietnam?

Il Vietnam ha adottato misure relativamente precoci contro il Coronavirus, ma da maggio 2021 ci sono focolai su più vasta scala. Le statistiche ufficiali riportano 23.385 casi e 102 decessi dovuti a cause attribuibili al Coronavirus (aggiornamento: 07-07-2021). Questo rende il Vietnam uno dei Paesi con il miglior controllo sul Coronavirus, anche se le infezioni sono aumentate ad un ritmo estremamente rapido nelle ultime settimane. Le misure adottate dal governo vietnamita non mirano soltanto a fermare la diffusione del virus all’interno dei confini del Vietnam, ma anche a impedire l’ingresso nel Paese a chi è infetto.

Anche il Vietnam ha adottato misure severe contro un’ulteriore diffusione del Coronavirus / COVID-19Anche il Vietnam ha adottato misure severe contro un’ulteriore diffusione del Coronavirus / COVID-19

Posso ancora recarmi in Vietnam?

In generale, gli stranieri non possono recarsi in Vietnam fino a nuovo avviso. Le persone di nazionalità vietnamita sono ancora ammesse. Eccezioni possono essere fatte anche per le persone che desiderano entrare nel Paese per fornire assistenza medica o altra assistenza specializzata e c’è un’eccezione per "esperti, dirigenti d’azienda e lavoratori altamente qualificati" che sono necessari per mantenere l’economia vietnamita o per farla ripartire. Queste persone non possono richiedere il loro visto attraverso l’ambasciata o il consolato, il visto deve essere richiesto dal loro partner di cooperazione vietnamita nel Vietnam stesso.

Tutti i viaggiatori ammessi devono ottenere un certificato medico rilasciato da un medico al momento della loro partenza, che attesti che non hanno sintomi del Coronavirus e che sono risultati negativi al test per il Coronavirus. Questo certificato va mostrato al controllo passaporti. Una volta arrivati in Vietnam devono trascorrere 21 giorni in quarantena in una struttura designata. Durante questo periodo i viaggiatori saranno sottoposti a un test per il Coronavirus tre volte. Se tutti questi test risultano negativi, i viaggiatori possono svolgere i prossimi 7 giorni di quarantena in autoisolamento a casa. Durante questo periodo i viaggiatori dovranno sottoporsi ad altri due test. I costi del soggiorno nella struttura designata e i costi per i test sono a spesa dei viaggiatori stessi.

Possono essere fatte eccezioni per i diplomatici, i titolari di un passaporto di servizio e i viaggiatori d’affari, i suddetti "esperti, dirigenti d’azienda e lavoratori altamente qualificati" e i loro familiari, affinché possano svolgere il loro lavoro già durante il periodo di quarantena. Questa eccezione deve essere richiesta dal partner di cooperazione vietnamita in Vietnam stesso. Anche dopo che l’eccezione è stata concessa, queste persone devono però essere state sottoposte a un test PCR presso un centro di analisi approvato dal governo vietnamita da 3 a 5 giorni prima dell’arrivo e devono sottoporsi regolarmente a un test PCR una volta arrivate in Vietnam. Sono autorizzate a lasciare il loro luogo di residenza solo per recarsi agli appuntamenti approvati nell’ambito del loro lavoro. Inoltre, devono avere un’assicurazione sanitaria che copra le spese mediche all’estero o una garanzia dell’azienda per cui lavorano che attesta che coprirà tutti gli eventuali costi relativi al Coronavirus.

È ancora possibile richiedere un visto Vietnam?

A differenza del visto all’arrivo, il visto Vietnam elettronico si può ancora richiedere. Tuttavia, le richieste di visto elettronico verranno elaborate solo dopo la revoca del divieto d’ingresso. Tieni presente che la data di revoca del divieto d’ingresso non è ancora nota e che, inoltre, non si sa se seguiranno ulteriori misure.

Richiedi il visto per un viaggio programmato in Vietnam

Quando sarà di nuovo sicuro andare in Vietnam?

Non è ancora chiaro. Tieni d’occhio questa pagina e consulta la tua agenzia di viaggi o la tua compagnia aerea. Presumibilmente recarsi in Vietnam rimarrà sconsigliabile per almeno un altro mese.

Desideri ricevere un’e-mail non appena potrai di nuovo viaggiare in Vietnam normalmente?
Inserisci il tuo indirizzo e-mail per mantenerti informato

Sono ancora in Vietnam. Cosa devo fare?

A causa dell’aumento del numero di infezioni dall’inizio di maggio, molte province hanno vietato feste, eventi, incontri e riunioni religiose, e hanno chiuso scuole, strutture di ristorazione e altri servizi non essenziali. Nelle province con tassi di infezione particolarmente alti si applicano lockdown (anche parziali). Nell’intero Paese c’è l’obbligo generale di indossare le mascherine nei luoghi pubblici ed è obbligatorio mantenere una distanza minima nei ristoranti. Le persone vengono inoltre sottoposte a test obbligatori per il Coronavirus nei luoghi pubblici. In caso di violazione delle regole possono essere comminate multe elevate. Potresti essere costretto a svolgere la quarantena in condizioni non igieniche e indesiderabili se presenti sintomi. In tal caso, contatta l’Ambasciata d’Italia in Vietnam.

Se desideri lasciare il Vietnam, lo puoi fare con un volo commerciale da Ho Chi Minh City o Hanoi attraverso l’aeroporto di Incheon nella capitale sudcoreana Seoul. Asiana Airlines, Korean Air e KLM effettuano voli. Puoi fare ingresso/rientro in Italia dal Vietnam solo per determinate ragioni, con obbligo di compilare un formulario digitale di localizzazione/autodichiarazione, sottoporti a test molecolare o antigenico 72 ore prima dell’arrivo in Italia, isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per 10 giorni e ulteriore test al termine dell’isolamento.

Se ti trovi ancora in Vietnam e non vuoi o non puoi rimpatriare, contatta l’Immigration Services per sapere se sia possibile prorogare il tuo visto o permesso di soggiorno e come farlo. L’Immigration Services ha uffici ad Hanoi, Da Nang e Ho Chi Minh City.

Chi è responsabile dei danni finanziari?

Il Coronavirus comporta notevoli danni finanziari per viaggiatori, agenzie di viaggi, tour operator e assicuratori. In alcuni casi potrebbe essere possibile chiedere il risarcimento dei danni, ma ricordiamo che il Dipartimento per l’Immigrazione vietnamita non rimborserà i costi relativi a un visto Vietnam non utilizzabile a causa del Coronavirus.

Esonero da responsabilità: il Coronavirus (Covid-19) ha conseguenze importanti per molti viaggiatori, anche se titolari di un visto Vietnam. Le conseguenze non sono tutte valutabili al momento, in quanto molte misure e restrizioni vengono modificate quotidianamente. Le informazioni contenute in questa pagina sono state raccolte e redatte con cura, tuttavia non possiamo garantire che siano sempre complete e aggiornate. Per informazioni riguardo agli ultimi sviluppi del Coronavirus in Vietnam, consulta anche la tua agenzia di viaggi e/o compagnia aerea.