Notizia | | 30/04/2024 | Tempo di lettura: ±3 minuti

I Paesi dell'Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico (ASEAN) hanno a lungo pianificato l'introduzione di un visto ASEAN congiunto. Spesso viene paragonato al visto Schengen, che consente ai viaggiatori stranieri di accedere a tutti i Paesi dello Spazio Schengen. Recentemente, la Thailandia ha dato un nuovo slancio ai piani relativi al visto ASEAN.

Diverse politiche sui visti nel Sud-est asiatico

I Paesi del Sud-est asiatico, inclusa la Cambogia, hanno politiche diverse in materia di visti. Questo significa che i visitatori della regione si trovano di fronte a molta burocrazia quando vogliono visitare più Paesi. Inoltre, la politica dei visti dipende dal Paese di provenienza del viaggiatore. Ciò significa che i viaggiatori devono controllare i requisiti del visto per ciascun Paese. Quando è necessario un visto, i viaggiatori devono compilare un modulo separato e seguire la procedura di richiesta per ciascun Paese, che può richiedere molto tempo.

Per esempio, i viaggiatori italiani hanno sempre bisogno di un visto Cambogia. Il visto Cambogia può essere richiesto online prima della partenza. Questo è diverso dalla situazione, ad esempio, della Thailandia, che spesso non richiede alcun visto. Le differenti politiche in materia di visti rendono più complicato per i viaggiatori visitare più Paesi durante un viaggio nel Sud-est asiatico.

L’idea di un visto ASEAN congiunto

Per promuovere il turismo nella regione, all'interno dei Paesi ASEAN è emersa negli anni l'idea di un visto congiunto. Questo è dovuto anche alla sempre più stretta collaborazione all'interno dell'ASEAN. L'associazione considera l'Europa come un esempio di successo per l'introduzione di un visto congiunto. Con il visto Schengen europeo, infatti, i viaggiatori stranieri possono visitare tutti i Paesi dello Spazio Schengen. Così, i turisti con lo stesso visto possono visitare città popolari come Berlino, Amsterdam, Parigi e Roma. L'idea del visto ASEAN è che i viaggiatori possano fare un tour con un unico visto, ad esempio da Bangkok in Thailandia, ad Angkor Wat in Cambogia e poi al delta del Mekong in Vietnam. Questo offrirebbe molte opportunità per tour estesi nel Sud-est asiatico.

La Thailandia dà un nuovo slancio ai piani relativi al visto ASEAN

In aprile 2024 sei Paesi ASEAN hanno discusso insieme una proposta per un visto congiunto. Si dice che il primo ministro thailandese Srettha Thavisin abbia avanzato la proposta e gli altri Paesi presenti fossero Cambogia, Laos, Malaysia, Myanmar e Vietnam. Si dice che i colloqui siano stati costruttivi e che tutti i partecipanti siano stati positivi riguardo all'idea di un visto ASEAN congiunto. I Paesi sperano così di attrarre più turisti che desiderano soggiornare a lungo nella regione.

Ostacoli all’introduzione del visto ASEAN

Nonostante le reazioni positive all'idea di un visto ASEAN congiunto, sembra che l'introduzione sia ancora lontana. Questo è dovuto principalmente al fatto che i Paesi sono molto diversi tra loro, sia culturalmente che politicamente. Inoltre, i sei Paesi hanno complessivamente più di 280 milioni di abitanti, il che rende difficile prendere decisioni comuni. Inoltre, ci sono incertezze riguardo ai possibili rischi per la sicurezza che un visto congiunto potrebbe comportare. In particolare, la Malaysia ha recentemente dichiarato che deve approfondire ulteriormente la possibilità di un visto ASEAN congiunto prima di poter accettare i piani.

Richiedere il visto Cambogia online

L'introduzione del visto ASEAN probabilmente richiederà ancora molti anni. Quindi, per ora, i viaggiatori diretti nel Sud-est asiatico dovranno ancora richiedere un visto separato per ogni Paese. Tuttavia, il visto Cambogia può essere facilmente richiesto online.

Richiedi il visto Cambogia online

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali il visto per la Cambogia. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un visto anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (36 USD per visto, tramite www.evisa.gov.kh). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta e tutti i documenti da te forniti prima di inoltrare tutto al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 36 USD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 31,41 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di visto Cambogia per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.