Notizia | | 16/12/2021 | Tempo di lettura: ±3 minuti

Il numero di casi di coronavirus giornalieri in Cambogia ha raggiunto il livello minimo da febbraio. Il governo ha quindi deciso di introdurre massicci allentamenti in Cambogia. I viaggiatori con un visto turistico potranno così recarsi di nuovo in Cambogia.

Numeri a una cifra per i positivi in Cambogia

La Cambogia ha raggiunto una pietra miliare nella lotta al coronavirus. Per la prima volta da febbraio il numero di nuovi contagi al giorno è sceso a una cifra. Il 15 dicembre il governo ha registrato solamente 8 nuovi positivi. In giugno se ne contavano ancora più di mille al giorno. I successi degli ultimi mesi sono da attribuire, secondo il governo, alla campagna vaccinale che è stata condotta. Il tasso vaccinale della Cambogia è tra i più alti al mondo: circa l’85% della popolazione ha concluso il ciclo vaccinale. Il governo ha dunque deciso di introdurre allentamenti su larga scala, anche relativamente al turismo. Dal 15 novembre vengono concessi nuovi visti turistici per la Cambogia.

Numeri del coronavirus bassi in tutta l’Asia

Non è solo la Cambogia a registrare numeri molto bassi per il coronavirus. Il numero di contagi e decessi è calato nelle scorse due settimane in tutta l’Asia. Se a settembre si contavano ancora 200.000 contagi al giorno nella regione, a inizio dicembre si era scesi a solo 43.000. Gli esperti attribuiscono il forte calo alla copertura vaccinale del Sudest asiatico. All’inizio di quest’anno molti Paesi dell’area risentivano di una forte carenza di vaccini, con conseguenti critiche ai Paesi più ricchi che avrebbero acquistato tutti i vaccini, lasciandone molti meno a disposizione dei Paesi più poveri. Ma anche questi stati, ora, stanno vaccinando la propria popolazione in tempi brevissimi e l’effetto è ben visibile con il calo dei positivi. Nel frattempo, in Europa si stanno registrando nuovi focolai.

Inoltre, il fatto che molti Paesi asiatici abbiano mantenuto i confini chiusi per molto tempo è stato, secondo gli esperti, una ragione importante del calo dei contagi. Per esempio, l’India e la Cambogia hanno ricominciato ha concedere visti turistici solo in novembre, mentre non è ancora possibile ottenere un visto per il Vietnam. Attendendo che il tasso vaccinale fosse abbastanza alto, tali Paesi hanno costruito un’immunità sufficiente per evitare altre forti ondate dopo la riapertura dei confini.

Primo caso di omicron in Cambogia

La buona notizia relativa al calo dei contagi coincide con il rilevamento del primo caso di variante omicron del coronavirus in Cambogia. Il 14 dicembre il governo della Cambogia ha segnalato che una donna di ritorno dal Ghana e da Dubai era positiva. Di recente le autorità hanno deciso di rimuovere il divieto di ingresso per 10 Paesi africani a causa della variante dopo solo una settimana, affermando di seguire le direttive dell’OMS, secondo cui tali restrizioni hanno un impatto limitato sulla diffusione del coronavirus, rispetto ad altre misure, come le vaccinazioni.

Visti e assicurazioni Covid-19

La Cambogia impone requisiti molto rigorosi ai viaggiatori che vogliono accedere al Paese. Oltre al visto Cambogia obbligatorio, occorre effettuare un test PCR prima della partenza. Vale anche per chi è completamente vaccinato. I viaggiatori sono inoltre tenuti a ottenere un’assicurazione specifica contro il Covid-19. Tale assicurazione è indipendente dalla propria assicurazione di viaggio o sanitaria e può essere ottenuta solamente dalla compagnia assicurativa cambogiana Forte Insurance. Il certificato di assicurazione deve essere caricato online durante la richiesta del visto per la Cambogia.

Il visto per la Cambogia va richiesto online e è valido per 90 giorni dal momento del rilascio. Durante tale periodo di validità è possibile soggiornare il Cambogia per un massimo di 30 giorni consecutivi.

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali il visto per la Cambogia. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un visto anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (36 USD per visto, tramite www.evisa.gov.kh). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta e tutti i documenti da te forniti prima di inoltrare tutto al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 36 USD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 25,71 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di visto Cambogia per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.