Notizia | | 01/06/2022 | Tempo di lettura: ±2 minuti

Nell’ultima edizione dell’internazionale Travel and Tourism Development Index, l’Egitto è in testa alla classifica delle destinazioni turistiche in Africa. Il Paese lo deve, tra l’altro, agli investimenti nel sistema dei visti.

Travel and Tourism Development Index

Il Travel and Tourism Development Index è un’iniziativa del World Economic Forum (WEF). La prima edizione risale al 2007. Nell’edizione più recente (2021) sono stati valutati 117 Paesi. Lo scopo dell’indice non è quello di vedere quale Paese sia il più popolare come destinazione turistica, ma di determinare quanto un Paese sia attraente per gli investitori stranieri nel settore turistico. Il punteggio più alto che un Paese può ottenere è 6, quello più basso 1. Nell’ultimo indice nessun Paese ha ottenuto un punteggio perfetto di 6. Il Paese in cima alla classifica, il Giappone, ha un punteggio di 5,2.

L’Egitto è in testa in Africa

L’Egitto si è classificato al 51° posto su 117 Paesi testati, salendo di sei posizioni rispetto al 2019. Solo l’Arabia Saudita ha fatto un salto più grande (dal 43° al 33° posto). Ciò significa che l’Egitto ha il punteggio più alto di tutti i Paesi dell’Africa. Non sorprende che l’Egitto abbia ottenuto un punteggio così alto. Il Paese non è rimasto inattivo durante la pandemia di COVID-19. L’Egitto è stato uno dei primi Paesi a riaprire le frontiere dopo la pandemia, già nel luglio 2020. Nel 2020 e nel 2021, il governo egiziano ha investito molto nel settore del turismo e nel sistema di visti del Paese. Ad esempio, è stato annunciato che il visto Egitto elettronico sarà presto valido per 5 anni e consentirà un soggiorno massimo di 90 giorni invece degli attuali 30 giorni. Nell’autunno del 2021, l’Egitto ha reso disponibile il visto elettronico anche per altri 28 Paesi.

Il Paese ha anche investito molto nella costruzione di nuove attrazioni turistiche, come il Museo Nazionale della Civiltà Egiziana, inaugurato ufficialmente nel 2021. Un altro grande progetto, il Grande Museo Egizio, dovrebbe essere completato entro la fine del 2022. Grazie agli investimenti su larga scala, il settore turistico egiziano si sta riprendendo rapidamente. Solo nel primo semestre del 2021, sono stati accolti tanti turisti quanti nell’intero 2020.

Investimenti nel 2022

L’Egitto continuerà a investire in maniera massiccia nel settore del turismo nel 2022. Recentemente, il visto elettronico per l’Egitto è stato reso disponibile per altri 78 Paesi. Con l’ulteriore digitalizzazione del sistema di visti, l’Egitto spera che la congestione negli aeroporti diminuisca, in quanto un maggior numero di viaggiatori può ora richiedere il visto online prima della partenza, invece che dopo l’arrivo all’aeroporto in Egitto. Inoltre, il governo egiziano ha stretto un accordo con l’azienda tedesca Siemens per la costruzione di uno dei più grandi sistemi ferroviari ad alta velocità del mondo, in modo da rendere il viaggio attraverso il Paese il più rapido e semplice possibile.

Tuttavia, la guerra in Ucraina sta causando grandi problemi al settore del turismo in Egitto. Molti dei turisti che visitano l’Egitto provengono dalla Russia e dall’Ucraina. Oltre al fatto che non arrivano turisti nuovi, molti turisti provenienti da questi Paesi sono bloccati in Egitto. Il governo egiziano ha esteso gratuitamente i visti di ucraini e russi che si trovano già in Egitto.