Notizia | | 08/04/2019 | Tempo di lettura: ±4 minuti

Il Myanmar è notoriamente una destinazione di viaggio attraente per i turisti. Tuttavia, l’anno scorso, il turismo in Myanmar ha subito un calo del 35%, secondo quanto riportato da Myat Mon Win, a capo del Myanmar Tourism Marketing (MTM).

La Win rassicura che il settore turismo del Myanmar si sta lentamente riprendendo dalla crisi, e che il Myanmar continua ad essere comunque una meta popolare per i turisti europei.

Calo in arresto per quanto riguarda i turisti da occidente

Nel 2018 il numero di turisti che si sono recati in Myanmar ha subito un calo del 35%. A gennaio 2019 questo calo corrispondeva soltanto al 5%, il che, per dimostra che c’è una ripresa. Edwin Briels, di Khiri Travel Myanmar, dichiara che sono sempre di più i turisti italiani attratti dal Myanmar.

Il fatto che un numero maggiore di turisti si rechi in Myanmar è il risultato diretto di una campagna d’immagine lanciata dal Paese all’ITB di Berlino, la Fiera Internazionale del Turismo. Nella campagna, Myanmar Tourism Marketing ha elencato nove motivi per visitare il Myanmar, volgendo particolare attenzione alle bellezze naturali del Paese. Per esempio sono pochi i viaggiatori che si recano a Kyaing Tong, Likaw o Mogok, mentre, secondo gli esperti del settore turistico birmano, questi luoghi meritano di essere visitati.

Myanmar: non solo turismo culturale

Il Ministro del Turismo birmano, Ohn Maung, fa notare che il Paese ha molto altro rispetto alle quattro attrazioni culturali più famose, con cui si intendono le quattro regioni che, ogni anno, vengono letteralmente sommerse dai turisti: Yangon, Mandalay, Bagan e Inle Lake. L’anno scorso è stato registrato un vero record di turisti austriaci, riportano le autorità del Governo. I turisti austriaci sarebbero in vetta alle classifiche dei visitatori del Myanmar da ormai 15 anni.

Il ministro precisa che si tratta di un mercato di nicchia, cioè che riguarda turisti che ad esempio si recano in Myanmar per effettuare immersioni subacquee. Anche altri viaggiatori europei, tra cui la Repubblica Ceca e la Polonia, sono tra i visitatori più assidui, e a dimostrarlo sono i numeri sorprendenti di eVisa richiesti da questi Paesi. Ai viaggiatori italiani viene raccomandato di non affidarsi al visto all’arrivo, ma di richiederlo sul sito web.

Partire per il Myanmar più semplice

Con l’annuncio degli ultimi numeri, il Ministro del settore turismo del Myanmar ha anche annunciato che renderà più facile la richiesta di un visto per il Myanmar. È possibile che in futuro i turisti di alcuni paesi dell’Europa occidentale possano soggiornare più a lungo con un visto o che non debbano richiedere un visto per il Myanmar per un soggiorno più breve. Secondo il ministro, questo è "un investimento per il turismo del Paese". Non è chiaro se i turisti italiani saranno interessati dalle misure.

Questo significa che i viaggiatori dall’Italia dovranno rispettare l’obbligo di visto. Il visto Myanmar si può richiedere semplicemente online e costa 74,95 € a persona.

I paesi scandinavi stanno attualmente valutando la possibilità di offrire più voli per Ngapali. Più in generale, vari Paesi stanno valutando la possibilità di offrire voli verso destinazioni come Kawthaung, Dawei, Heho e Pakkuko.

Richiedere visto Myanmar

Tutti i viaggiatori che desiderano recarsi in Myanmar devono essere in possesso di un visto valido per il Myanmar. Solo i residenti che hanno un passaporto del Myanmar o sono residenti nel Myanmar non devono richiedere il visto. Non importa quanti anni abbia il viaggiatore, ognuno deve avere il proprio passaporto e il visto per il Myanmar. Ciò significa che anche i minori sono soggetti all’obbligo del visto. Per questo motivo non è possibile richiedere il visto per i genitori. Da anni è possibile richiedere online l’eVisa Myanmar. Non è pertanto più necessario recarsi di persona all’ambasciata del Myanmar.

In realtà, il visto per il Myanmar è un visto elettronico. Ciò significa che, una volta concesso il documento di viaggio elettronico, il modulo sarà inviato via e-mail. Ciò significa che non viene inviato un vero e proprio visto, ma solo una lettera di approvazione. In questa lettera si attesta che il viaggiatore è autorizzato a recarsi nel Paese e che molto probabilmente sarà ammesso. Solo al controllo passaporti il viaggiatore riceverà il vero visto. Questo visto sarà apposto sul passaporto e timbrato. Tutti i costi sono inclusi, il che significa che non si deve pagare altro in aeroporto.

Richiedere un visto Myanmar urgente

Se si prevede di partire per un viaggio in Myanmar nel breve periodo, è possibile richiedere un visto per il Myanmar urgente. Di solito il visto viene concesso entro sette giorni, ma in caso di richiesta urgente si tratta di un massimo di 24 ore. Spesso il visto viene concesso entro poche ore. Questa richiesta urgente costa 15,00 € in più a persona. Per questo l’ideale è richiedere il visto Myanmar in tempo utile.

Attenzione: questo articolo concernente il visto per il Myanmar è stato scritto più di un anno fa. Potrebbe contenere informazioni e consigli datati che non possono conferire alcun diritto. Se stai per partire per un viaggio e desideri sapere quali siano le norme attualmente in vigore, ti invitiamo a leggere tutte le informazioni attuali riguardanti il visto per il Myanmar.