Negli scorsi anni, il Myanmar ha adottato misure molto severe per limitare la diffusione del coronavirus (Covid-19). Dal 1° luglio 2023, ai viaggiatori in entrata non è più richiesto di esibire un test negativo o un certificato di vaccinazione contro il Covid-19. Tuttavia, alcune misure sono ancora in vigore e il visto Myanmar rimane obbligatorio.

Le restanti misure contro il Covid-19 per i viaggi in Myanmar

Il Myanmar ha adottato una strategia anti-Covid molto rigida negli anni scorsi. Fino al 1° luglio 2023, erano autorizzati a entrare nel Paese solo i viaggiatori completamente vaccinati o muniti di un test con risultato negativo. Tuttavia, la verifica dello stato vaccinale e l’obbligo di sottoporsi a un test Covid-19 sono stati aboliti a partire dal 1° luglio 2023. Per fare un viaggio in Myanmar dopo il 1° luglio 2024, i viaggiatori devono seguire le seguenti misure di contenimento del Covid-19:

  • Farsi misurare la temperatura corporea all’arrivo in Myanmar.
  • Contattare immediatamente i servizi sanitari in caso di sintomi da Covid-19 all’arrivo o durante il viaggio.
  • Seguire le istruzioni dei servizi sanitari locali. I costi di eventuali test Covid-19, dell’isolamento in luoghi designati e delle cure mediche sono a carico dei viaggiatori.
  • Ai viaggiatori è consigliato di stipulare un’assicurazione sanitaria che copra (anche) i costi dell’eventuale trattamento del Covid-19 in Myanmar.

Oltre a rispettare queste misure, è necessario disporre di un visto Myanmar valido.

Stipulazione della giusta assicurazione sanitaria

Il governo del Myanmar consiglia ai viaggiatori di stipulare un’assicurazione sanitaria che copra eventuali spese mediche legate al Covid-19, compresi i costi dell’isolamento presso una struttura designata dal governo. I viaggiatori privi di assicurazione saranno tenuti a sostenere tali costi personalmente.

In caso di malattia in Myanmar

All’arrivo in Myanmar, ti verrà misurata la temperatura corporea. In caso di alterazione o febbre, verrai sottoposto a un test Covid-19 direttamente in aeroporto. Se il risultato del test è positivo, potresti dover osservare un periodo di quarantena in un hotel designato dai servizi sanitari locali. Se la tua assicurazione sanitaria non copre tali spese, il costo del test e del soggiorno in quarantena sarà a tuo carico.

In caso di manifestazione di sintomi riconducibili al Covid-19 durante il tuo soggiorno in Myanmar, contatta i servizi sanitari locali per indicazioni sui provvedimenti da adottare. La mancata osservanza di tali indicazioni può avere conseguenze di natura penale. Si consiglia quindi fortemente di attenersi ai consigli forniti dai servizi sanitari.

CoronavirusCoronavirus (Covid-19) in Myanmar: il tasso d’infezione è ormai basso

Il visto per il Myanmar

Oltre alle restanti misure di contenimento del Covid-19, prima di mettersi in viaggio verso il Myanmar è importante rispettare l’obbligo di visto. Il modo più semplice di soddisfare quest’obbligo è quello di presentare una richiesta di visto online in pochi minuti. Se la richiesta viene approvata, riceverai via e-mail un visto elettronico (e-visa) che ti autorizza a soggiornare in Myanmar fino a 28 giorni.
Richiedi qui il tuo visto Myanmar

Altri consigli di viaggio per il Myanmar

A causa del colpo di Stato avvenuto in Myanmar all’inizio del 2021, l’attuale situazione politica del Paese è parzialmente instabile e il livello di sicurezza molto variabile. Prima di partire per il Myanmar, è quindi opportuno consultare regolarmente gli attuali consigli di viaggio e le misure di contenimento del Covid-19 in modo da evitare rischi e situazioni di pericolo. Assicurati di rimanere informato/a anche durante il tuo soggiorno in Myanmar.

Ritorno in Italia

Ai viaggi di ritorno in Italia non viene applicata alcuna misura di contenimento del Covid-19. I viaggiatori di tutte le nazionalità che desiderano entrare in Italia nel 2024 non sono più tenuti a esibire un certificato di vaccinazione o il risultato negativo di un test PCR. A maggio 2023 è stato abolito anche l’obbligo di compilazione della dichiarazione di salute o del Passenger Locator Form (PLF).

Esonero da responsabilità: le informazioni contenute in questa pagina non hanno valore legale. Dato il rapido sviluppo degli eventi, non si garantisce che tutte le informazioni contenute in questa pagina siano sempre aggiornate e complete. Tuttavia, verrà fatto il possibile per fornire aggiornamenti tempestivi sullo stato del coronavirus in Myanmar (Birmania) e le sue conseguenze su piani di viaggio e visti.

Visti.it è un'agenzia di visti commerciale e professionale che fornisce assistenza ai viaggiatori nell'ottenimento di documenti quali il visto per il Myanmar. Visti.it agisce da mediatore e non è in alcun modo associata ad un governo. È possibile richiedere un visto anche direttamente al Dipartimento per lʼImmigrazione (50 USD per visto, tramite evisa.moip.gov.mm). Tuttavia, senza assistenza in italiano. Se presenti la richiesta tramite Visti.it, il nostro centro di assistenza sarà a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, controlleremo personalmente la tua richiesta e tutti i documenti da te forniti prima di inoltrare tutto al Dipartimento per lʼImmigrazione. In caso di sospetti errori o omissioni, ti contatteremo subito personalmente per garantire che la tua richiesta possa comunque essere elaborata velocemente e correttamente. Per usufruire dei nostri servizi, paghi le tariffe consolari di 50 USD, che pagheremo al Dipartimento per lʼImmigrazione a nome tuo, oltre al costo di servizio di 33,36 €, come compenso per la nostra mediazione, IVA inclusa. I nostri servizi hanno già permesso a molti viaggiatori di evitare seri problemi in viaggio. Se una richiesta dovesse essere respinta nonostante la nostra assistenza e verifica, rimborseremo lʼintero importo dʼacquisto (a meno che una richiesta di visto Myanmar per lo stesso viaggiatore non sia già stata respinta in precedenza). Clicca qui per saperne di più sui nostri servizi.