Notizia | | 20/10/2021 | Tempo di lettura: ±4 minuti

In Vietnam si sperimenteranno nuove modalità per ammettere i turisti, che, al momento, possono partire per l’isola resort di Phu Quoc. Il visto Vietnam è valido anche a Phu Quoc.

Il Vietnam, un Paese duramente colpito dalla variante delta

Dopo più di un anno con cifre molto basse per contagi e decessi dovuti al coronavirus, questa primavera il Vietnam ha registrato numerosi casi di variante delta del virus. Improvvisamente, il Vietnam si è trovato di fronte a migliaia di nuovi contagi al giorno e centinaia di morti a causa del coronavirus. La situazione è stata resa ancora più complicata dal basso tasso vaccinale nel Paese. Il governo vietnamita si è visto costretto a prendere misure molto rigorose. Nella città più grande del Vietnam, Ho Chi Minh City, è stato introdotto un lockdown particolarmente severo. Gli abitanti non potevano uscire di casa nemmeno per fare la spesa, che veniva consegnata loro a domicilio dall’esercito.

Oggi i numeri del coronavirus nel Paese stanno lentamente calando, anche se il tasso vaccinale continua a essere basso. Per aiutare il settore turistico in difficoltà, il governo vietnamita ha annunciato che progressivamente verranno riaperti i confini ai turisti. In novembre, il Vietnam intende riammettere i turisti sull’isola di Phu Quoc, dove, inizialmente, se ne accoglieranno tra i 2’000 e i 3’000 al mese. Se l’esperimento andrà a buon fine, si salirà a un numero di turisti tra i 5’000 e i 10’000.

Perché Phu Quoc?

Phu Quoc si trova a sud-ovest del Vietnam ed esattamente a sud della Cambogia. L’isola è nota anche come isola di perla ed è molto apprezzata come destinazione per le vacanze dagli expat che vivono a Ho Chi Min City. Non è così sorprendente che il governo vietnamita abbia scelto proprio questo periodo per riaprire le porte di Phu Quoc ai turisti. Tra novembre e marzo, infatti, si estende la stagione secca di Phu Quoc, durante la quale il numero di visitatori raggiunge il suo apice. L’isola ospita numerosi resort, hotel, bar e locali. Tuttavia, più del 70% della sua superficie è ricoperto da boschi, che rendono Phu Quoc la destinazione perfetta per gli amanti della natura.

Gli altri requisiti per il visto

Phu Quoc applica ulteriori requisiti per il visto rispetto al Vietnam. Chi arriva tramite un volo diretto all’aeroporto di Phu Quoc non ha bisogno di un visto Vietnam, a patto il suo soggiorno non superi i 30 giorni. Significa, dunque, che non è possibile atterrare altrove per poi raggiungere Phu Quoc. Inoltre, il passaporto deve avere una validità residua di 6 mesi all’arrivo a Phu Quoc.

Ti serve comunque un visto Vietnam?

Se per qualsiasi motivo non soddisfi i requisiti sopramenzionati, devi obbligatoriamente richiedere un visto Vietnam per poter partire. Il visto può essere richiesto online. Compila il modulo di richiesta online e effettua il pagamento. Ti verrà chiesto di caricare i documenti necessari. Una volta approvato, riceverai il visto entro una settimana in media tramite e-mail.

Attività a Phu Quoc

A Phu Quoc si trova davvero di tutto. Phu Quoc è famosa soprattutto per i suoi resort, per la maggior parte situati nei dintorni della Ong Lang Beach, una delle spiagge più famose dell’isola. Oltre ai resort, si trovano anche numerosi bar e ristoranti. Ong Lang Beach è apprezzata soprattutto per ammirare il tramonti dall’isola di Phu Quoc.

Tra novembre e maggio l’acqua intorno all’isola è cristallina, perfetta per fare snorkelling e immersioni. Il luogo più gettonato per le immersioni è proprio Ong Lang Beach, dato che i resort offrono pacchetti e attrezzature per fare sub. Ma per chi non ha problemi a allontanarsi un po’ dal resort, i luoghi migliori per immergersi sono a Turtle Island e sull’isola di An Thoi, entrambe raggiungibili in barca da Phu Quoc.

Più ci si allontana dal resort, più l’area si fa disabitata. Quasi ovunque sull’isola di Phu Quoc il traffico è praticamente inesistente. Noleggiando una moto o un’auto è possibile esplorare la natura incontaminata fuori dal centro città, in particolare sulle colline settentrionali. Qui si trovano inoltre le coltivazioni di pepe, come a Khu Tuong, dove vengono organizzati tour per visitare le piantagioni da vicino.

Requisiti per i viaggiatori

Il Vietnam non ammette tutti i viaggiatori. In seguito alla diffusione della variante delta del coronavirus, il governo vietnamita ha deciso di introdurre condizioni molto rigorose per chi visiterà Phu Quoc a novembre. Come già detto, l’ingresso all’isola sarà contingentato. Potranno atterrare solo i turisti che viaggiano su voli charter, mentre i voli commerciali non possono ancora atterrare. I viaggiatori devono essere completamente vaccinati. La seconda dose deve essere somministrata almeno 14 giorni prima dell’arrivo, ma non più di 12 mesi prima. Inoltre, bisogna risultare negativi a un test effettuato non più di 72 ore prima della partenza.

Teoricamente è possibile richiedere un visto Vietnam; le richieste di visto, però, non verranno prese in carico finché non verrà revocato il divieto di ingresso. Per richiedere il visto occorre soddisfare una serie di requisiti: il passaporto deve essere valido per ulteriori 30 giorni allo scadere del visto e occorre aver prenotato almeno un pernottamento in Vietnam.