Notizia | | 30/11/2020 | Tempo di lettura: ±5 minuti

Quando sentono India, molte persone pensano immediatamente al Taj Mahal o a Mumbai, la città più grande del Paese. Tuttavia, anche Nuova Delhi, la capitale dell’India, ha molto da offrire. Una volta atterrati, molti viaggiatori che arrivano a Nuova Delhi vogliono immediatamente fuggire dalla frenesia della capitale e recarsi in altre parti dell’India. È un peccato, perché vale sicuramente la pena rimanere a Nuova Delhi per qualche giorno e scoprire i luoghi di interesse della città. Di seguito vengono descritti i punti salienti della capitale dell’India. Non dimenticare di richiedere un visto India prima della partenza.

Delhi o Nuova Delhi, qual è la differenza?

I nomi Delhi e Nuova Delhi sono spesso usati in modo indifferenziato, ma ufficialmente hanno un significato diverso. Nuova Delhi è la capitale dell’India. Delhi non è un’abbreviazione di Nuova Delhi, ma si riferisce a un’area più ampia, ovvero il Territorio Nazionale della Capitale di Delhi. L’India è divisa in 28 stati e 8 territori. Uno di questi territori è il Territorio Nazionale della Capitale di Delhi. Il Territorio della Capitale è a sua volta diviso in 11 distretti. Nuova Delhi, la capitale dell’India, è uno di questi undici distretti e fa quindi parte del Territorio Delhi.

In questo articolo vengono descritti luoghi di interesse in tutto il territorio, quindi non solo nella capitale Nuova Delhi, ma anche in altri distretti di Delhi. Molte attrazioni turistiche si trovano appena fuori della capitale, per esempio a Old Delhi. Tutti i viaggiatori europei hanno bisogno di un visto per un viaggio in India, sia che vogliono visitare solo Nuova Delhi o anche altre parti del Paese.

Sede del governo indiano

Raisina Hill è il nome di un distretto di Nuova Delhi che ospita gli edifici governativi più importanti dell’India, tra cui Rashtrapati Bhavan, la residenza del presidente, diversi ministeri e la segreteria dove si trova l’ufficio del primo ministro. Da Raisina Hill, una lunga passeggiata conduce verso est fino alla Porta dell’India, l’iconico arco di trionfo che commemora i soldati delle Indie orientali britanniche morti nella Prima guerra mondiale. Nell’arco, ispirato all’Arco di Trionfo francese, sono incisi i nomi di 90.000 caduti indiani e britannici durante la Prima guerra mondiale e di 3.000 soldati uccisi alla frontiera nord-occidentale e nella guerra contro l’Afghanistan del 1919. Inoltre, l’arco rende omaggio alle vittime della guerra tra Bangladesh e Pakistan del 1971.

Meravigliosi templi e moschee

In India sono rappresentate numerose religioni e a Delhi questo è chiaramente visibile: vi sono luoghi di culto di varie credenze religiose, tra cui l’islam, l’induismo, il sikhismo e il bahaismo. La moschea più importante di Delhi è la moschea Jama Masjid. La moschea, situata su una collina a Old Delhi, è una delle più grandi del mondo e merita una visita anche per i non musulmani per le sue imponenti torri, le cupole e l’enorme cortile.

Un’altra attrazione popolare è il Tempio del Loto nel sud di Delhi. Il tempio bahai inaugurato nel 1986 ha la forma di un fiore di loto. La struttura è composta da 27 enormi foglie di loto che sono, come il fiore stesso, circondate dall’acqua. Al tramonto la luce cade tra le foglie e la struttura assume un aspetto ancora più meraviglioso.

Anche Akshardham, il più grande tempio indù di Delhi, è relativamente nuovo: il complesso è stato inaugurato nel 2005. L’enorme tempio con nove cupole è elencato nel Guinness dei primati come il più grande complesso di templi indù del mondo. Il tempio è decorato con pilastri intagliati ed elefanti a grandezza naturale.

Delhi ospita inoltre uno dei più grandi templi sikh, cioè Gurudwara Bangla Sahib. Il tempio si riconosce da lontano grazie al suo marmo bianco e la sua cupola dorata. Al centro del complesso si trova una fonte sacra, la cui acqua si dice abbia proprietà curative. Ogni giorno, nel tempio viene cucinato per migliaia di persone meno fortunate. Le gigantesche pentole e padelle della cucina del tempio sikh sono un’attrazione turistica in sé.

Edifici impressionanti e mercati affollati

Oltre ai luoghi di culto, Nuova Delhi ha diversi altri edifici impressionanti, tra cui la tomba di Humayun. La costruzione di questa enorme tomba è stata una fonte d’ispirazione per la costruzione del Taj Mahal e ha avuto una grande influenza sull’architettura di questo ultimo. La tomba è circondata da giardini che fanno riferimento al giardino del paradiso descritto nel Corano. La struttura più famosa di Old Delhi è il Complesso del Forte Rosso, un palazzo fortificato le cui massicce mura di arenaria rossa sono lunghe più di due chilometri. La fortezza fu costruita per Shah Jahan, sovrano dell’Impero Mogul, ed è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, così come la tomba di Humayun.

Una visita a Delhi è completa solo dopo aver visto i caotici ma coloratissimi mercati della città. Uno dei mercati più famosi, Chandni Chowk, si trova lunga la strada principale di Old Delhi. Nel labirinto di strade si trovano numerosi negozi con erbe e spezie, sari colorati e dolci indiani. È possibile esplorare il quartiere a piedi, ma anche in risciò.

Oasi di tranquillità nella frenetica città

Fuggi dal trambusto di Chandni Chowk nei Giardini di Lodi ("Lodi Gardens"), un grande parco dove non si trovano solo alberi e piante, ma anche alcuni mausolei e altri edifici del XV e XVI secolo. Un’altra oasi di pace a Delhi è Raj Ghat, il luogo di riposo di Mahatma Gandhi. Il monumento si trova in un parco sulle rive del fiume Yamuna, dove si trovano anche i memoriali di altri importanti politici indiani. Nelle vicinanze è possibile visitare il Museo Nazionale di Gandhi per saperne di più sulla vita di Gandhi.

Richiedere un visto India

Per un viaggio a Delhi è necessario un visto India. Il visto India può essere richiesto in modo facile online con un modulo di richiesta digitale. Dopo aver compilato il modulo ed effettuato il pagamento dei costi, è necessario caricare alcuni documenti (per i turisti è sufficiente una fototessera e una scansione del passaporto). Di norma, il visto viene concesso dopo una settimana. I viaggiatori che devono partire per Nuova Delhi con breve preavviso e che non hanno ancora richiesto il visto, fanno bene a presentare una richiesta urgente. Le richieste urgenti vengono elaborate in media dopo tre giorni lavorativi. L’India non ha un visto che può essere ottenuto all’arrivo, tutti i viaggiatori devono essere in possesso di un visto valido prima della partenza.