Notizia | | 21/05/2021 | Tempo di lettura: ±5 minuti

A causa del suo splendore, Alessandria è anche conosciuta come la “Sposa del Mediterraneo”. Questa città di milioni di abitanti è conosciuta soprattutto per i suoi numerosi siti storici. Il visto Egitto permette di rimanere in Egitto per un massimo di 30 giorni, quindi è saggio pianificare come vuoi passare il tuo tempo ad Alessandria prima di partire.

Alessandria: la città dei re

Alessandria d’Egitto deve il suo nome ad Alessandro Magno, il leggendario re macedone che fondò uno dei più grandi imperi della storia. Al suo arrivo in Egitto, Alessandro decise che questa sarebbe stata la sede di una grande città greca, o polis. Questa città sarebbe diventata il centro della cultura ellenistica della regione. Anche se Alessandro diede il suo nome alla città, non vi fece mai ritorno dopo la sua partenza.

Dopo la morte di Alessandro Magno, la città continuò a crescere e col tempo divenne anche la più grande città del mondo. Solo l’antica Roma poteva eguagliare l’influenza e il prestigio di Alessandria. Nel 619 Alessandria fu conquistata dai sassanidi islamici e dopo la conquista dell’Egitto da parte degli arabi nel 641 la cultura islamica prevalse nel Paese.

Attrazioni turistiche ad Alessandria

Alessandria d’Egitto è una città enorme con una popolazione di oltre cinque milioni di abitanti. È la più grande città del Mediterraneo, la quarta città più grande del mondo arabo e la nona più grande area urbana di tutta l’Africa. Non sorprende che ci sia molto da fare per i visitatori. Tuttavia, dato che il visto Egitto è valido per 30 giorni, è saggio decidere già prima di partire cosa si vuole fare durante il viaggio. Qui di seguito vengono descritti alcuni dei luoghi d’interesse più impressionanti di Alessandria.

Bibliotheca Alexandrina

Alessandria un tempo possedeva una delle più grandi e rispettate biblioteche del mondo: la Biblioteca reale di Alessandria. Per molto tempo la biblioteca fu il centro dell’erudizione occidentale nell’antichità. Nel corso dei secoli, tuttavia, l’edificio cadde in rovina, a causa di guerre e incendi, tra le altre cose. Alla fine la biblioteca fu completamente distrutta.

La Bibliotheca Alexandrina è stata fondata per dare ai visitatori un’impressione di come fosse la Biblioteca reale. L’edificio è immediatamente riconoscibile per la sua forma: è sul lungomare e ha un tetto a forma di disco. Questa forma simboleggia il sole che sorge sul Mediterraneo. In parte grazie alle donazioni internazionali, la Bibliotheca Alexandrina ha una grande collezione di opere rare della storia araba che non si trovano altrove. La Bibliotheca Alexandrina è aperta a tutti e un biglietto costa circa 3,70 €.

Le catacombe di Kom el-Suqafa

Le catacombe di Kom el-Suqafa sono una delle scoperte archeologiche più importanti della storia dell’Egitto. Le catacombe furono scoperte per caso quando nel 1900 un asino cadde in un buco nel terreno, il che portò alla luce le antiche tombe. Una scala a chiocciola conduce alle tombe. Le tombe sono incredibilmente grandi e composte da diversi corridoi e stanze. Le catacombe di Kom el-Suqafa sono un meraviglioso esempio della convergenza della cultura funeraria egiziana, ellenistica e romana.

Il Parco del Palazzo Montaza

Anche se il Palazzo Montaza è un edificio impressionante, è principalmente conosciuto per il bellissimo parco (gli antichi giardini) che si trova dietro di esso. Dopo aver visitato le tombe e i musei per cui Alessandria d’Egitto è conosciuta, i giardini offrono un cambiamento gradito. I giardini sono pieni di palme e di piante e fiori splendidamente colorati. Alla fine del parco c’è una piccola spiaggia con un ponte che porta a un’isola pittoresca. Montaza è il luogo perfetto per rilassarsi prima di continuare a esplorare la città.

Il suq di Alessandria

L’opposto dei tranquilli giardini di Montaza è il suq di Alessandria, ovvero il mercato della città. Il suq ha qualcosa per tutti, da frutta e verdura a carne e pesce e da panetterie a bar e negozi di vestiti. È praticamente sempre affollato, ma per molti questo trambusto fa parte dell’attrazione del suq. È il luogo perfetto per vedere la gente del posto nella sua routine quotidiana, e la maggior parte dei turisti non visita il suq per comprare cose, ma per sperimentare l’autentica vita egiziana di tutti i giorni.

Fare le immersioni ad Alessandria

Gli edifici più impressionanti della storia di Alessandria non si trovano sulla terra, ma sott’acqua. Alessandria è un luogo eccellente per le immersioni e particolarmente popolare a causa dei resti di edifici storici che si possono trovare in fondo al mare. Il più popolare di questi è il palazzo che si dice sia il Palazzo di Cleopatra, che fu costruito da Alessandro Magno e abitato dalla leggendaria regina Cleopatra prima di crollare in mare. Probabilmente in realtà si tratta di un palazzo diverso, ma questo non lo rende meno impressionante. Un’altra popolare rovina sottomarina è il Faro di Alessandria, una delle sette meraviglie del mondo.

Vacanze ad Alessandria? Non dimenticare il visto!

Che Alessandria abbia molto da offrire è fuori discussione. Oltre a scegliere quali sono i luoghi che si vogliono visitare, è importante richiedere l’autorizzazione di viaggio appropriata. Per un viaggio in Egitto, questo significa richiedere un visto Egitto online. Il visto può essere richiesto online utilizzando un modulo di richiesta digitale. Il visto è valido per 90 giorni. Tuttavia, questo non significa che si può rimanere in Egitto per 90 giorni. La durata massima del soggiorno con questo visto è di 30 giorni. Con il visto d’ingresso unico (“single entry”) si può fare un unico ingresso in Egitto.

Per un supplemento è possibile richiedere un visto Egitto per ingressi multipli (“multiple entry”). Con questo visto è possibile effettuare un numero illimitato di viaggi in Egitto durante il periodo di validità di 90 giorni. Anche con un visto per ingressi multipli, ogni soggiorno in Egitto può durare fino a 30 giorni.