Notizia | | 20/01/2022 | Tempo di lettura: ±3 minuti

Gli immediati dintorni della città egiziana di Luxor sono famosi anche per essere il più vasto museo a cielo aperto del mondo. Il visto Egitto ti permette di vivere in prima persona le incredibili bellezze di Luxor.

Dal Cairo a Luxor

Luxor, un tempo, si chiamava Tebe ed era la capitale dell’Egitto ai tempi dei faraoni. Nei dintorni della città si trovano decine di templi, tombe e altri impressionanti monumenti. Il viaggio per Luxor è semplice. Per cominciare occorre richiedere il visto Egitto per recarsi nel Paese. Nella maggior parte dei casi non è possibile accedere al Paese senza visto. Esiste la possibilità di richiedere il visto all’arrivo in aeroporto, ma la maggior parte dei viaggiatori lo ottiene prima della partenza. L’Egitto dispone di un sistema di visti digitale, con cui è possibile richiedere il visto comodamente online. Un visto Egitto costa 49,95 € a persona e vale per un soggiorno di 30 giorni.

Luxor ha il suo aeroporto internazionale. Molte compagnie aeree atterranno nel suo aeroporto, perché Luxor è una delle mete turistiche più popolari in Egitto. È possibile arrivare anche dal Cairo. Un volo nazionale però arrivare a costare molto. Uno speciale treno notturno collega Il Cairo e Luxor, il che per molti è già un’attrazione in sé.

La Valle dei Re

Una delle attrazioni più gettonate a Luxor è la Valle dei Re. La valle si trova sulla riva occidentale del Nilo, di fronte alla città di Luxor. Dal 16esimo secolo fino all’11esimo secolo avanti Cristo la valle era il luogo di sepoltura dei faraoni e dei nobili del Nuovo Regno (la 18esima, 19esima e 20esima dinastia). Ad oggi sono state ritrovate più di 60 tombe nella valle. Tramite cunicoli sotterranei le tombe sono persino visitabili. La tomba più famosa è quella di Tutankhamon, un faraone della 18esima dinastica. Il sepolcro è unico perché al momento della scoperta era praticamente intatto. La tomba di Tutankhamon ha ispirato racconti sulla cosiddetta “maledizione del faraone”: ventidue persone coinvolte nell’esumazione sono morte precocemente.

La Valle dei Re si visita meglio al mattino, quando il sito è molto meno affollato. Un biglietto costa 100 sterline egiziane (circa 5,50 euro).

El-Karnak

Il vasto complesso dei templi di El-Karnak si trova sulla riva orientale del Nilo, poco più a nord di Luxor. Si tratta di uno degli edifici religiosi più grandi al mondo, superato solo dal Angkor Wat in Cambogia. A Karnak si trovano templi, colonne, cappelle e molti altri edifici. Karnak si compone di quattro parti diverse, ma solo la più grande è aperta al pubblico, quella dedicata al dio Amon. Karnak è unico nel suo genere perché è stato costruito in moltissimo tempi dai vari faraoni che si sono susseguiti. Circa 30 faraoni hanno dato il loro apporto al complesso. I primi edifici risalgono al 1900 avanti Cristo.

Un biglietto per visitare El-Karnak costa 80 sterline egiziane (circa 4,50 euro).

Il tempio dei morti di Deir el-Bahari

Deir el-Bahari in arabo significa “monastero del mare” e si trova sulla riva ovest del Nilo, vicino a Luxor. Il primo monumento di questo complesso è stato il tempio funerario dei Montuhtop II, un faraone dell’11esima dinastia. Il monumento più ampio e più popolare, però, è il tempio della regina Hatshepsut, una delle poche sovrane donne della storia egizia. Il gigantesco edificio è costruito su una roccia e conta diverse terrazze, pilastri alti come torri e splendidi affreschi. Si consiglia di farsi accompagnare da una guida, per scoprire l’incredibile storia del complesso e di Hatshepsut.

L’entrata a Deir el-Bahari costa solamente 50 sterline egiziane (circa 2,25 euro).

Il tempio di Luxor

A Luxor si trova l’omonimo tempio. Con una lunghezza di 242 metri, il tempio di Luxor è il più alto d’Egitto. Fu costruito da Amenhotep III, un faraone della 18esima dinastia. I faraoni successivi, tra cui Tutankhamon, ampliarono il tempio ulteriormente. L’ingresso al tempio si riconosce per la grande colonna, fiancheggiata dalle statue del faraone. Le pareti del tempio sono abbellite da rilievi dettagliati. Diversamente da altri templi, quello di Luxor non è stato costruito per un faraone o una divinità, ma era il simbolo del concetto di regalità in generale.