Notizia | | 21/09/2020 | Tempo di lettura: ±4 minuti

Quale sia il periodo migliore per recarsi negli Stati Uniti d’America dipende dalla regione che si desidera visitare e dal tipo di viaggio. Dato che il Paese è così grande, ha diverse zone climatiche. Pertanto, quando si pianifica un viaggio in America, è importante considerare il clima della zona specifica che si desidera visitare per decidere quale sia il momento migliore per il viaggio. Per un viaggio in America è inoltre importante richiedere un ESTA USA, l’autorizzazione di viaggio obbligatoria per gli Stati Uniti d’America.

Il periodo migliore per viaggiare dipende dalla regione

Poiché il clima degli Stati Uniti è diversa a seconda della regione, non è possibile indicare un solo periodo dell’anno che valga come periodo di viaggio migliore per tutto il Paese. Per un viaggio nella parte sudorientale del Paese, ad esempio, si raccomanda un periodo diverso da quello raccomandato per un viaggio lungo la costa occidentale. Un viaggio in Alaska durante l’inverno è adatto solo per i più avventurosi, mentre altri stati possono essere visitati senza problemi durante l’inverno. Per poter decidere quale sia il momento migliore per un viaggio, è inoltre importante sapere se si desiderano visitare le grandi città o i parchi e le riserve naturali. Alcuni stati e regioni hanno temperature piacevoli tutto l’anno, mentre per altri stati è davvero meglio visitarli in una stagione specifica. Di seguito si riportano i periodo più adatti per un viaggio in alcune delle zone turistiche più popolari degli Stati Uniti.

Clima arido negli Stati Uniti occidentali

Alcuni stati nella parte occidentale degli Stati Uniti, tra cui la California, l’Arizona, il Nevada, lo Utah e l’Oregon, hanno un clima parzialmente arido. Ciò significa che di giorno fa molto caldo, mentre di notte può fare molto freddo. Nei mesi estivi le temperature diurne possono raggiungere i 40 gradi Celsius. Questi sono inoltre gli stati più visitati dai turisti durante l’estate. Nei mesi invernali può fare abbastanza freddo negli stati occidentali. Il periodo migliore per recarsi nell’ovest degli Stati Uniti d’America è quindi la primavera o l’autunno, perché le temperature sono piacevoli e i turisti sono relativamente pochi.

La costa orientale: dalla Virginia a New York

Il clima degli Stati Uniti orientali è paragonabile a quello dell’Europa centrale. Per un viaggio a New York, Boston, Washington o una delle altre città della costa orientale degli Stati Uniti, si consiglia pertanto di viaggiare in primavera o in autunno, così come per un viaggio nella parte occidentale del Paese. In questo modo si evitano le bufere di neve che si verificano regolarmente d’inverno e le temperature estremamente calde dell’estate. I viaggiatori che non hanno problemi con il freddo e che vogliono vivere la Grande Mela nel periodo natalizio, può essere un’opzione programmare il viaggio a dicembre.

La parte sudorientale degli Stati Uniti d’America: lo Stato del Sole splendente

Non a caso la Florida è conosciuta come lo Stato del Sole ("Sunshine State"): questo stato ha una media di oltre 300 giorni di sole all’anno. Nonostante ciò, non tutto l’anno è considerato un periodo ottimale per visitare questo stato. Si consiglia di recarsi nello stato di Florida tra i mesi di dicembre e maggio. Durante la stagione degli uragani, da giugno a novembre, la Florida può avere a che fare con condizioni climatiche estreme. Tuttavia, anche durante questo periodo è possibile fare un viaggio in questo stato, perché gli abitanti della Florida e anche gli alloggi in questo stato sono ben preparati per eventuali uragani.

Stagione degli uragani a FloridaL’uragano Dennis a Florida

Richiedere l’ESTA per gli USA

L’ESTA USA si può richiedere in qualsiasi momento. Al momento della compilazione del modulo di richiesta non è ancora necessario sapere quando avrà luogo il viaggio in America. Una volta che l’ESTA è stato rilasciato, i viaggiatori possono decidere autonomamente la data del loro arrivo negli USA, dato che l’ESTA ha una validità di due anni dal momento del rilascio. Il lungo periodo di validità permette ai viaggiatori di pianificare il loro viaggio in modo flessibile. La data di arrivo negli USA può essere facilmente anticipata o posticipata, senza che sia necessario richiedere un nuovo ESTA o comunicare modifiche relative all’ESTA. Finché il periodo di validità dell’ESTA di due anni non è ancora scaduto e tutti i dati del passaporto sull’ESTA sono ancora corretti, l’ESTA può essere utilizzato per viaggiare negli Stati Uniti d’America.

I viaggiatori che scoprono che un altro momento è più adatto per la destinazione in cui si devono recare, possono quindi utilizzare il loro ESTA senza problemi in un secondo momento. I viaggiatori devono assicurarsi di avere ancora lo stesso passaporto che è stato utilizzato per la richiesta dell’ESTA e che non si sono trasferiti in un altro Paese. Se hai ottenuto un nuovo passaporto o ti sei trasferito in un altro Paese, dovrai richiedere un nuovo ESTA o visto prima di poterti recare nuovamente negli Stati Uniti.