Notizia | | 21/12/2020 | Tempo di lettura: ±4 minuti

Zanzibar è un meraviglioso gruppo di isole che si trova a circa 20 minuti di volo da Dar es Salaam, la più grande città della Tanzania. È la destinazione perfetta per una vacanza al mare o per praticare sport acquatici. Inoltre, le isole hanno una ricca storia commerciale con influenze arabe, persiane, swahili, portoghesi e altre. Per un viaggio a Zanzibar è necessario un visto Tanzania, che si può facilmente richiedere online.

L'arcipelago dello Zanzibar: le isole Unguja, Pemba e Latham

Zanzibar è ufficialmente il nome di un arcipelago composto da diverse isole, tra cui Unguja e Pemba. Tuttavia, il nome Zanzibar si riferisce di solito a Unguja, l'isola più grande dell'arcipelago con il maggior numero di abitanti. In questo articolo vengono descritte attrazioni turistiche e attività in tutto l'arcipelago, quindi non solo sull'isola principale Unguja.

Spiagge e sport acquatici

Zanzibar, con le sue spiagge di sabbia bianca perlacea, il mare blu cristallino e le palme, è conosciuto come un paradiso per le vacanze. Le isole hanno un clima tropicale e sono quindi perfette per una vacanza al mare in Africa. Zanzibar è inoltre molto popolare tra gli appassionati di sport acquatici. Vi si possono fare, ad esempio, immersioni, snorkeling, nuoto, affittare una barca, fare stand up paddle surfing, pesca d'altura e kite surfing. Quasi tutte le località balneari di Zanzibar hanno scuole di immersione che offrono escursioni alle barriere coralline intorno alle isole, dove si possono avvistare numerosi animali marini, tra cui mante, megattere e centinaia di specie di pesci tipiche della barriera corallina. Il luogo migliore per lo snorkeling è Mnemba, una piccola isola a nord-est di Unguja.

Animali selvatici nel parco nazionale di Jozani Chwaka Bay

L'isola principale, Unguja, ha un piccolo ma meraviglioso parco nazionale: il parco nazionale di Jozani Chwaka Bay. Qui vive il còlobo rosso di Zanzibar (Piliocolobus kirkii), una specie animale a rischio di estinzione, endemica di Unguja. Nella Foresta di Jozani si possono inoltre avvistare cercopiteci a gola bianca, antilopi e numerosi specie di uccelli. Il parco ha sentieri sotto forma di piattaforma di legno per camminare attraverso le mangrovie.

Tuttavia, il parco nazionale non è un luogo adatto per un safari. A coloro che desiderano avvistare, oltre alle scimmie, anche elefanti, leoni e leopardi, si consiglia di combinare il viaggio a Zanzibar con un soggiorno sulla terraferma della Tanzania. Il visto Tanzania è valido per un soggiorno di massimo 30 giorni. Durante questo periodo, si può viaggiare un numero illimitato di volte dalla terraferma di Tanzania a Zanzibar e viceversa. Con il visto è quindi possibile visitare prima il parco nazionale di Jozani Chwaka Bay a Zanzibar, poi fare un safari in una delle riserve faunistiche sulla terraferma e finire il viaggio sulle spiagge di Zanzibar.

Città di Zanzibar (Zanzibar Town), Stone Town e Pemba

La capitale di Unguja, la città di Zanzibar o Zanzibar Town, è una tappa obbligatoria durante un soggiorno sull'isola. Nel 2000, il centro storico della città, chiamato anche Stone Town, è stato inserito nella lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. Il centro storico deve il suo nome all'uso di pietre di corallo come principale materiale di costruzione, che lo conferisce un caratteristico colore rosso. Le influenze arabe, persiane, indiane, europee e africane (swahili) sono chiaramente visibili nelle strade di Stone Town, tra l'altro nei vari stili architettonici. Chi vuole saperne di più sulla storia dell'isola, che ha anche dei lati oscuri, può visitare il monumento all'ex mercato degli schiavi.

La città di Zanzibar è una città accogliente con vicoli stretti, mercati tradizionali e moschee. La sera, i turisti e la gente del posto si riuniscono nei giardini Forodhani per gustare piatti locali e godersi la musica dal vivo. Alcune attrazioni famose della città sono il forte arabo, la struttura più antica della città, e il museo del Palazzo (Palace Museum), il palazzo dell'ex sultano. I fan del gruppo rock Queen possono visitare il piccolo museo Freddie Mercury dedicato al cantante della band che è nato a Stone Town.

Un'altra isola appartenente all'arcipelago di Zanzibar è Pemba. Rispetto a Unguja, quest'isola non è ancora così nota tra i turisti, motivo per cui ha spiagge più tranquille. Anche se l'isola si trova vicino a Unguja, ha un paesaggio completamente diverso: Pemba è montuosa e più verde di Unguja, ma, così come l'isola principale dell'arcipelago, è dotata di spiagge meravigliose e un affascinante mondo sottomarino.

Richiedere un visto Tanzania

Chi desidera visitare le meravigliose isole di Zanzibar, ha bisogno di un visto Tanzania. Gli italiani possono presentare la loro richiesta di visto facilmente online. Dopo aver pagato i costi per il visto (79,95 € a persona) e aver fornito i documenti necessari, la richiesta verrà presa in carico. Il visto Tanzania viene di solito concesso e inviato per e-mail entro quattro settimane. Dovrai solo stamparlo e portarlo con te durante il viaggio.

Il visto permette di arrivare all'aeroporto di Zanzibar o in uno degli aeroporti o valichi di frontiera (Namanga o Tunduma) sulla terraferma della Tanzania. Durante la durata massima del soggiorno di 30 giorni puoi recarti dalla terraferma della Tanzania a Zanzibar e viceversa tutte le volte che lo desideri.