Notizia | | 18/06/2021 | Tempo di lettura: ±4 minuti

Anche se il Kenya è conosciuto soprattutto per i safari, la sua costa sull’Oceano Indiano ha anche una ricca vita marina con spettacolari barriere coralline. Insieme alle sue paradisiache spiagge di sabbia bianca, questo rende del Kenya un luogo ideale per gli appassionati di immersioni che cercano sia l’avventura che il relax. In questo articolo puoi leggere di più sulle immersioni in Kenya e sui requisiti per il visto che è necessario per entrare nel Paese.

Brevetto subacqueo

Se non ne hai ancora uno, puoi ottenere un brevetto subacqueo prima o durante le tue vacanze in Kenya. Nei siti di immersione menzionati in questo articolo è possibile affittare l’attrezzatura subacquea e partecipare alle escursioni subacquee. Ci sono anche un certo numero di scuole di immersione che offrono lezioni e corsi, in modo da poter ottenere il tuo brevetto subacqueo in soli quattro o cinque giorni. Verifica sempre in anticipo con la scuola se il certificato che ricevi alla fine del corso è valido anche all’estero. Se desideri recarti in Kenya per fare le immersioni e goderti la bellissima costa, oltre a un brevetto subacqueo avrai bisogno di un visto Kenya.

Mombasa

Dopo la capitale Nairobi, Mombasa è la città più popolosa del Kenya, oltre a essere la più antica. Alla periferia della città si trova il Parco nazionale marino e riserva di Mombasa, un’area marina di 200 km² vicina alle principali zone turistiche. A nord della città si trova Mtwapa Creek, un luogo ideale per le immersioni. In questa zona si possono vedere grandi banchi di barracuda, cernie e tartarughe.

Kilifi

Kilifi è un villaggio situato a circa 50 chilometri a nord di Mombasa. In questa zona si trovano le grotte di Vuma, che hanno una profondità di 20 metri e che servono da rifugio per anguille, grandi cernie e barracuda. Per uscire, bisogna passare attraverso un tunnel di 10 metri che porta a un buco nella barriera corallina. A soli 20 minuti di macchina da Kilifi si trova il Parco nazionale marino e riserva di Watamu, che ospita una bellissima barriera corallina. È anche una zona importante per le tartarughe marine verdi, che qui depongono le loro uova. È possibile combinare una visita a questa riserva con un’immersione al vicino Moray Reef, una barriera con un impressionante strapiombo di 28 metri di altezza.

Riserva Nazionale Marina di Kiunga

Questa riserva si trova sulla costa settentrionale del Kenya, nel distretto di Lamu, e confina con altre due riserve naturali, vale a dire Dodori e Boni. È formata da 50 isole calcaree e barriere coralline e ha una superficie di 270 km². La zona ospita erbe marine e mangrovie ed è un rifugio per le tartarughe marine e i dugonghi (dugong dugon). È anche un luogo ideale per vedere gli uccelli migratori che nidificano sulle isole.

Diani

Diani è diventata una delle principali destinazioni turistiche della costa keniota grazie alla sua lunga spiaggia di sabbia bianca e alle sue acque turchesi. Qui si possono fare bellissime passeggiate guidate in cammello lungo Diani Beach, ma ci sono anche diverse compagnie che organizzano immersioni, escursioni per fare surf o escursioni in kayak. È una buona località da considerare se desideri fare un corso di immersione per ottenere un brevetto subacqueo.

Riserva marina Kisite-Mpunguti

Vicino al confine con la Tanzania si trova la riserva marina Kisite-Mpunguti. La riserva copre 40 km² ed è formata dal parco Kisite e dalla riserva Mpunguti, oltre a 4 isolotti circondati da barriere coralline. Questa riserva marina può essere raggiunta in barca dalla città di Shimoni, un viaggio durante il quale si possono vedere diverse specie di delfini. Una delle principali attrazioni di questa zona è la rigogliosa vita marina, comprese le più grandi mante dell’Africa. Si possono anche avvistare pesci angelo, pesci farfalla o tartarughe embricate (Eretmochelys imbricata).

Richiedere il visto Kenya

Non è un problema se non hai un brevetto subacqueo quando arrivi in Kenya. Ciò di cui hai bisogno prima di partire è un visto Kenya. Si tratta di un’autorizzazione di viaggio elettronica obbligatoria rilasciata dal governo keniota. Puoi richiedere il tuo visto Kenya per una vacanza subacquea o per praticare altri sport acquatici in Kenya facilmente online, utilizzando il modulo di richiesta di questo sito web. Dopo aver compilato il modulo, è necessario caricare alcuni documenti, come una scansione o una foto del tuo passaporto e una conferma di prenotazione o una lettera di invito. Una volta concesso, il visto Kenya ti permette di rimanere nel Paese per un massimo di 90 giorni. Questo ti dà abbastanza tempo per combinare un safari con le immersioni subacquee nelle varie riserve e siti di immersione menzionati in questo articolo. Se lo desideri, puoi prolungare il tuo soggiorno fino a un massimo di 180 giorni presso la sede del Dipartimento per l’Immigrazione in Kenya. Tuttavia, non è garantito che l’estensione venga effettivamente concessa.