Notizia | | 27/11/2020 | Tempo di lettura: ±3 minuti

Per molti viaggiatori è un sogno guidare una jeep nella savana e avvistare i "Big Five" nel loro habitat naturale. I safari possono essere molto costosi, ma con un poʼ di ricerca e di preparazione è molto fattibile fare un safari economico in Kenya. La preparazione di un safari prevede anche la richiesta di un visto Kenya.

Il safari è nato in Kenya

Il concetto di safari è nato in Kenya, grazie alle 25.000 specie animali diverse che vivono nel Paese. Di conseguenza, lʼindustria del turismo e dei safari in Kenya è molto sviluppata, il che significa che ci sono molte opzioni tra cui scegliere in termini di alloggio e trasporto, e che i tour e gli autisti hanno prezzi relativamente competitivi. Inoltre, la situazione politica del Kenya è generalmente stabile e il Paese è considerato uno dei più sicuri in Africa per i turisti. Oggi il Kenya è una delle destinazioni più popolari per i safari.

Dallʼinizio della crisi dovuta al Coronavirus a metà marzo cʼè stato un “baby boom” tra gli elefanti del parco nazionale di Amboseli: sono nati non meno di 140 cuccioli di elefante. Ciò è il risultato, in parte, dellʼassenza di turisti a causa del Coronavirus, ma anche della grande quantità di precipitazioni cadute, grazie a cui gli elefanti avevano più cibo a disposizione.

Un safari più economico

Un safari non è mai economico; anche nel modo più economico, un safari costerà sicuramente molto di più della media delle vacanze in Africa. Tuttavia, è unʼesperienza impagabile.

Organizzando lʼalloggio e il trasporto da soli invece di prenotare un tour organizzato, è possibile mantenere bassi i costi. Ci sono decine di campeggi intorno al Masai Mara, il parco nazionale più popolare del Kenya. I campeggi più economici si trovano fuori dal parco e costano in media 30 dollari (USD) a notte (o 15 dollari se si porta la propria tenda). Il modo migliore per recarsi lì è con un taxi condiviso (“matatu”), che costa soli 10 dollari. Tuttavia, bisogna tenere presente che questi campeggi tendono a riempirsi rapidamente.

Tutti i campeggi offrono “game drive” che non hanno bisogno di essere prenotati in anticipo. Per circa 170 dollari è possibile noleggiare una jeep che può essere condivisa con un massimo di 6 persone. Questo prezzo include un autista, una guida e una jeep 4x4.

Non ci sono supermercati nel parco e nei dintorni e un pasto in uno dei campeggi più economici di solito costa almeno 15 dollari. Se hai un budget limitato e vuoi risparmiare sui costi, è consigliabile portare il tuo proprio cibo. In questo modo è possibile fare un safari in Kenya per un budget compreso tra i 180 e i 250 dollari a persona.

Richiedere il visto per un safari in Kenya

Il costo del visto Kenya ammonta a 74,95 € a persona. Il visto può essere richiesto facilmente online e il costo del visto Kenya elettronico è inferiore rispetto a quello del visto richiedibile al consolato. Tutte le spese consolari, i costi di servizio e le tasse sono inclusi: non saranno addebitati costi amministrativi, costi di transazione o altri costi aggiuntivi. I bambini fino a 15 anni non hanno bisogno di richiedere un visto, devono solo essere in possesso del proprio passaporto se viaggiano con i loro genitori; le famiglie possono quindi risparmiare gran parte dei costi del visto. Il visto viene di norma concesso e inviato via e-mail dopo circa una settimana.

Attenzione: questo articolo concernente il visto per il Kenya è stato scritto più di un anno fa. Potrebbe contenere informazioni e consigli datati che non possono conferire alcun diritto. Se stai per partire per un viaggio e desideri sapere quali siano le norme attualmente in vigore, ti invitiamo a leggere tutte le informazioni attuali riguardanti il visto per il Kenya.