Notizia | | 30/12/2020 | Tempo di lettura: ±4 minuti

L’Australia è circondata da barriere coralline con migliaia di specie di pesci e altre forme di vita marina, il che la rende una destinazione perfetta per gli appassionati di immersioni. Tutti conoscono la Grande Barriera Corallina, ma l’Australia ha ancora molti altri luoghi di immersione meno conosciuti, ma altrettanto belli. Una vacanza subacquea in Australia richiede alcuni preparativi, tra cui la richiesta di un visto Australia. Può eventualmente anche essere utile prendere lezioni di immersione per ottenere un brevetto per le immersioni.

Prepararsi per un viaggio subacqueo in Australia

Chi non ha un brevetto subacqueo può ottenerne uno in Italia prima della partenza, ma anche in Australia vi sono molte scuole di immersione dove è possibile ottenere un brevetto. Per poter fare le immersioni in Australia è necessario un brevetto subacqueo "Open-Water" riconosciuto a livello internazionale, ad esempio un brevetto PADI. La sigla PADI sta per "Professional Association of Diving Instructors", un’organizzazione di formazione subacquea che offre vari corsi, come le immersioni in acque libere, le immersioni subacquee e corsi specifici per i subacquei esperti. Un corso di solito dura quattro o cinque giorni e consiste in una visita medica, lezioni teoriche, lezioni pratiche in acque confinate (piscina) e in acque libere (mare o laghi).

Oltre al brevetto subacqueo, è necessario un visto per un viaggio subacqueo in Australia. Il visto Australia eVisitor è adatto ai turisti e può quindi essere utilizzato anche da chi si reca in Australia per fare immersioni. Questo visto può essere richiesto online in modo semplice e veloce e viene di solito concesso nel giro di cinque giorni lavorativi.

La Grande Barriera Corallina

La Grande Barriera Corallina è forse il luogo di immersione più famoso del mondo. Con una lunghezza di oltre 2.000 chilometri è la più grande barriera corallina del mondo. La barriera corallina si trova nel Mar dei Coralli al largo della costa del Queensland, nel nord-est dell’Australia. Dal 1981, la Grande Barriera Corallina è inclusa nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. La barriera è anche nota come una delle sette meraviglie naturali del mondo e ospita, tra l’altro, razze, tartarughe marine, squali e delfini.

Negli ultimi anni, la Grande Barriera Corallina è stata gravemente danneggiata a causa della presenza umana. L’aumento della pesca, il cambiamento climatico e i numerosi turisti che ogni anno visitano la zona rappresentano una seria minaccia per la sopravvivenza della barriera corallina. Negli ultimi 25 anni, le dimensioni della barriera corallina si sono quasi dimezzate. Il governo australiano ha quindi avviato progetti per migliorare la qualità dell’acqua. I subacquei sono pregati di fare attenzione quando visitano la barriera corallina e di non toccare o togliere il corallo.

La barriera corallina di Ningaloo

La barriera corallina di Ningaloo è molto meno conosciuta della Grande Barriera Corallina, ma molti subacquei trovano questo reef altrettanto o anche più impressionante. La barriera corallina di Ningaloo si trova sulla costa occidentale dell’Australia e dal 2011 questa barriera corallina si trova nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, così come la Grande Barriera Corallina. Nella barriera corallina di Ningaloo vivono più di 500 specie di pesci e a giugno e luglio è possibile avvistare anche squali balena e megattere.

L’entrata della barriera corallina di Ningaloo è Coral Bay, un piccolo luogo remoto a circa 1.150 chilometri a nord di Perth. La barriera corallina si trova nella baia di Coral Bay, quindi non c’è bisogno di andare molto al largo con una barca. Un’altra città costiera vicina alla barriera corallina di Ningaloo è Exmouth, che si trova a circa 150 chilometri da Coral Bay.

Richiedere un visto Australia

Una parte importante degli preparativi per un viaggio subacqueo in Australia è la richiesta di un visto. Di solito, i turisti italiani possono beneficiare di un visto Australia eVisitor. Questo visto permette di soggiornare in Australia per tre mesi alla volta, il che è sufficiente per fare immersioni sia nella Grande Barriera Corallina che nella barriera corallina di Ningaloo e, se necessario, prendere lezioni di immersione per ottenere un brevetto subacqueo.

Il visto Australia può essere richiesto subito, utilizzando il modulo di richiesta online. Dopo aver compilato il modulo ed effettuato il pagamento dei costi, la richiesta verrà immediatamente presa in carico. Una volta che la tua richiesta di visto è stata approvata, riceverai il visto per e-mail, in media entro cinque giorni lavorativi. Dovrai solo stamparlo e portarlo con te durante il viaggio in Australia. Se hai bisogno del visto entro pochi giorni, puoi presentare una richiesta urgente. Di solito, le richieste urgenti del visto Australia vengono elaborate entro un’ora.